Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 2009-07-16_18-58-30 c2-17 m2-25 ss28 La spugna nocciolina: Chondrilla nucula

Calcio Ponza. Recupero della 21^ giornata

Condividi questo articolo

a cura di Giovanni Califano
Ponza - S. BArtolomeo.1

 

Campionato di II^ categoria 2015-2016, girone M
 – Recupero 21^ giornata
Campo Sportivo Cala Caparra, Le Forna, Ponza

POLISPORTIVA DIL. PONZA – ASD NUOVA SAN BARTOLOMEO: 
1-3

Penultimo impegno infrasettimanale per il Ponza che riceve tra le mura amiche la Nuova San Bartolomeo, compagine ciociara, terza forza del girone M.
Gli uomini di B. Massaro hanno ancora una seppur flebile speranza di vittoria del campionato, ma per continuare a sognare e sperare hanno un solo risultato a disposizione, la vittoria.
Il Ponza, dal canto suo, ottenuta la salvezza con quattro giornate d’anticipo, non ha molto ancora da chiedere al campionato; il desiderio di De Santis e dei suoi ragazzi è quello di scavalcare la quota dei 30 punti ottenuti la passata stagione e di togliersi qualche piccola soddisfazione.
Gli isolani però sono in emergenza anche in questo turno, a causa di qualche infortunio ancora da smaltire, squalifiche ed impegni personali di alcuni giocatori. Formazione rattoppata: Califano tra i pali, Pappa, Marciano, il mister De Santis e F. Tescione compongono il quartetto difensivo; S. Vitiello, Aversano, Carofano ed Orlando in mezzo al campo; attacco leggero con il classe ’99 D’Apice a far coppia con R. Vitiello.
Arbitra Fiordelisi di Ciampino che arriva in ritardo, non concede il riscaldamento alla squadra ospite e non permette a Vecchione, designato come titolare, di scendere in campo per una quisquilia burocratica.

Clima teso fin dal pre-partita.
La San Bartolomeo è costretta a vincere e parte subito forte; palla in profondità di Bordone per C. Massaro, tiro al volo dalla grande distanza, comodo per Califano, attento a non farsi attrarre troppo fuori dai suoi pali.
Il Ponza reagisce immediatamente con una percussione centrale di Carofano che va al tiro: telefonato per Maraone.
Gli ospiti provano a rinchiudere i ponzesi nella loro metà campo, agendo sulle corsie esterne. All’11° La Norcia sguscia via a Pappa, arriva sul fondo e lascia partire un cross teso verso il cuore dell’area, smanaccia Califano che mette fuori tempo Fantaccione.
È una fase del match ad appannaggio degli uomini di B. Massaro, Ponza sulla difensiva.
Al 19°, sugli sviluppi di un calcio di punizione, la palla finisce tra i piedi di S. Vitiello che non ci pensa su due volte e calcia dal limite sfiorando l’incrocio dei pali.
Un lampo nel nulla che però ha il merito di dare coraggio alla fase offensiva gialloverde.
Minuto 26, palla in verticale smarcante per S. Vitiello; il giovane attaccante si trova a tu per tu con Maraone e prova con l’esterno destro, superbo intervento del portiere che con il piede riesce ad evitare il gol.
Il Ponza insiste, galvanizzato dalla facilità con la quale riesce a mettere in difficoltà il pacchetto arretrato cassinate.
Ospiti in difficoltà sia nell’imbastire la manovra, sia nella chiusura delle ripartenze ponzesi.
Calcio di punizione dal limite al 36° per il Ponza, la mattonella è quella di Ra. Vitiello: mancino preciso e potente, vola Maraone a negare ancora il vantaggio al Ponza.
Dopo una fase centrale del primo tempo di difficoltà, al 44° mette nuovamente la testa fuori dal guscio la San Bartolomeo: cross dalla fascia che attraversa tutta l’area e trova all’altezza del vertice opposto Iorio che calcia al volo ma si vede dire di no da uno strepitoso colpo di reni di Califano che toglie letteralmente la palla dall’incrocio.
Finale di tempo col brivido per il Ponza che rientra negli spogliatoi sullo 0-0, con la consapevolezza di poter far male all’avversario.

L’avvio di ripresa, come troppo spesso accade però, è un incubo per gli isolani.
De Santis, innanzitutto, manda in campo Vecchione che, nel contempo, era riuscito a risolvere le beghe burocratiche che gli avevano impedito di giocare; gli fa spazio D’Apice, impalpabile.
Al primo affondo, la San Bartolomeo passa. Palla sanguinosa persa in uscita da Aversano che, involontariamente, appoggia orizzontalmente a Iaquaniello, il quale serve subito in profondità Fantaccione. Il bomber arriva al limite dell’area e calcia di punta, il resto lo fa una zolla amica; Califano viene ingannato dalla traiettoria del pallone ed è costretto a raccogliere il pallone il fondo al sacco, addossandosi la responsabilità del gol subito.
Neppure il tempo di rimettere il pallone al centro del campo che gli uomini di B. Massaro raddoppiano. Calcio di punizione dalle retrovie spizzato leggermente ancora per Fantaccione; un rimpallo nel dribbling su Marciano libera il numero 9 solo di fronte a Califano e per lui è un gioco da ragazzi col piattone infilare l’incolpevole portiere.

La doppietta in 3 minuti di Fantaccione obbliga De Santis a ricorrere all’artiglieria pesante: fuori un positivo S. Vitiello, dentro Migliaccio.
Passano appena sessanta secondi e la Nuova San Bartolomeo chiude l’incontro. Lancio alla viva il parroco della difesa che trova Fantaccione in campo aperto a sprintare con De Santis; l’attaccante riesce ad arpionare il pallone, resistere alla carica del mister ponzese e presentarsi nuovamente solo dinanzi al portiere, questa volta trafitto con un pregevole colpo d’esterno destro da posizione defilata.
Gol numero 25 in campionato per Fantaccione ed hat trick da sballo per lui.

Nello stupore generale di un Cala Caparra attonito e sconcertato, gli ospiti hanno realizzato tre reti in cinque minuti, mettendo in ghiaccio la vittoria.
La carta della disperazione è rappresentata da F. Napolitano, inserito al 57° in luogo di un opaco Ra. Vitiello.
Napolitano dopo cinque minuti si rende protagonista, addomesticando un lancio di Carofano ed apparecchiando per Pappa, ma il destro del terzino ponzese da ottima posizione esce alto sulla traversa.
La partita si riapre però al 63°.
Volata di Vecchione sulla fascia, intervento scomposto di R. Lanni che lo butta giù; per Fiordelisi è calcio di rigore, ma il contatto è chiaramente fuori area. Il Ponza ringrazia e Migliaccio dal dischetto non sbaglia, scaraventando di potenza sotto l’incrocio. Ottavo gol in campionato per il capitano ponzese che regala mezz’ora di speranza ai suoi.

Il Ponza si sveglia come d’incanto dal torpore e già al 64° sfiora il colpo del 2-3. Corner di Aversano che arriva tra i piedi ancora di Migliaccio che calcia di potenza, pallone che fa la barba al palo.
La reazione del Ponza è sensazionale ed i tifosi riprendono ad incitare i propri beniamini; la San Bartolomeo è in difficoltà e non riesce più a giocare il pallone con la tranquillità mostrata sino a qui.
Palla gol per Vecchione al 72° che, servito da un generoso Orlando, calcia da appena dentro l’area di rigore senza sorprendere però Maraone.
In contropiede è pericolosa la compagine ospite: C. Massari prova a sorprendere Califano sul suo palo da distanza ravvicinata, ma il portiere ponzese nega il gol con la punta del piede.
Al 75° ancora calcio di rigore per il Ponza, questa volta netto. Napolitano salta con un sombrero il difensore che nel disperato tentativo di impedirgli la conclusione lo sgambetta. Ci starebbe anche il rosso diretto per chiara occasione da rete, ma il direttore di gara sorvola.
Sul dischetto si presenta nuovamente Migliaccio che calcia di potenza cambiando però angolo; Maraone viene colpito dal pallone all’altezza dello stinco e respinge fortunosamente. Terzo rigore fallito in questo campionato dal Ponza.

Passano due minuti e i padroni di casa rimangono in dieci, dando l’addio al sogno della remuntada. Vecchione cade nella provocazione di R. Lanni e si becca il secondo giallo. Anche qui, per dirla tutta, ci sarebbe quantomeno il giallo per il terzino ciociaro, ma Fiordelisi lascia correre nuovamente.
Con l’uomo in più e con il doppio vantaggio da gestire, Massaro richiama La Norcia, già ammonito e molto nervoso, inserendo Petrone. Il Ponza, invece, tenta con la forza della disperazione, lasciando praterie agli ospiti.
La palla buona per il poker capita di nuovo a C. Massaro ma, ancora solo davanti al portiere, viene tradito da un rimbalzo beffardo del pallone; il suo tiro termina addirittura in fallo laterale. Giornata pessima per il numero 11 ciociaro.

Con anche Marciano e De Santis in avanti a dar manforte agli attaccanti, il Ponza ha un’altra occasione all’83°: cross splendido di Migliaccio, sponda volante di F. Napolitano e tiro al volo di Orlando; Maraone non ha neppure il tempo di tuffarsi, ma le sue preghiere vengono esaudite, palla a lato di un nulla.

Il Ponza termina anche in nove a causa dei crampi che costringono F. Tescione a rimanere a bordo campo nei minuti di recupero e guardare i suoi compagni rischiare l’imbarcata.
L’ultimo sussulto lo regala Petrone che prova al volo da centrocampo un gol da raccontare ai nipotini: buon per Califano, che era fuori dai pali, che il pallone termini alto sulla traversa.

Finale dal Cala Caparra: Ponza 1 – Nuova San Bartolomeo 3.

Il solito inspiegabile black out di inizio ripresa costa la sconfitta al Ponza, la quattordicesima stagionale, quinta casalinga.
La differenza di classifica non si è vista se non in quei cinque folli minuti che hanno deciso il match e che hanno certificato, se mai ce ne fosse stato ulteriore bisogno, l’incredibile fragilità mentale di una squadra che, per tenacia, organizzazione e qualità dei singoli, non avrebbe molto da invidiare alle più forti compagini del girone.
Mattatore Fantaccione con una tripletta da sogno in appena cinque minuti, a fronte di altri ottantacinque minuti da spettatore; il grande attaccante è così, si sa.

Buona prova difensiva del Ponza nei primi 45′, poi un inizio ripresa da incubo rende vano l’ingresso con gol di Migliaccio, miglior marcatore stagionale, e il ricorso al talento di F. Napolitano.
L’ingenua quarta espulsione stagionale di Vecchione fa il resto, rendendo pura accademia il quarto d’ora finale.

Il Ponza scenderà in campo sabato, in anticipo, sul campo del San Giovanni Incarico in una sorta di spareggio; entrambe le squadre, infatti, sono appaiate al 12° posto a quota 29 punti.

Ponza - S. Bartolomeo.2

Tabellino incontro

POLISPORTIVA DIL. PONZA: Califano, F. Tescione, D’Apice (dal 46° Vecchione), Marciano, De Santis C., Aversano, S. Vitiello (dal 54° Migliaccio), Orlando, Ra. Vitiello (dal 57° F. Napolitano), Carofano, Pappa.
A disp.: Taglialatela, Ambrosino, Sa. Scotti.
All.: De Santis.

ASD NUOVA SAN BARTOLOMEO: Maraone, R. Lanni, Marandola, Di Norcia (Petrone), Longo, A. Lanni, Iaquaniello, Bordone C. (L. Lanni), Fantaccione (Fusco), Iorio, C. Massaro.
All.: B. Massaro.

ARBITRO: Sig. Fiordelisi Giuseppe della sezione di Ciampino.
MARCATORI: 52°, 55°, 56° Fantaccione (NSB), 63° Migliaccio (rig.) (P).
NOTE: ammoniti Ra. Vitiello, Carofano, Aversano, Vecchione, Pappa (P), Marandola, Bordone, Di Norcia, L. Lanni (NSB); espluso Vecchione (P); al 75° Maraone para calcio di rigore a Migliaccio.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.