Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ponza racconta p-18-4di4 30-07-2005-19-31-11_0003 91a 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_ Myriapora truncata

Scopri Ponza, l’isola del Mediterraneo, di Gillian Sagansky

Condividi questo articolo

tradotto e proposto da Silverio Lamonica

.

Ormai siamo in primavera, le giornate sono belle e invitano già ad uscire in barca. In molti progettano le vacanze e tanti già si avventurano a Ponza per un primo assaggio. Così, a furia di “navigare sul web”, ho incrociato questo simpatico articolo di Gillian Sagansky, artista, scrittrice e DJ statunitense, che vive a Manhattan e – naturalmente – anche lei rapita dal fascino della nostra isola.
Silverio Lamonica

.

Scopri Ponza, l’isola del Mediterraneo
il luogo della vera vacanza italiana

di Gillian Sagansky

17.08.2016

(Per il testo originale in lingua inglese cliccare il file): http://www.wmagazine.com/story/ponza-italy-secret-island-beyonce-rihanna

Fabrizio, il mio fidanzato italiano, fin da quando l’ho conosciuto, mi ha parlato di Ponza, l’isola della vera vacanza dei romani, dove lui trascorre l’estate con la sua famiglia fin dalla fanciullezza. In America sembra che nessuno ne abbia mai sentito parlare, malgrado sia abbastanza accessibile, a differenza della maggior parte delle isole. Qui non occorrono due voli, disavventure coi bagagli, vari tram, taxi o tre dosi di dramamina.

Quando ho intrapreso il mio viaggio inaugurale a Ponza, mi chiedevo: in che modo questo posto abbia potuto celarsi al mondo? È possibile che i romani abbiano voluto tenerla solo per loro?

Dopo l’atterraggio a Roma, guidammo per un’ora verso sud fino al porto di Anzio dove prendemmo una nave per l’isola. Le auto erano scarse, la maggior parte delle persone si avviava direttamente dal porto ai loro alloggi, col proprio bagaglio al seguito. Come ci siamo incamminati lungo la strada principale (ce n’è solo una), la sorprendente chiave di basso dell’isola, l’atmosfera rilassata fu immediatamente evidente. Le strade dell’isola non erano perfettamente curate come pure la flora e la fauna selvatica. La gente sedeva all’aperto in abbigliamento da spiaggia, felicemente ignara di chi c’era intorno, piuttosto le persone sbirciano dietro vistosi occhiali da sole, come per riprendere con instangram ciotole di patatine e olive, posizionate accuratamente vicino a Mojito dall’aspetto stravagante. Qui la vita era semplice, lungi dall’essere disturbata dall’ostentazione, dal tramonto all’alba, della cultura dei party , tipici dei punti più caldi del Mediterraneo come Mikonos, Ibiza, le Maldive e Formentera. Questa modestia è il principale appeal di Ponza, che offre una tregua dal fasto abbagliante e dal costo elevato e dalle strade disseminate di paparazzi di altre isole italiane come Capri.

Ponza si avverte come un segreto. Il fascino dell’isola risiede nella sua atemporalità e semplicità, attraendo la folla alla moda e le celebrità come Rihanna, Bruce Springsteen, Mariah Carey, Beyoncé e Jay Z. C’è un po’ di shopping, salvo che per alcuni negozi dove vendono cappelli di Panama e costumi da bagno e senti parlare in poche lingue oltre all’italiano. Durante il giorno la gente noleggia barche a motore che, dal porto, vanno a gettare l’ancora in una delle alcove senza vento intorno all’isola. Si trascorre la giornata facendo immersioni dalla barca, gustando mozzarella fresca, pomodori e focaccia. Ugualmente semplice è la vita notturna, un aperitivo al tramonto seguito da una cena che si protrae fin quando ci si regge in piedi.

Nella mia ultima sera nell’isola, incontrai un sessantenne nato a Brooklyn, “Taxi Joe”, il quale si è trasferito a Ponza quando aveva 23 anni ed ora porta avanti e indietro la gente per l’isola, col suo put-put. “Avete bisogno d’altro? – chiese – Ottimo cibo, bella gente, e c’è sempre il sole”. La vita è bella.

Ponza è il segreto delle Fendi gelosamente custodito

Leonetta Luciano Fendi
(photo by @silviaventurinifendi)


Per ballare
Covo Nord Est
, l’unica discoteca sull’isola, dove troverai folle di ventenni. Saluta Italo Disco

Per un drink
Bar Tripoli,
situato proprio sul corso principale, i clienti vi arrivano con la sabbia della spiaggia ancora appiccicata addosso, per uno Spritz di prima sera per due, a quattro euro ciascuno.

Il Melograno, in una villa in vecchio stile Mediterraneo, questo ristorante-bar è perfetto per chi cerca un aperitivo più raffinato. Bisogna arrivarci presto per assicurarsi un posto a sedere nel salotto a bordo piscina.

Per mangiare
Il Tramonto,
Chiama un taxi e dirigiti verso questo ristorante in alto sulla scogliera, per ammirare un tramonto davvero mozzafiato, restando sulla terrazza. Ordina la “Pasta Il Tramonto” una pasta a base di crema di zucchini, è la specialità della casa ed è la migliore pasta che tu abbia mai mangiato.

Ristorante Eea, si trova nel centro del paese. Il ristorante è famoso per i piatti di pesce, inimitabili per qualità ed ingredienti. Pesce fresco di giornata e sempre locale (naturalmente).

Per alloggiare
Grand Hotel Chiaia di Luna
, situato in un antico anfiteatro con veduta sul porto dell’isola. L’Hotel ha tutto il fascino delle oasi del Mediterraneo, a dieci minuti di cammino dal centro del paese; è perfetto per coloro che non vanno in barca o in un Airbnb.

Tradotto da Silverio Lamonica
In condivisione con www.buongiornolatina.it

Nota: le immagini di Ponza sono di De Agostini/Getty

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.