Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

40 ss01 ss14 ss28 corrida15 Il corallo solitario:  Balanophyllia europea

Gli Auguri musicali in ritardo di Giovanni

Condividi questo articolo

inviato da Giovanni Hausmann
Schermata video

 

A tutti i lettori di Ponzaracconta invio, anche se con ritardo, i miei migliori auguri.
Giovanni

 

Guarda e ascolta qui dal file mp4

.

.

Ringraziamo Giovanni e gradiremmo saperne di più del gruppo – Pentatonix – PTX – e del perché ha pensato di dedicare questa esecuzione a Ponzaracconta.
I Pentatonix sono un ensemble vocale americano; il loro nome deriva da “pentatonic” (in italiano “pentatonica”), ovvero una scala musicale formata da cinque note, che rappresentano appunto le loro cinque voci ed estensioni vocali diverse.
Eseguono qui un brano tradizionale: God rest ye merry gentleman

Ricordiamo un gruppo vocale  – The Swingle Singers – nato dagli anni ’60 e, sembra, tuttora in attività, innovativi per l’epoca; capaci di simulare con la sola voce diversi strumenti tanto che solo in un secondo tempo ci si accorgeva che mancava un accompagnamento musicale.

Il video qui presentato, oltre alla bravura dei performer, è caratterizzato da una notevole abilità nel montaggio delle immagini, sincrono con la musica. Davvero notevole!
La Redazione

Condividi questo articolo

1 commento per Gli Auguri musicali in ritardo di Giovanni

  • Giovanni Hausmann

    Ahhh! I Swingle Singers, come no? Mi ricordo! Ero appassionato anche della loro musica che poi ha riempito le sigle di diversi programmi televisivi (Superquark) e spot (mi sembra Fernet Branca o qualcosa del genere).
    È una buona occasione di risentire il loro Libertango (https://www.youtube.com/watch?v=-uiG5jJavTU) che è un massaggio all’anima!
    Quanto ai Pentatonix sono contento che siano piaciuti. Mi sono capitati in mezzo a milioni di auguri natalizi più o meno apprezzati. Mi hanno letteralmente stregato, sia per la cura del video, giustamente richiamata dalla redazione (che emerge in maniera evidente ma non esagera più di tanto), ma anche per il fascino del loro entusiasmo e della allegria composta di ciascuno di loro. In particolare sono rimasto affascinato da Kirstin Maldonado che mette nel gruppo il suo innegabile fascino latino. Insomma una grande interpretazione!
    A pensare che sono usciti fuori da un Talent show texano (paese che nel nostro senso comune, non brilla proprio di grande garbo e sensibilità!)
    Se avete modo di andare sul web ascoltate anche Somebody that I use to Know (https://www.youtube.com/watch?v=hOKuAigsrec): vale la pena!
    Ancora auguri!
    Giovanni

Devi essere collegato per poter inserire un commento.