Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0027-027 k2-29 ss03 ss13 97 barche-tirate-a-secco

Raddrizzadritti e raddrizzastuorte

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Charlie Chaplin

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, io ho sempre notato in te un risentimento verso i nostri paesani, quasi come un disprezzo. Mi sbaglio?
Giggino – Nunn’o saccio manc’ io. Cierti vote a cocchedune ’u pigliasse a paccarune ’nfaccia… chest’è vero!

SR – Sarebbe interessante capire il perché.
Gg – …A te, presempio, te pigliasse propiete a càuce ’mmocca, quanne te mitte a fa’ ’u prefessore saputiéll’…

SR – Il tuo, in questo caso, è un conclamato complesso di inferiorità reattiva.
Gg – Uvvì? Mò t’u déss’ pròpiete. Che cazz’è ’stu complesso? Io nun’aggio mai sunato nisciuno strument’ ’i màmmete.

SR – Vabbè, è meglio che t’u spiego dopp’, mo’ stai tropp’ ’ngazzato.
Gg – Cierti vvot’ i’ nu’ riesco a capi’ pecché ci’hadda sta chi tène tanto e chi nun tène niente.

SR – E sì, purtroppo fa parte della nostra società occidentale, diciamo ‘liberale’. Ma questa cosa non è solo di qua, capita in mezzo mondo.
Gg – A sì? ’Nda miezzo munn’ ce sta une sulo che tène ’mbrullune, varche, ristorante, machine, arbergo, case… e pure i sorde?

SR – Ma no, ma no, nel mondo ci sono più persone che occupano i livelli più alti della società, a secondo della ricchezza che controllano. Non ce ne sta uno solo.
Gg – Propriete comm’e cca allora. Tre o quatt’ magnano e ’u riest’ sta a guarda’ comme s’abboffene.

SR – Addirittura? Sapevo di qualche situazione particolare, ma non a questi livelli. Però secondo me ti sbagli; come al solito stai esagerando.
Gg – No, no, è propiete accussì. E perciò che io me’ngazz’ cu’ i paisàn’ miei che fann’i servecciùll’ a chist’i quatto cummannieri.

SR – Giggi’, ma fusse addiventate ’nu pucarièll’ comunista?
Gg – Chi io? I’ chiù luntàn’ stong’ d’u comune, e megli’è!

SR – Ma i comunisti non sono mica quelli che stanno al comune! Sono coloro che si battono per una società senza padroni.
Gg – Azz! Ma tu che madonn’ dici? Po’ esiste ’na cosa ’i chesta?

SR – Giggi’ mo comme te l’aggia spiega’ ’sta cosa? Rischio di farti incazzare.
Gg – Tu spiega… t’apprummétte ca nun me’ngazz’. Vabbuò?

SR – Diciamo che la democrazia è fatta da tutti e tende a smussare le differenze sociali e a garantire i meno abbienti.
Gg – Ahè! Steve meglio aprimma. Aspiega meglie, iamm’ bell’… fa ’nu sfuòrz’ ’i scenn’ ’nterra!

SR – Insomma il comando non sta nelle mani di pochi ma di tutti.
Gg – A sì? E comme?

SR – Con il dialogo, la partecipazione, il confronto democratico, l’approvazione di leggi che garantiscono tutti…
Gg – Aggie capìt’, aggie capìt’… Sule chiacchiere! Cca ce sta abbisogno ’i un’ sule ca cummanna, no ’i pochi ca se fann’ sul’i cazz’ alloro… è chiaro? Uno ca mene mazzate ’mparanze, e addò acchiappa acchiappa: accussì giustizia è fatta.

SR – Ma cosa dici? La giustizia non si ottiene con la dittatura o con la vendetta. E poi sei sicuro che dopo, la situazione, nelle mani di uno solo, cambia?
Gg – Eccierto… Finalmente tenimme a une ca ci’u mette a chillu poste a chille ca fin’a mmò hanne faticato ’ngrazi’i ddie e se so’ fatto ’na posizzione, ’na famiglia…

SR – Giggi’ ma tu ’a che parte staie? ? I’ te voglie bene, ma dicimmancèll’… Tu nn’he mai faticate!
Gg – Appunto! Niente a mme e niente alloro!

SR – E questo campione tuo… come farebbe ad apparare i conti contr’a ’sti grandi delinquenti che ci’allanne cu’ i sfaticati?
Gg – E’ semplice: niente traghetto, niente aliscafi, niente luce elettrica, niente acqua potabbile, niente spiagge, niente case, niente cimitero, niente vie… e niente abitanti cafune! More Sansone cu’ tutt’i Figlistei! Si chiudeee! …Ce ne iamm’ tuttu quant’ a Formia!

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.