Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-04 u-29 g-02 lamonica-01 articolo2 Ritrovamento della parte muraria del vecchio porto romano

La rivolta dei conigli

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Venerdì pesce copia Tutti usi

 

Giggino – Sient’a mme, cca ’sta storia adda furni’. E mo’ bbasta! Ogni limite ha la sua pazienza!
Sang’ ’i Retunne – Si dice al contrario, comunque si è capito.

Gg – Cosa?
SR – La pazienza.

Gg – Ecco, ’a pacienze nun ce sta chiù. Mo’ è fernuta: è chiaro?
SR – Come no, chiarissimo! Era chiaro già quattro anni fa, ma qua nessuno si muove: si ha paura.

Gg – Mo’ però me so’ ’ngazzat’ io e hanno fernute ’i campa’. Questo è sicuro, ma è poco.
SR – Aeee! Stamm’apposta! Qual è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso? Dimmi!

Gg – Ma allora me vuo’ propiete fa ’ngazza’ malamente? Po’ i’ me scorde che te so’ amiche e chiave mazzate a’ ciecata!
SR – Mamma mia Giggi’ e comme stai… Che ho detto di male?

Gg – Uggesù, e so’ dumand’a fa’? Cca nun tenimme all’acqua ’a tre mise e tu me parl’i gocce che travasano. Ma si’  o nun si’ ’nu fetente?
SR – A ecco, adesso ho capito cosa ti ha fatto inferocire: l’acqua che manca!

Gg – E ciertamente all’acqua: i’ comm’ addacqu’i mulignane ’i chi l’è muorte?
SR – Ah, i mulignane songh’u problema! Ho capito… E cosa intenderesti fare? Dimmi.

Gg – ’Na rivoluzzione generale. I mulegnane ammusciate vonne vendetta!
SR – Azz! Addirittura generale? E chi la dovrebbe fare questa rivoluzione? Famm’accapi’!

Gg – Chille che tènene ’u curaggio e i palle p’a fa’. E chi sinnò?
SR – Pure tu, naturalmente?

Gg – E pecché, tenisse co’ccose ’a dicere?
SR – No no, pe’ carità!!

Gg – Quando se’ngazz’ Giggino so’ dulure ’i panza! È chiaro?
SR – Come no? Lo domando ad Assuntina cosa accade quando se’ngazz’ Giggino?

Gg – Che vuliss’ dicere? Tu a chella llà l’he lascia’ perde. Assuntina nun fa testo! Io le dongo sempe raggione sinnò l’aggia accide.
SR – E mo’ accussì va a furni’.

 (Qualche settimana dopo)

Gg – ’Uagliò, tu ca saie tanti ccose, he studiato, si’ rispettato, te saie veste, sai pure parlare ’taliano… sei amico mio vero?
SR – Azz! Mi schife sempe e mo’? Quand’u diavole t’accarezza… Io ti conosco bene a te, mo’ che te serve?

Gg – Ti piacerebbe partecipare alla rivolta?
SR – Ah! Ecco perché sei diventato gentile! Dipende da cosa dovrei fare.

Gg – Embè, devi fare ’na cosa importante. Tu si’ ’mportante e he fa’ i cose importante! Mica te può ammesca’ ch’i cafune?
SR – E certamente!  Dai, sputa il rospo, cosa dovrei fare?

Gg – Allora: mentre nuie menamme  ghiastemm’ ’i mamme e ’i pate alloro, aizzamm’i mmane ’ncielo e facimme i pernacchie ‘a luntano … uno adda fa’ i fatti..!
SR – Scusa, e che rivoluzione è chesta? Cento strillano ed uno mena? Non ho capito: e poi chi sarebbe questo che fa i fatti?

Gg – Uggesù, tu! Altrimenti ch’è studiat’a fa’?
SR – Ah! chesta me piace! Andate a fare le rivoluzioni con la pelle degli altri? Bravi… armiamoci e partite!

Gg – ’U vvi’? E poi ti lamenti pure? Su questo scoglio non si farà mai niente di buono: la gente non è capace di ribellarsi. È inutile che ci diamo da fare: site tutta ’na massa ’i cunigli traditori e buone a niente… Vuie.

 

Armiamoci-e-partite

Foto di copertina e qui sopra: una scena dal film “Armiamoci e partite”, di Nando Cicero, del 1971

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.