Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 h-32 vb-24a cappella-giancos s-59 la-galite-ristorante-da-nicola

La grande abbuffata

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Miseria e Nobiltà di Mario Mattoli con Totò

 

Giggino – Assunti’, tu ’nda ’na serata quanti piatt’ ’i maccarùne puo’ cucena’?
Assuntina –  Pecché, che tiene ’ngap’i fa?

Gg – Se chiamma: “Astritte ’i futte”. È ’na novità ’mericana!
As – E che è st’arrobba? Sient’a’mme… nun me purta’ ’mbriacune fetient’ a’ casa mia che faccia ’na pazzarìa. He capito?

Gg – Ma qua’ fetiente e fetiente? Assunti’ sono i nuovi orizzonti turistici-frastieri, addò nun tramonta mai ’u sole.
As – Sì sì… nun tramonta ’ndi maccarune ’i mammète!

Gg – Ma è cosa chesta che nun si’ maie cunvint’ ’i niente?
As – Giggi’, l’urdema vota che me so’ fatt’a cunvincie ’a te, a mumente ci’arrestàvene.

Gg – Sient’amme, ’a cosa funziona accussì. Fora ’a curteglia appriparammo ’na tavulata longa longa: maccarune, vino, retunne, mennelle, sareghe ’i puorte, casatiello…
As – Eeeee! E quanto ce costarrà?

Gg – Niente.
As – Comme niente? Tutta ’sta rrobba nun se paga?

Gg – Nun pagamme nuie… Ce sta chi paga..!
As – Giggi’, nun ce sto accapenne niente.

Gg – Tu appripare pe’ 100 perzone e chille ’a fore te pagano per 100 perzone. Vènene o nun vènene, te pagano sempe 100 perzone. Tu abbasta ch’appripare.
As – E po’ si nun vene nisciune, chi s’a mangie tutta ’st’arrobba? L’avimma ghitta’?

Gg – Macché! Nuie po’ facimme veni’ ’u vicinato a poco prezzo e accussì ce guadagnamm’u doppio.
As – Giggi’, come ’u solito tuie, chisto è ’nu ’mbruoglio… vide ’i te ne i’. Va’ va’.

 

Gg – Dimmi tu, che futuro tengo cu’ chesta zafoia?
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, che cos’è che ti addolora tanto?

Gg – Cca ’a staggione ognune s’arrangia comme po’, mo’ che me putevo abbusca’ coc’cose ’i sorde, Assuntina se mette a fa’ l’onesta.
SR – Ma perché qual’è l’imbroglio?

Gg – Che i maccaruni m’i paghene ’a fore, e me paga pure chi s’i mangia.
SR – ’A fore?

Gg – Sì sì, ’a fore. A’lloro se mangiano ’u munno intero e a nuie ce mannene ’i maccarune.
SR – Un patrocinio?

Gg – Nunn’u saccie.
SR – Cosa?

Gg – Si è ’u patr’i Gino.
SR – Lascia perdere… comunque non si può fare. Ha ragione Assuntina.

Gg – Scusa, se uno mangia deve o non deve pagare? Io gli faccio pure lo sconto.
SR – Lo sconto? Ma quel pasto è già stato pagato, non puoi ricevere altri soldi!

Gg – Io ’sta cosa proprio nunn’a capisco.


(una settimana dopo)


SR
– Giggi’ ma che è stato? Ho saputo che ci sono stati problemi.
Gg – ’Nu maciéll’. È succiess’ ’nu maciéllo.

SR – Non gli so’ piaciuti i maccaroni?
Gg – Macchè! Assuntina aveva cucenato pe’ tutt’a nuttata… ad un certo punto l’imprevisto.

SR – ’A Finanza?
Gg – No no. È arrivàt’ uno tutt’ pelato, c’a ll’uocchie ’i pazzo e ’nu sigario mmocca, e ha ditto: – ’Uee, cafone ’gnorante t’ho beccato, eh? Te volevi abbuffa’ solo tu? – E s’è mangiato tutte cose… isso e chill’ati quatt’ muort’i famme che stevene cu’ isso.

SR – Azz!
Gg – So’ gghiuto pe’ fotte e so’ arrimasto futtute.

Totò. miseria e nobiltà

Venerdì-pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.