Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0019-019 f-b s-01 miniera m3-22a L'ingresso pricipale delle grotte di Pilato presso il porto

Calcio Ponza. Recupero della VI Giornata

Condividi questo articolo

riceviamo in redazione da Biagio Rispoli la cronaca  di Giovanni Califano
s-lorenzo-ponza-2-0

 

CAMPIONATO DI II CATEGORIA 2016-2017, GIRONE M
RECUPERO 6^ GIORNATA
Campo Sportivo Grunuovo-Campomaggiore San Lorenzo, Santi Cosma e Damiano

SS SAN LORENZO ASD – POLISPORTIVA DIL. PONZA: 2-0

Ponza e San Lorenzo tornano ad affrontarsi dopo gli incresciosi accadimenti dello scorso febbraio cui seguirono strascichi polemici e numerose squalifiche, oltre che un successo a tavolino per gli isolani.

Le due compagini pontine hanno messo da parte gli screzi recenti e sia l’undici di Perrotta che quello di Coppa pensano esclusivamente ai tre punti. I padroni di casa sono in leggero ritardo sul gruppo di testa, ma è anche vero che hanno già rispettato il turno di riposo; gli isolani sono sorprendentemente quinti e, vincendo, salirebbero addirittura al secondo posto.
Si prospetta però un pomeriggio tutt’altro che semplice per i gialloverdi che, in concomitanza con il turno infrasettimanale, devono fare a meno dei molti effettivi alle prese con impegni lavorativi e dello squalificato Vecchione (oltre che degli infortunati Scipione, Tescione e Cento) e che affronta il San Lorenzo nella propria tana: nessuno è riuscito a strappare punti a Campomaggiore.

Coppa non ha molta scelta, formazione obbligata e cambio di modulo: Califano tra i pali, De Meo, Repele, Vitiello F. e Vitiello A. il quartetto difensivo; Orlando e il capitano Rispoli compongono la cerniera di metà campo, con Migliaccio e Di Nallo spostati sugli esterni; Napolitano e Aprea S. in avanti, con il giovane classe ’99 al debutto dal primo minuto.

Ponza con la consueta maglia verde abbinata a calzoncini e calzettoni neri, San Lorenzo in completo blu notte con inserti azzurri e gialli.
Arbitra Bauco di Frosinone.

Neppure il tempo di far prendere posto agli spettatori giunti in ritardo a Campomaggiore che i padroni di casa sono già in vantaggio. A Vecchio bastano due giri d’orologio per prendere il volo tra i centrali ponzesi e spedire il pallone in rete; cross col contagiri dalla destra di Neri e per l’esperto numero 10 è tutto fin troppo semplice, 1-0. Come domenica scorsa a Spigno, il Ponza si “regala” un pomeriggio in salita.

Ancora Vecchio protagonista al 5°, ma il suo gran destro dall’altezza del dischetto viene respinto a mano aperta da Califano che neutralizza, a conti fatti, un rigore in movimento.

Avvio di grande spessore degli uomini di Perrotta, Ponza troppo timido.

All’8° punizione da posizione defilata per il Ponza. Tutti si aspettano il traversone, invece Di Nallo prova la conclusione a sorpresa e Veneziano è costretto a mettere in corner.

Napolitano tenta l’eurogol da tre quarti campo: il suo mancino volante termina abbondantemente a lato.

Nonostante queste due opportunità, il Ponza dà l’impressione di essere troppo spuntato, mentre i padroni di casa conducono le azioni e tentano di mettere in difficoltà gli isolani sulle corsie laterali; Migliaccio e Di Nallo, adattati sugli esterni, sono costretti a fare la doppia fase e si sacrificano per i compagni, perdendo però incisività.

Al 18° dopo un maldestro rinvio di Vitiello F. su cross ancora di Neri, Vecchio colpisce a colpo sicuro da due passi, ma ancora Califano gli dice di no.

Il Ponza attende sornione e al 26° ha la grande chance per rientrare in partita: lancio da centrocampo lungo per tutti con Di Nitto che attende l’uscita di Veneziano; Napolitano ci crede, si incunea tra i due e di testa anticipa il portiere. La palla, lemme lemme, sta per terminare in rete, ma la provvidenziale chiusura di Zinicola salva il San Lorenzo.

Alla mezz’ora Coppa richiama il giovane Aprea in panchina (fino a lì più che dignitosa la sua prova) e manda in campo l’ancor più giovane Ambrosino, ritornando al 4-3-3 e sgravando Migliaccio e Di Nallo dal lavoro di copertura.

San Lorenzo ad un passo dal raddoppio al 37°: ancora splendido cross di Neri dalla fascia che taglia fuori tutta la difesa, Di Pastena anticipa Vitiello A. ma buca il colpo di testa da pochi passi.

E’ l’ultima azione degna di nota di un primo tempo condotto quasi esclusivamente dal San Lorenzo, bravo a sbloccare subito il match e costringere i ponzesi a scoprirsi. Ponza apparso sterile in fase offensiva e pigro in fase di non possesso.
La ripresa si apre ancora con il duello Vecchio-Califano: l’attaccante classe ’77 si ritrova la palla buona sugli sviluppi di un corner, ma il portierone ponzese gli sbarra di nuovo la strada, questa volta con il piede.

Al 53°, però, il numero uno capitola: ripartenza del San Lorenzo sulla fascia destra, con De Meo fuori posizione a causa di uno scontro di gioco cui non è stata data copertura dai propri compagni, Vecchio viene imbeccato in profondità e lascia partire una saetta da posizione decentrata che sorprende Califano sul suo palo. Il San Lorenzo raddoppia con il suo uomo migliore e costringe giocoforza il Ponza, fin lì evanescente, a scoprirsi.

Gli uomini di Perrotta sono padroni del campo, gli isolani non riescono ad abbozzare un pressing efficace ed il giro palla laurentino ringrazia.

Al 66° padroni di casa vicini al terzo gol con Di Pastena che brucia sullo scatto Vitiello F. ma, arrivato in area con davanti solo il portiere, ciabatta malamente a lato.

Ci prova Migliaccio su punizione un minuto più tardi: Veneziano blocca in due tempi.

Il Ponza tenta generosamente di gettarsi in avanti, ma lo fa con poca organizzazione e, conseguentemente, si aprono voragini per i contropiede laurentini.

Vecchio manda in porta Di Pastena, il numero 9 viene fronteggiato da Califano che lo costringe a decentrarsi troppo; quando calcia verso la porta, l’angolo di tiro è vicino allo zero e i difensori ponzesi, nel contempo rientrati, spazzano via.

Ancora Di Pastena in campo aperto al 69°, Califano gli sporca la palla col piede prima che De Meo liberi l’area provvidenzialmente.

Gli ultimi venti minuti scivolano via senza guizzi, i due tecnici usano il tempo a loro disposizione per le sostituzioni di rito; Coppa manda in campo i giovanissimi Aprea I. e Scotti Salv. regalando loro qualche minuto, mentre Perrotta regala la standing ovation al bomber Vecchio.

Per il signor Bauco due minuti di recupero sono più che sufficienti: il Ponza non sfata il tabù San Lorenzo e cade a Campomaggiore 2-0.

 

Brusco passo indietro per il Ponza a San Cosma e Damiano; dopo cinque risultati utili consecutivi si interrompe la striscia positiva (quattro vittorie ed un pareggio) e fallisce la scalata alla classifica. L’undici di mister Coppa ha disputato una partita insufficiente fin dai primi minuti, allorchè alla prima accelerazione i padroni di casa trovavano subito il vantaggio.

Rimaneggiato e con il gol sul groppone, il Ponza non è mai apparso in grado di recuperare lo svantaggio e solo le disattenzioni dei difensori avversari hanno permesso a Napolitano di sfiorare il pari. Gli isolani sono apparsi sterili e troppo accomodanti nei riguardi del possesso palla avversario: le assenze, a conti fatti, si sono fatte sentire. Poche le note positive, come le prestazioni di Califano e De Meo, oltre che le performance dei giovani canterani.

Il calendario consente al Ponza di rientrare subito in carreggiata e di dimenticare la debacle di San Cosma; domenica al Calacaparra arriva l’Atletico Itri per uno scontro d’alta classifica, uno scontro diretto inatteso e ad alto coefficiente di difficoltà.

 

Tabellino incontro

SS SAN LORENZO: Veneziano, Minchella, Aceto (De Silvestri), Zinicola, Di Nitto, Montana, Neri, Pastore, Di Pastena (Flagiello), Vecchio (Capraro), D’Onofrio.
A disp.: Calisi, Zangrillo, Grella, Vezza.
All.: Perrotta.

POLISPORTIVA DIL. PONZA: Califano, De Meo, Vitiello F, Vitiello A, Repele, Aprea S (dal 30° Ambrosino), Migliaccio (dall’83° Aprea I), Orlando, Napolitano, Rispoli D (C), Di Nallo (dall’84° Scotti Salv).
A disp.: Rispoli B.
All.: Coppa.

ARBITRO: Sig. Pierfrancesco Bauco della sezione di Frosinone.

MARCATORI: 3°, 53° Vecchio.

NOTE: ammonito Pastore (S).

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.