Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0034-034 u-08 m2-33 106a hp0057 veduta-2

Telemaco so che ci sei. Batti un colpo

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

telemaco_logo

Ieri sera Domenico era incontenibile. Camminando sul Corso, all’altezza della Punta Bianca: “Qui c’era il negozio ‘i Mastuppaulo. E qui … Dai… chi lo sa chi ci stava in questo buchetto ?” Sfidava tutti a frugare nelle immagini della fanciullezza, ma forse gareggiava con se stesso. Metteva alla prova i suoi ricordi, quasi timoroso di perderli.

Sto parlando di Domenico, già apprezzato medico ed oggi coraggioso produttore di vino.

La moglie cercava di deviare il discorso anche perché lei non è originaria di Ponza e lui la tallonava invece. “Qui aveva i suo bugigattolo Ceccillo ‘i maistà e più avanti Tonino ‘u fascista aprì la sezione del partito”.

“E di fronte, qui appeso a questo muro?” – lo incalza un amico che sta al gioco.

“Qui c’era il tabellone con i manifesti dei film di barbetta”

“E’ vero” – ribatte un altro.
La-punta-bianca con il negozio 'i Mastuppaulo

(la zona descritta da Franco con il negozio ‘i Mastuppaulo sulla destra)

Era una compagnia di attempati e la serata, calma anche se fredda, induceva a che i ricordi prendessero corpo, i personaggi si disponessero nei loro luoghi, e Ponza diventasse un proscenio in cui, alla luce rossastra dei lampioni, le vicende di questi ultimi cinquant’anni riprendessero vita.

“Mi ricordo che presi una grossa storta. Si ingrossò la caviglia e tutta la parte divenne nera. Don Mario ci mise una sanguisuga per farla sgonfiare”.

Sulla strada deserta si vagava fra la battuta di Antonio, la massima di Annamaria, l’intreccio dialogare fra Franco e Giovanni.

Ponza invernale agevola il ricordo. Esso un po’ si adagia ma poi stimola il confronto. Questo vuole un vincitore fra il passato e il presente, ma l’oggi non riesce ad imporsi. L’oggi è scarno, piatto indifferente. Il presente messo di fronte al passato, pur se travisato e abbellito dal ricordo adolescenziale, mostra la sua pochezza. La luce dei lampioni ci mette il suo fascino e la pacatezza dell’ inverno patina le immagini, ma il calore umano di cui Domenico si rende agitatore, quello non c’è. O mi sbaglio… Aspetta … aspetta…ecco che spuntano non si sa da dove due ragazze. Vestite attillate, stivaloni, giubbotti. Come a Roma, a New York. Si dirigono verso i pub giù alla banchina Di Fazio. Sono avvicinate da due giovani. Erano attesi perché ridono. Altri si affiancano e vanno a trascorrere la serata in compagnia.

Mi tornano in mente le figure mitologiche evocate da Rita Bosso; gli Ulisse non calpestano questo suolo, di Laerte c’è sovrabbondanza nei magazzini, forse è il caso di tenere d’occhio i Telemaco. Se vogliono impadronirsi del trono tocca a loro vincere i Proci infingardi con l’accortezza e l’ardire del padre.

Condividi questo articolo

2 commenti per Telemaco so che ci sei. Batti un colpo

  • Silverio Tomeo

    Telemaco è “Un uomo imbelle, che non pensa neppure di passare all’azione. Si limita a convocare un’assemblea nel quale chiede (senza ottenerla) una nave per andare a cercare il padre…”. Così Eva Cantarella in “Non sei più mio padre. Il conflitto tra genitori e figli nel mondo antico” (Feltrinelli, 2015). Studiosa del diritto e delle culture greco-romane antiche, Cantarella si misura sulle radici lontane del conflitto padri-figli, senza sconfinare (ma tenendone ben conto) nei temi della rivolta edipica e in quelli evocati dallo psicoanalista (alquanto pop) Massimo Recalcati in “Il complesso di Telemaco. Genitori e figli dopo il tramonto del padre”. Già prima Recalcati si era prodotto in uno studio sull’ evaporazione del padre nell’epoca ipermoderna. I giovani ponzesi residenti sono figli di nessuno? Nessuno era il nome in codice di Ulisse, appunto… Oppure sono figli della deculturalizzazione di massa? Ma sono certo – per pregiudizio positivo – che ci sia del buono tra di loro, quindi si svegliassero per tempo!

  • https://www.youtube.com/watch?v=UL3Zwj0esz0Padre e figlio

    Padre:
    Non è tempo di cambiare
    Rilassati, prendila con calma
    Sei ancora giovane, questa è la tua colpa
    Hai ancora molte cose da conoscere
    Trovare una ragazza, sistemarti,
    Se vuoi puoi sposarti
    Guarda me, sono vecchio,
    Ma sono felice

    Una volta ero come sei tu ora,
    E so che non è facile
    Rimanere calmi quando hai trovato
    Qualcosa che va
    Ma prendi il tuo tempo, pensa a lungo
    Perché, pensa a tutto quello che hai avuto.

    Poichè domani tu sarai ancora qui
    Ma forse non i tuoi sogni.

    Figlio:
    Come posso tentare di spiegarmi,
    Se lui ancora una volta distoglie l’attenzione
    È sempre la stessa vecchia storia
    Dal momento in cui potevo parlare,
    Mi fu ordinato di ascoltare
    Ora c’è una strada e so
    Che devo andarmene
    So che devo andare

    Padre:
    Non è tempo di cambiare
    Siediti, prendila con calma
    Sei ancora giovane, questa è la tua colpa
    Ci sono ancora molte cose da affrontare
    Trovare una ragazza, sistemarti,
    Se vuoi puoi sposarti
    Guarda me sono vecchio,
    Ma sono felice

    Figlio:
    Tutte le volte che piansi,
    Tenendo tutto dentro di me
    È dura, ma è anche dura
    Ignorare tutto
    Se avevano ragione, ero d’accordo,
    Ma conoscono loro, non me
    Ora c’è una strada e io so
    Che devo andarmene
    So che devo andare

Devi essere collegato per poter inserire un commento.