Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0006-006 p-18-3di4 k2-31 s2-29 000093_b corrida10

Ce sta chi ce penza…

Condividi questo articolo

divagazioni di Luigi Pellegrini
Napoli vico

 

Rileggendo le mie opinioni riguardo gli accadimenti che spinsero il sud verso una tragicità delle condizioni sociali ed economiche, immediatamente dopo l’unità d’Italia, ho tratto alcune considerazioni che mi spingono a credere che oggi quelle stesse condizioni sono nettamente migliorate.
Certo c’è sempre chi varcando il ponte del Garigliano, mette il portafoglio nelle mutande e nasconde l’orologio e monili di valore.

quartieri-spagnoli-panni stesi
Certo c’è sempre qualcuno che crede che ‘la terra dei fuochi’ inizia con il territorio compreso tra la provincia di Napoli e la provincia di Caserta.
Certo c’è ancora qualcuno che crede che il sud puzza e quindi quando si ritorna in Italia, la prima cosa da fare è mettere tutto in lavatrice.
C’è sempre qualcuno che visitando l’ex Regno delle due Sicilie dice:

Ce sta chi ce penza

Ma che puzza into a ‘stu vico
Comme fa ‘a gente a campa’
Cu ‘sta puzza sotto ‘o naso
Ca nun se po’ cchiù suppurta’
Mo’ chiamammo a quaccheduno; ccà quaccosa
s’adda fa’
Simme strunze o poco buone
Forze è chesta ‘a verità (due volte)

E’ passata ‘a prucessione
Pure chesta è tradizione
Se ne cadeno ‘e palazze e a nuje ce abbrucia ‘o mazzo
‘A città è cchiù pulita ma ognuno mette ‘o dito
E ’nce vo’ magna’ (due volte)

Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ‘sta gente ce sta chi ce penza (due volte)

E s’è rotta ‘a sajettera
‘A gente scrive ‘e nummarielle
Ma qua’ nummere e ‘a culonna
Ce vo’ l’aiuto d’à Maronna
Chi ce ‘o dice a San Gennaro
Ma ‘a fernimmo cu’ ‘sta storia
Ccà scarzeano ‘e denare e s’adda campa’

E l’America è arrivata
’Nce ha purtato tanti cose
So’ tant’anne e tanta storia
E nun se ne va
S’è pigliato ‘e meglio posti ‘e chesta città
Mentre nuje jettammo ‘o sang’

Ma nun dà retta, ce sta chi ce penza
‘Mmiezo a ‘sta gente ce sta chi ce penza (due volte)

(testo di Pino Daniele)

C’è sempre una frangia di creduloni che continua a pensarla così…
Luigi Pellegrini

 

Da YouTube il pezzo (parziale) interpretato da Pino Daniele nel marzo 1983 negli studi della Radiotelevisione Svizzera italiana (RSI):

.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.