Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-19 u-35 ss06 49 11 Myriapora truncata

Munnezza è ricchezza

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

cassonetto-rifiuti


Giggino–  “Il futuro vuosto sta nelle mie mani… non avete alternatori, solo io vi posso salvare dalla munnezza”. Chest’è!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma che ti sei impazzito? Mo’ parli da solo?

Gg – Ma tu che cazz’accapisce? Mi sto appriparanno lo spiego.
SR – A sì? E che spiego?

Gg – Lo spiego per il programmamento elettoralistrico.
SR – Allora stamm’appost’. Ma se per adesso non ci sono elezioni?

Gg – Io mi sto anticipando, accussì una volta tanto arrivo in tempo.
SR – Conoscendoti fai bene, però questo anticipo mi sembra un po’ troppo esagerato.

Gg – Mi ha detto Zi Michele: “Campa comme stisse pe’ ghittà ‘u sangue ‘a ‘nu mument’allate”. Po’ succede che se scarropa tutt’a barracca quando mai t’aspiette e io li fotto sui tempi a tutti quanti.
SR – Mamma mia! Il significato è chiaro, ma lo si può dire anche in un modo migliore. Mi fai avvilire.

Gg – A me piace a parla’ chiaro: ccà ‘i pezze e ccà è ‘u sapone. Tutt’o riesto so’ sule puttanate.
SR –  Quale sarà il punto forte della tua campagna elettorale?

Gg – ‘A munnezza!
SR –  …’A munnezza e basta?

Gg – E che vuo’ ‘i chiù?
SR – Come cosa voglio di più? E i trasporti, l’acqua, la viabilità, lo spopolamento, le scuole, i servizi, l’edilizia, Chiai’luna, Fruntone, ‘u PAI, ‘u PUA, ‘u puort’ d’i Forne, ‘i zone rosse, ‘i zone gialle, ‘i zone ‘i chi l’è mu… Hai voglia tu..!

Gg – Eeeeeeee! ‘U solito esaggerato che tutto vo’ e niente acchiappa . Tu, accussì, pigli ‘u prublema d’a coda invece che d’a capa. Se invece affiérr’ ‘a capa, piglie tutti i problemi. E’ chiaro?
SR – A sì? E quale sarebbe la capa?

Gg – ‘A munnezza.
SR – E dalle cu’ ‘sta munnezza. Mo’ ti si’ schiaffato sta cosa ‘ncapa e so’ cazze.

Gg – Vuagliò, tu avrai pure studiato, ma nun ci capisce ‘na mazza.
SR – Adesso mi devi dire come fa a stare la monnezza al centro delle tue aspirazioni.

Gg – Tanto p’accumincia’, ‘a munnezza te l’aspiri tu pecché puzza e fa schifo.
SR – E ti pareva che non capivi a modo tuo. Ti ho domandato perché la monnezza sarebbe la più importante delle problematiche.

Gg – Uggesù, e so’ dumande ‘a fa’? La monnezza fa schifo, puzza, è ingombrante e nisciuno a vo’… ma!
SR – …Ma?

Gg – Ma sei ti fai un po’ di cunti e ti organizzi capirai che può rendere bene.
SR – Giggi’, non ci sto capendo niente. Che conti dovrei fare?

GG – Che produciamo qua, noi? Te lo dico io. Qua produciamo una cosa sola in abbondanza: ‘a munnezza. Siamo una fabbrica di monnezza di vario genere. Perciò la nostra ricchezza è la monnezza.
SR – A sì? E come fa a diventare ricchezza?

Gg – Esempio. Se ti dico: “pigli‘a munnezza mia e iettela ‘ndu bidone che po’ ti pago nu cafè”, tu che fai?
SR – La butto. E allora?

Gg – Se poi io il caffè non te lo pago, tu vai da Assuntina a protesta’?
SR – E’ il minimo.

Gg – Quando, poi, Assuntina fa ‘u cafè… Secondo te, lo fa solo per te o ne fa uno a te e uno a me? Tanto ce sta chi paga: capiscie’a mme.
SR – Ma guard’a chisto, che munnezza d’ommene!

Gg – ‘Uagliò,  il sistema va solo perfezionato e po’ ccà camparemo tutti ‘i munnezza ‘nda munnezza. E’ chesta ‘a ricchezza!!

venerdì pesce

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.