Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

paolo-16 s1-22 v5-3a h-24 05 scansione0001

L’ambasciatore d’u pazze

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Venerdì pesce

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, questa mattina ti vedo particolarmente rincoglionito.
Giggino – E tu nun tiene niente a che penza’, che te mitt’a guarda’ a mme?

SR
– E’ così che tratti gli amici che ti vogliono bene? Bravo!
Gg – A chi? Ma ’i quali amici parle, tu? Io so’ amico sul’a mme stesso, nun me fide ’i nisciune.

SR – …E nuie è pe’ fa’ accussì che ce truvamme ch’i pacche ’nderra!
Gg – ’Uagliò, aggie fatto ’nu brutt’ incontro.

SR – A sì? E chi hai incontrato, ’u diavule? Stai sconvolto!
Gg – Peggio, peggio! ’U vide ’u ruognele?

SR – Alla faccia? Sì, raccontami tutto, dai!
Gg – M’ha ditte Assuntine: – Viste che mo’ arriv’a staggione vatt’arruffiana’, sinnò pure chist’anno nun ce fanno cumbina’ niente.

SR – Nun ce sta nient’a fa’, gli anni e gli uomini passano, ma lo stile resta sempre lo stesso..!
Gg – Ch’è ditte?

SR – Niente, niente… m’accapische sule sule. Continua…
Gg – Mentre m’avviavo, aggio visto che ce steve ata gente che s’era avviata p’a stessa cosa.

SR – Immagino… la pratica è diffusa. E che hai fatto?
Gg – Mi sono fatto ambasciatore e ho preso io tutte le richieste.

SR – Hai visto? Anche se nel male, ogni tanto riuscite pure ad organizzarvi civilmente.
Gg – Sì, sì, accussi’ aggio sapùt’ tutt’i cazz’i’llate.

SR
– E ti pareva..! Mi ero illuso. E poi?
Gg – Quando so’ arrivato, aggie truvato chille tutte pelate, c’all’uochie ’i pazze e cu ’nu sigario mmocca che m’ha ditto: ’Ueee brutto cafone, che cazzo vôi?

SR – Non si smentisce mai, sempre ben disposto e gentile! E tu cosa gli hai risposto?
Gg – Che gli ho detto? …Ci’aggie fatt’i muorti d’a mamma, d’u padre e ’i tutt’i generazzioni soie affugate e strafugate a ’mmare.

SR – Mamma mia Giggi’! Così hai rovinato tutto. Che razza di ambasciatore sei, se caschi in certi tranelli?
Gg – Macché! Iss’ m’ha ditt’ che il cimitero è esaurito e che pe’ mo’ i muorte  s’hanna stregne, in attesa ca se scarrope  tutt’a mmare e se fa posto.

SR – Azz! Nunn’ha capito i ghiastemme toie …La potenza della lingua! E poi?
Gg – E allora gli ho detto che primme o poi cocchedune ce taglie i rrecchie.

SR – E daiii..! Ma allora cercavi proprio la lite?
Gg – E iss’ m’ha ditto che non mi devo preoccupare che le nostre orecchie stanno al sicuro pecché farrà circolare solo macchine a pedali e farrà sparare solo fuochi d’artificio muti. E pe’ mare sul’a rimme.

SR – E meno male che non capisce la lingua: ti avrebbe mangiato!
Gg –  ’A lengua? Chille nunn’ accapisce propiete niente. E’ tutt’ apparenza.

SR – Sarà ll’età o è ’a miscela!? …E allora?
Gg – Allora me so ’ girate pe’ me ne i’ e m’ha ditto: – E mo’ ’ndo cazzo vai, stronzone?

SR – Incredibile. Lo hai spiazzato. E allora?
Gg – E allora io nun l’aggio rispuoste… E isso s’è fatto tutte russe ’nfaccia e  cu’ ’nu dito aizzate ’ncielo ha alluccato: – Insomma, vieni qua co’ ’sta faccia de cazzo, io te offendo e tu nun me dici manco ’na parolaccia o ’na bestemmia? Chi cazzo te credi d’esse? …’n’ambientalista? Brutto cafone, io te rovino. Ha’ capito? – E m’ha scassato ’ngape ’na butteglie ’i rum c’a matricola abbrasa.

Jolly & Re

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.