Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

banchina-nuova-2 foto-0003 ipc u-34 l-06 06

Punzise & punzaltri

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Cerchio su fondo blu

 

Giggino –  Ha ditto accussì Zi’ Michele ch’a tté nun t’aggia dice chiù cose riservate e confidenziali.
Sang’ ’i Retunne – Se è per questo l’ho detto anche a me. Vedi tu uno comm’ hadda cummanna’ ’ncopp’a capa d’a gente.

Gg – Chill’ nun accumànna, chill’ cunziglia.
SR – Come no? E tu segui i suoi consigli vero?

Gg – Azz’ no? Ccà nuie simme arravugliate ’nda ’na razz’i fetienti traditure. E iss’ ce cunziglia comme ce putimme difenne.
SR – Addirittura? E che razzaccia sarebbe?

Gg – Na razz’i miezz’-miezz’.
SR – E che è ‘sta cosa mò?

Gg – I miezz’-miezz’ so’ chillillà che so’ nate cca e po’ se ne so’ gghiute a’ vi’e fore… e mò vuléssen’ cummannà a nuie ca simme rimaste cca.
SR – Embè, che vulisse dice? Ca i’ nun so’ punzise ?

Gg – Ma quann’ maie!? Punzese è uno ca sta ccà sempe. Chisti’lloco so’ punzise-frastiére.
SR – Allora, secondo te, è chiù punzese chill’ ch’è nato fore e mò sta ccà?

Gg– No no, chill’ è frastiere-punzese.
SR – Addirittura! Due categorie? Ma allora, famm’a capi’, io che sarei?

Gg – ’Uagliò, è meglie ch’u ssai: tu stai proprio arruinato..! si’ nat’ a Formia, màmmete è frastéra, pàtete è d’i Fforne e tu s’i state ccà sule ’a staggione. Tu si’ periculòse. Assaie!
SR – Azz, conosci tutta la mia ascendenza: allora come mi chiameresti? Famm’a senti’.

Gg – Bastard’! sicondo me tu si’ ’nu bastard’ ammischiàt’.
SR – E io lo sapevo che andava a finire a appìccec’.

Gg – No, no, ma qua’ appìcceco… è l’etichetta iusta che te dà ’u grado d’affidamento.
SR – Ah!, ho capito, secondo questa teoria uno è affidabile o meno in base alla sua residenza?

Gg – E mica sul’a residenza…: a chi appartieni, addò si’ nato, màmmeta addò è nata, pàtete addò è nato, addò te faie ’u bagno, addò te pigli’u ccafè, quanti vote parte, si tiene ’na casa a Formia, si tiene ’na varca, si tiene ’na catena ’i terra, addò pusteggi’a machina, addò accatt’u ppane, addo vaie a truva’ i maruzz’…
SR – Mamma mia! e che è… ’na lista ’i proscrizione? E tutto ‘st’archivio addò sta?

Gg
– Uggiesù, comme addo sta? ’Nda capa d’u Zzar.
SR – E dalle cu’ ’stu Zar. Io ’u vuless’ proprio accanosce…

Gg – Quando sarà, mò no!
SR – Giggi’, però, secondo me, vi siete dimenticati di catalogare una figura.

Gg – E quale?
SR – Quella dei nati fuori, con la mamma ed il padre forestieri, che hanno studiato fuori e che mo’ stanno qua.

Gg – Ah, i “punzaltri”? Chille stann’  afore d’a scaletta. Nun ce sta discussione!
SR – E che vuol dire?

Gg – Vuol dire che chisti cca so’ intoccabili e so’ l’unica speranza pe’ nuie.
SR – Giggi’, ma che cazz’ dici? Ti rendi conto?

Gg – Ha ditt’ Zi’ Michele ch’a nuie chisti cca ce servene comme “arma contro un dente”: sarranno ’a sarvezza nosta!
SR – Giggi’, si dice arma contundente. Però, famm’a ccapì, la salvezza di chi? Qua non si capiscono bene le parti, ci sta una confusione che fa paura…

Gg – E che dumande fai? ’A sarvezza mia! ’I ’llate ch’ me ne fotte!

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.