Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-18-2-di-4 u-37 vdp-02 dc k2-25 asilo-01

Auguri di Pasqua

di Francesco De Luca

.

Non so fare diversamente. Quando mi dispongo alla serenità le parole prorompono in dialetto. Il linguaggio della fanciullezza… il linguaggio della terra.
Di questa isola, bisognosa soltanto d’essere amata.

 

Na vita luntana… vecina a me

‘U ventariello d’a matina sape i rusata,
move i fugliulelle c’u sole accummencia a scarfa’,
nu velo rosa è spaso ‘ncopp’ u mare
ca pare addurmuto tant’ è calmo,
pure vecin’ i scoglie e ‘nsin’a marina.
E’ na vita luntana…
d’u traffico d’ a ggente
ca senza repose corre
aret’a nu munno ‘i maleparole,
‘i male penziere,
‘i mal’azione.

D’i pparte meie se mangia
quanno sona ‘a campana,
e si ‘u vapore nun vène
se sta cchiù tiempo ‘nsieme.
Se sente ‘u frùscio d’u petterusso
dint’ i fronne,
e i lamiente d‘ u mare p’u levante.
Ma… aspetta aspetta…
se sta arreteranno na varca ‘a mare…
vaco a’ ccatta’ nu chilo ‘i calamare,
pecché dimane sarrà tiempo ‘i “pisce e cucchete” *.

Luntano ‘a cca
ce sta chi se da’ ‘a morte
pe nu ddio senza scrupole,
ce sta chi se sparte ‘a terra
primma ca i scrupule l’atterrano,
e chillu viecchio tremmulèa
ncopp’a carruzzella rassignato
e chella figliola rire pecché se sente guardata.

‘Na scia ‘i fummo ‘ncielo
dice ca l’aereo sta passanno
e tanta persone vanno… e vanno.

Luntano…
luntano ‘a vita se spiccia.
Pe’ cierte va liste
 pe cierte se ‘mpiccia.
Macina sorde, paure,
sentemiente,
macina ‘u tiempo.
Na vota ero biondo
e mo tengo ‘u mellone.
Quanno ero pitte tenevo appaura d’u scuro
e mo m’appacio quanno stongo sulo
e attuorno è notte.

Cu me,
na mano stregne ll’ata mano,
comme a vule’ chiude ‘a linea.
Ma po’ ll’uocchie cercano ‘a luce
e dint’ a chella senga ‘i chiaro
pigliano forme ‘i storie.
Parleno ‘i na terra bagnata d’u mare,
cu ‘i case ncopp’ u puorto affacciate
e ‘a ggente traffeca
vecino ‘i varche e attuorne ‘i vite,
‘a piazza, ‘a chiesa,
i zamperevite ca guardeno ‘i cale,
i viarelle scarrupate,
e ‘u ventariello d’a matina ca sape ‘i rusata.

 


*Espressione gergale ponzese: pisce nel duplice significato: 1- urina, vai ad urinare; 2- pesci a pranzo; cucchete: vai a letto, a dormire.
Significato in senso lato: col brutto tempo che incombe sull’isola non c’è da fare altro che desinare e andare a letto.

Questa la versione recitata

Devi essere collegato per poter inserire un commento.