Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

sn e-07 de-vito-01 ponza-cena-in-ristorante-a-sinistra-silverio-sandolo-detto-casciaforte-e-poi-altri-pescatori-ponzesi 5-2 silverio-mazzella

L’eredità

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Youth

 

Giggino – I’ cierti vvote penze, penze, penze… e nunn’arriesc’ a truva’ ’na soluzzione.
Sang’ ’i Retunne – Spesso non basta pensare, occorre anche ragionare con qualcuno, informarsi, leggere, studiare…

Gg – Eeeeeh… studia’, studia’… ’a scola è sule tiemp’ perz’: braccia luvate a’ terra.
SR – Essì, perciò hai voglia a pensa’ per trovare le soluzioni. E mmò ’i truòve! …Adesso che cosa è che ti assilla?

Gg – Prefesso’, vuless’ a ssape’ comme funziona ll’eredità.
SR – Innanzitutto ci deve essere chi la lascia.

Gg – Ce sta… ce sta..!
SR – Poi uno la deve meritare. Ma chi la lascia può decidere di capa sua.

Gg – Azz! Allora… si i’ decìde ’i nun lascia’ niénte a nisciuno, se po’ fa’?
SR – Tecnicamente sì, ci sono delle eccezioni… ma in genere si può fare.

Gg – Allora stamm’apposta!
SR – Scusa, non per sapere i fatti tuoi, ma cosa devi fare?

Gg – Te pare iuste a tte ch’a robba mia adda i’ a gent’i niénte?
SR – Ma se non fai testamento che avvenga ciò è imprescindibile.

Gg – E chi è?
SR – Chi è chi?

Gg – Priscitibile, io nn’u canòsche.
SR – Madonna Giggi’, imprescindibile, inevitabile: se non fai testamento va in parti uguali agli eredi.

Gg – E nunn’è iust’, i’ nun ce voglio lascia’ propiete niente… a nisciuno..!
SR – Ma perché hai proprietà e ricchezze da lasciare?

Gg – Noo, quand’ maie! I’ e Assuntine ce simme magnate tuttecose. Hamm’ pegnorato pure i palettune ’i feghetìnie.
SR – E allora non capisco: di cosa stiamo parlando?

Gg – Tu rispunne a me: ma te pare iust’ ca quann cammine p’a via e scunt’i ggiuvene, chille manc’ te ’uardano ’nfaccia? ’Nu saluto? Macchè! Staie iettanno ’u sanghe cu ’na busta d’a spesa mmano? Se girano ’a chell’ata parte… ’Ngopp’a curriera staie all’erta? …Se ne fòtten’ e fann fint’ ’i durmi’… Staie murènn’ p’a via? Te chiaveno ’nu càuce ’a coppa..!
SR – Giggi’… e allora? Mò che c’entra con l’eredità?

Gg – C’entra, c’entra.
SR – Ma se tu non hai nulla, di cosa ti preoccupi?

Gg – Io nun ce voglie lascia’ all’isola..! ’I vuless’ diseredita’ a tuttu quante. Se ne iéssen’a Formia, addò so’ nate.
SR – Giggi’, ma che cazz’ dici? Nun se po’ fa’ ’sta cosa. Nunn’è prevista.

Gg – Essì, vuie i legge v’i facite a modo vuosto e facite sule chell’ ca vve pare.
SR – Ma è contro il diritto, non puoi non lasciare in eredità una cosa che non è tua.

Gg – Ma qua’ dritto e stuorto, all’isola è pura d’a mia e i’ a loro nun ci’a lascie. E’ chiaro?
SR – Certo che quando te mitte ’na cosa ’ngapa si’ peggio ’i ’nu mulo.

Gg – E si nunn’u pozze fa’ pecché i legge voste nun so’ bbone, faccio a modo mio.
SR – E che fai a modo tuo? Sentiamo.

Gg – Ce lascio ’u paese tutto scarrupate, vietato, ammuinàte, allagàte, ’mbrugliato, scuzzecato, ’ndebetato e sott’e’ncoppa…
SR – Eeeee! Ma che t’è venuto stasera? Mi pari Attila.

Gg – Nunn’u canosco a ’stu Attilio tuie… nuie però tenimmo ’u Sceriff’. Ci’aggia sule parla’ e ’a distruzzione sarrà completa. Dopp’i me ’a’lluvione: scura tromba! Pigliatavéll’a chillu poste! Nient’a nisciuno!

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.