Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-20 103 44 corrida11 barche-tirate-a-secco Prateria di Posidonia oceanica

Dal monte Aprea. (4). I tempi delle tortore

Condividi questo articolo

di Aniello Aprea

 

Maggio, il mese delle tortore. Ne passavano tante sulla Piana Incenso. Tante che non ce la facevamo a metterle nella tasca. Le ammucchiavamo a terra. Qui il mucchietto mio, più avanti il mucchietto di Salvatore. Si sparava e si ammonticchiavano, senza posa. Ad un certo momento Anna ’i Sacco, dal basso, fece segnali che stavano salendo i Carabinieri. Ah… beh… non ho specificato che s’era in tempo di caccia chiusa.

In fretta raccogliemmo gli uccelli e di corsa ci dirigemmo, io e Salvatore, nella parte opposta al sentiero che porta su, ovvero verso Punta Rame (caparanne).

Davvero non capimmo niente più. Non il bello che ci circondava, non il piacere d’essere in un punto magico dell’isola. Vedemmo che un altro Carabiniere stava salendo dal versante di Cala Fonte. Insomma ci sentimmo accerchiati. Allora nascondemmo i fucili sotto le macchie e prendemmo la discesa verso Punta Rame. Il sentiero portava a mare e il carabiniere, che ci aveva visto, ci seguiva.

Passava la barca di un amico. La facemmo accostare e vi caricammo i cani. Era un’ altra prova di colpevolezza che allontanavamo da noi. La barca con i cani si allontanò.
Il Carabiniere dall’alto questo vide: uomini e cani in fuga sulla barca. Non proseguì l’inseguimento di noi che, invece, stavamo a terra acquattati arret’ i scoglie. E lì rimanemmo a lungo. Tanto che venimmo raggiunti dai cani e fummo sicuri che il pericolo era passato.

Narro questo non per vantare la nostra furbizia né per invogliare al bracconaggio. Erano altri tempi..! Il rapporto con l’isola permetteva certi azzardi che oggi sarebbero inopportuni, inadeguati, inaccettabili. La natura va amata non violentata.

L’età non è più quella… e nemmeno le tortore sono più quelle !

Oggi ci allietano col canto le tortore appaisanute per tutto l’anno. Manca soltanto un po’ il loro sapore nei piatti. Ma altri cibi altrettanto saporiti ne hanno preso il posto.

 

La tortora dal collare o tortora orientale (Streptopelia decaocto)

Condividi questo articolo

1 commento per Dal monte Aprea. (4). I tempi delle tortore

  • Biagio Vitiello

    Caro Ingegnere,
    ti faccio sapere che le tortore dal collare (le palombelle) si sono “appaisanute” perchè, oltre dieci anni fa volarono via dalla mia voliera grazie ai buchi che avevano fatto i topi. Ora con grande gioia e meraviglia hanno popolato tutta Ponza.
    Mi preme farti sapere anche un’altra cosa gradita a tutti noi ponzesi, è la nidificazione anche di cardellini e di qualche merlo (compreso il Passero solitario) che avviene nel mio giardino, ed è stupendo sentirli cantare al mattino in versanti opposti della collina Belvedere dove abito.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.