Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ponza racconta isi-04 k2-35 s 68a sl372216

Ho perso una sorella…

Condividi questo articolo
di Lino Catello Pagano
Lucia Mazzella
Ieri pomeriggio squilla il telefono ed era Peppino il marito di Lucia che mi diceva che Lei si era addormentata per sempre nell’abbraccio di Dio.
Mi sono sentito uguale quando ho perso mio fratello. Abbiamo passato l’infanzia insieme su e giù per Chiaia di Luna… si partiva al mattino presto per la nostra bellissima spiaggia e andavamo a caccia di polpi, poi le lunghe nuotate fino a Capobianco, ci si riposava e si stava in spiaggia fino alle 19.00. Ricordo come fosse oggi le corse per sopra Chiaia di Luna: dovevano ancora asfaltare la panoramica.
Era una persona di cuore, se aveva qualcosa e poteva dividerlo, lo faceva senza pensarci.
Lucia aveva avuto la fortuna di sposare una persona magnifica, Giuseppe Conte (Peppino), lui finanziere, lei casalinga. Si erano trasferiti a Monfalcone, hanno avuto due figli maschi: uno è Don Matteo, venuto anche  a Ponza e uno è Marco, amante della fotografia.
Ci siamo visti a Ponza per San Silverio 2014;  abbiamo passato due ore al bar di Ernesto, abbiamo rievocato tutto il passato, e poi ci eravamo promessi che come avesse terminato di ristrutturare la sua casa a Chiaia di Luna ci saremmo rivisti.
Abbiamo mantenuto un rapporto telefonico che mi faceva molto piacere.
Subito dopo Natale 2015 mi diceva che si sentiva sempre tanto stanca, allora le dissi di fare una visita medica… Loro avevano programmato il ritorno a casa a Monfalcone.
Dopo una settimana è entrata in ospedale; è stata operata ma senza togliere niente, ormai non c’era più niente da fare.
L’hanno messa nell’ospice dove non ti fanno più sentire i dolori. Le avevano dato tre mesi di vita e così è stato.La voglio ricordare com’era, nella foto che allego.

Condividi questo articolo

2 commenti per Ho perso una sorella…

  • conny42

    Ciao Lino, mi unisco a te nel ricordo di Lucia, carissima amica d’infanzia, di quando trascorrevamo le giornate ridendo e scherzando di tante cose. Avevamo niente e ci si divertiva con niente, con Giuseppina, che ho sentito oggi pomeriggio, con mia sorella Rosetta, anche lei molto dispiaciuta,.
    I ricordi belli di Ponza rimangono nella mente e nell’anima e li porteremo sempre con noi; per te in modo particolare ancora di più che hai trascorso con lei molti anni.
    Non ci resta che pregare per lei.
    Addio Lucia, riposa in pace.

  • Silverio Guarino

    Gli “Hospice” sono delle entità che esistono per alleviare ai malati ed ai loro cari, quel percorso che ci porta al grande viaggio.

    Ci si rivolge ad un “Hospice” quando non si possono più sostenere i sacrifici e i dolori correlati all’assistenza di una persona cara che ha una ridotta speranza di vita.

    Non si mettono le persone negli “Hospice” solo per ridurre il loro dolore; ci si rivolge ad un “Hospice” per migliorare la qualità di quella poca vita che i malati hanno davanti. Ci sono medici, infermieri, psicologi e operatori sanitari dedicati, che con grande professionalità e tatto, svolgono la loro opera con dignità e rispetto dei ruoli.

    Tutti prima o poi facciamo incontri con malattie gravi e senza via d’uscita; anche a me è capitato e la struttura “Hospice” della Casa di Cura “S.Marco” di Latina, mi ha accompagnato in questo doloroso percorso. Con la buona sorte di non aver dovuto fare alcun ricovero, ma di aver avuto assistenza domiciliare, in quanto le condizioni generali (per quanto gravi e scadute) lo permettevano.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.