Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0007-007 0012-012 i-23 p-16 corrida17 sl372211

Donato il Confinato

Condividi questo articolo

di Rita Bosso

 

Donato il Confinato

INVITA

ponzesi, amici di Ponza, lettori di Ponzaracconta alla presentazione di APPonza, lunedì  29 maggio alle ore 17, nella Sala degli Specchi di Frascati (piazza Marconi, 3).

Da giugno Donato il Confinato andrà in giro per Ponza, a bordo degli smartphone di coloro che scaricheranno la app. Racconterà chi, come e quando del confino e, soprattutto, racconterà dove. I luoghi sono disseminati in un’area delimitata dalla Via del Confino: è il nome che usa Donato, unificando in un unico toponimo stradine che siamo abituati a chiamare diversamente: Scarpellini, Canalone, Dragonara e via percorrendo.
La Via del Confino delimita un parco storico-letterario di grande interesse, che è stato istituito nel 1928 dal fascismo e che è sopravvissuto sino ad oggi, anche se pochi se ne sono accorti.

Donato il Confinato si sforzerà di parlare a tutti; chiacchiererà, si spera, con la turista in pareo che ha una certa allergia alla storia sin da quando frequentava le medie, però ricorda con simpatia Pertini e vuol vedere dove ha abitato;  si intratterrà più a lungo con lo storico che ha letto tutti i libri e spulciato negli archivi e, arrivato a Ponza, cerca ciò che le lettere dei confinati non contengono e non possono contenere, ossia i dati relativi ai luoghi.
Camilla Ravera ne spiega il motivo: ai confinati era vietato citare i nomi dei luoghi e dei compagni nelle lettere, lei non lo sapeva, di conseguenza le prime lettere che scrisse ai familiari non superarono il vaglio della censura. Evidentemente le regole che vigevano a Ponza, colonia affollatissima, erano più severe di quelle applicate a San Giorgio Lucano, dove la Ravera aveva trascorso un anno di confino.

Donato il Confinato non poteva che portare il nome che porta.
La faccia gliel’ha donata Giosuè Coppa, giovane e valente web designer.
La voce gliel’hanno donata i ponzesi che hanno scavato nei ricordi affinché un pezzo della storia dell’isola fosse recuperato e conservato.
Gli studenti del liceo Volterra di Ciampino gli hanno donato il veicolo sul quale percorrere la Via del Confino, la Pro Loco Ponza gli dona ospitalità sul suo sito.

Venite a conoscerlo, se potete. Donato vi aspetta a Frascati lunedì 29 maggio e, da giugno, a Ponza lungo la Via del Confino.

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.