Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k2-33 v1-22 v3-10a 48 premiazione-vincenzo-onorato Forme multicolore di spugne incrostanti

Brutte notizie dalla Sardegna

Condividi questo articolo

di Sandro Vitiello

 

Da quasi due giorni manca all’appello, a Santa Teresa di Gallura in Sardegna, Gaetano Aprea.
Venerdì era uscito in mare con la sua barchetta ma non ha più fatto ritorno.

Il suo gozzo di cinque metri è stato trovato semisommerso tra gli scogli della costa di Capo Testa.

0036

Sono più di trentasei ore che i mezzi di soccorso e le imbarcazioni dei parenti e degli amici di Gaetano perlustrano palmo a palmo la costa a ponente di Santa Teresa ma fino a questa mattina di Gaetano neanche un segnale.
Purtroppo il ritrovamento della barca nelle condizioni che si diceva non fa ben sperare.

Gaetano Aprea e la sua famiglia sono molto conosciuti a Santa Teresa.
Lui è figlio di “Mastu Peppe”,  fratello di Luigi Aprea detto “Cacicazzola”

“Mastu Peppe” era un bravo carpentiere: faceva dei bei gozzi lunghi fino a cinque metri nella zona dove adesso c’è il distributore di benzina a Le Forna.

La moglie di Gaetano è una Spigno.

Gaetano andava in barca per spasso, casomai con un bolentino o una totanara.
Aveva settantaquattro anni ed aveva passato una parte della sua vita anche negli Stati Uniti.

In Sardegna, prima di tanti altri, aveva creduto nello sviluppo turistico della zona di santa Teresa di Gallura e i successi professionali sono non sono tardati ad arrivare.

Senza dimenticare il mare e soprattutto quella felice stagione della pesca al corallo ad Alboran.

0039

Amici di Santa Teresa impegnati nelle ricerche mi dicevano che le prossime ore saranno decisive, anche se le speranze si riducono con il passare del tempo.
Prima di sera da quelle parti arriverà un vento di tramontana molto forte e sarà dura uscire in mare.

Speriamo bene.

 

Ultimora (12.30): meno di mezz’ora fa il corpo di Gaetano Aprea è stato trovato all’ingresso del porto di santa Teresa di Gallura, vicino al fanaletto.
Era nascosto alla vista, dietro ad uno scoglio.
L’ha individuato dall’alto l’elicottero che partecipava alla ricerca.

Adesso la salma è stata portata sulla banchina di Santa Teresa, a disposizione dell’autorità giudiziaria e del medico legale.
Purtroppo questa vicenda ha avuto il suo triste epilogo.

Alla famiglia di Gaetano Aprea le condoglianze della redazione di Ponzaracconta.

 

L

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.