Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-24 vb-23a foto-03 q-33 83 cesto-aragoste

Strazio’mar quant’è bell’…

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Sciò-Sciò. Statuine di S. Gregorio Armeno

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, aggie saputo che abbasci’o puorte he fatto questioni.
Giggino – E pe’ forza. So’ ’na mass’i ’gnuranti, ’nzallanute e bbuon’a niente.

SR – A sì? Che ti hanno fatto?
Gg – Non mi hanno fatto partire. Ie teneve a che ffa’… ’na cosa assaie urgente, ca Assuntina è rimasta senza mutande… e invece niente.

SR – Addirittura? Non c’era posto?
Gg – Noooo! Ce stevene sule nuie e tre stranieri ’i Roma..

SR – E allora?
Gg – Non mi hanno fatto salire perché avevo questo.

SR – Madonna Giggi’, ma cosa ci devi fare con quel corno sotto i pantaloni?
Gg – E che se po’ fa cu’ ’nu cuorno, secondo te?

SR – È contro i malocchi?
Gg – ’Uaglio’, ’i cchiù..! Chist’ è contro ’i disgrazzie.

SR –  Ma è troppo grosso! Me pare ’nu cuòrn’ ’i voie.
Gg – Per grossi problemi, ce vonne grossi cuorni.

SR – E perché lo hai messo?
Gg – Pecché avev’a parti’.

SR – Ho capito, ma cosa temevi?
Gg – ’Uagliò, lo capisci o no che ogni vota che partimme vinciamo un terno a lotto se arriviamo vivi?

SR – Ma daiiii. Sei esagerato..! Cosa ti fa pensare questo?
Gg – ’Nu vapore che parte ianche e torna niro, te pare ’na cosa normale?

SR –  Giggi’, ha solo cambiato compagnia.
Gg – Ma quala cumpagnia? Chille uno è, e è pure niro. ’Uagliò chesta è scarogna annunciata.

SR – Lasciamm’a perde. Ma poi perché non sei partito?
Gg – Colpa d’i scienziati puortaiuoli. Hanno accummenciato a dice: “Chiste chisà che porta ’ndu cazone…. o è armato oppure è ’nu maniaco sessuale c’a prolunga sotto… Nunn’u facite sagliere che chisto violenta pur’i marenare…”

SR – Azz! Hanno visto il bozzo del corno e hanno pensato… E poi?
Gg – E’ arrivato uno c’u cappiello in divisa e ’u cazone in borghese e ha ditto: “Sapete che vi dico? Adesso non parto più perché questa situazione mi ha sconvolto e non me la sento di attraversare il mare”.

SR – ’A solita scusa ’i cazze pe’ nun parti.
Gg – Allora me so ’ngazzato malamente, aggio terato ’a fore ’u cuorno, l’aggio aizzato ’ncielo e aggio alluccato a tutta forza: “Mo’ si nun me facite sagli’ ’ngopp’a stu cazz’i scatulone niro… faccio quello che fece mio nonno. Avete capito?”.

SR – Caspita, uno scatto di orgoglio. Era ora!
Gg – Azzò! E che se credene  che ccà ’a gent’è fessa?

SR – Giggi’, mi devi credere, non ti riconosco in questa veste rivoluzionaria. Sei stato proprio bravo! E poi?
Gg – Quando m’hanno visto comme ’nu pazzo, so’ scappate tuttu quante. ’U vapore ha mullate i cimme lascianno ’nderra gente e marenare.

SR – Nientedimeno!? …Ma toglimi una curiosità, che fece tuo nonno quando non lo fecero imbarcare e si incazzò?
Gg – Ah! …Se ne turnaie a casa!

 

Immagine di copertina: Sciò-Sciò. Statuina di S. Gregorio Armeno

1. Venerdì pesce

i-cuorn

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.