Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

bn2 i-32 p-18-3di4 v4-6a l-06 81

Un ricordo di Ezio Coppa

Condividi questo articolo

di Eduardo Filippo

 

Cari amici di Ponza

vi allego un mio piccolo contributo che riguarda il Prof. dott. Ezio Coppa. Credo che una citazione del personaggio su Ponza Racconta sia doverosa.

In messaggi scambiati con la Redazione mi si diceva che a Ponza nessuno sa di me. Ne sono certo; le persone che volevano che io facessi qualcosa per Ponza oggi non ci sono più.
Sul finire degli anni sessanta, prima che monsignor Dies ci lasciasse (avevo restaurato alcuni quadri della Chiesa) mi aveva incaricato di studiare una stele con la statua di San Silverio da porre nel punto più alto del sagrato, in modo che lo si vedesse da tutta la baia (della cosa era a conoscenza anche il maestro della festa di San Silverio di cui non ricordo il nome).
Per lungo tempo non ne seppi più nulla; un giorno telefonai a don Salvatore, nel frattempo divenuto parroco di Ponza, per sapere che fine avesse fatto l’idea e se potevo riavere i miei disegni. Attesi invano notizie .

Il mio progetto prevedeva solo le spese vive per la realizzazione dell’opera, in marmo e bronzo, nulla chiedendo io per il mio lavoro che offrivo come sempre a San Silverio. 

Sapete, la mia famiglia aveva costruito a Napoli una piccola chiesa dedicata a San Silverio. Il tesoro più importante e prezioso che posseggo è la reliquia, un microscopico pezzettino d’osso, di San Silverio, dato a mia madre con tanto di autentica da un Cardinale titolare della basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

Saluti cari
Eduardo Filippo

 Ezio Coppa

Un ricordo di Ezio Coppa

di Eduardo Filippo

 

Cari amici di Ponza

Ho cercato a lungo sui vari siti che parlano della nostra unica e bella isola, cercando notizie riguardanti la mia famiglia e in quelle occasioni ho sempre dedicato un po’ di tempo a zio Geppino, il prof. Ezio Giuseppe Coppa, cugino (non so di che grado) di mia madre Silveria Albano (’a figlia ’i Lucia Conte) trovando quasi sempre… nulla.

A zio Geppino mia madre era legatissima; lunghe telefonate a volte a tarda ora rafforzavano il loro rapporto, pur non essendo della stessa idea politica, lei, faceva il diavolo a quattro quando Ezio Coppa era candidato alle elezioni nazionali o comunali a Napoli.
Con gli amici si vantava di essere curata dal medico del principe Umberto di Savoia!

Spesso andavo a trovarlo alla Cassa Marittima di Napoli, di cui era il direttore sanitario; la sua anticamera era sempre affollatissima… diecine erano i marittimi di Ponza e Ventotene che raccontandosi dei loro imbarchi, attendevano pazienti il turno e io mi bevevo i loro racconti, aspettando di abbracciare zio Geppino.

A Ponza se non ricordo male abitava in quella palazzina rosa con le finestre dagli sguanci bianchi vicino alla torre dei Borboni.

Non so se a Ponza esiste una strada intitolata a Lui, se non c’è credo che occorra colmare la lacuna.

Durante il suo mandato di Padre Costituente, il suo apporto culturale, appassionato, competente fu incisivo (basta andare a spulciare l’archivio del Parlamento). Credo che Ponza debba ricordarlo almeno con un Convegno, considerato che il prossimo 6 luglio 2016 ricorrono settanta anni dalla sua elezione all’Assemblea Costituente.

 


Tratto dall’archivio del Parlamento
(cliccare sulla tabella per ingrandire)

Archivio del Parlamento

 

Tratto da Wikipedia

Ezio Coppa (Ponza, 24 febbraio 1898 – 26 luglio 1969) è stato un docente e politico italiano. È stato deputato all’Assemblea Costituente, e deputato alla Camera nella I legislatura.

Docente di Medicina del lavoro all’Università degli studi di Napoli. Fu tra i Soci fondatori dell’ANSI – Associazione Nazionale Scuola Italiana, il 10 dicembre 1946 (Ente Morale nel 1949, G.U. n.114 del 18 maggio 1949). Dal 10 maggio 1948 fino al 13 febbraio 1953 fu vicepresidente del Partito Nazionale Monarchico.

 

 

Bibliografia

Coppa, Dr. Ezio, Su la morbilità delle classi operaie in dipendenza della professione esercitata, in International Labour Review, vol. 13, 1926; Reprint from Rassegna della Previdenza Sociale, No. 10, October 1925, Rome

Atti dell’VIII. Congresso nazionale di medicina del lavoro: Napoli, 10-13 ottobre 1929, a. VII. Parte II. Compilati per cura di Giuseppe Ajello, Scipione Caccuri, Ezio Coppa, A. Cardani, Milano, 1930

Le malattie respiratorie da polveri: Anatomia patologica e Clinica. Relazione al IX Congresso di Medicina del Lavoro. Roma, 16-17 ottobre 1930, a. VIII, A. Cardani, Milano,1930

Calcificazione delle vie biliari in un cirrotico, Tip. ed. Pansini, Napoli,1939

Sul pneumoperitoneo diagnostico per la localizzazione del tumor abdominis, Amm. del giornale “Il Policlinico”, Roma,1939

Coppa, E., Il concorso di minorazioni multiple nelle valutazione del danno in infortunistica, in ‘Acta medicinae legalis et socialis’, vol. 1-5, International Academy of Legal Medicine and Social Medicine, 1954

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.