Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

m2-9 ss11-1 10 23a corrida17 Spugne all'interno della grotta

Cazzaro cercasi…

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i  Retunne
Pistola speciale

 

Giggino – Prefesso’, si’ m’apprumìtte ’i mantene’ ’nu silenzio ’i tomba te diche ’nu segreto.
Sang’ ’i Retunne – A sì? Perché ho mai detto in giro qualcosa che mi hai confidato?

Gg – Azz’ no? Sempe! Si’ ’nu vocc’apiért’ ’i mmerda. T’ammeretàsse sule càuce ’nfaccia.
SR – Ma quando mai! Quanne te chiave cierti ccose ’nda chella capa ’i mùmmulo è ‘nu ‘uaie!

Gg – See se, cose ’ngapa… Cu’ Assuntina  m’è fatt’ fa’ i megli’appicceche pe’ colpa toia.
SR – E dalle! Non sono stato io a dirle la faccenda della prosperosa signora cazara.

Gg – Vabbuò, lasciamm’a perd’… ma si parle, nun sule nun te diche cchiù niént’, ma te vatte pure..!
SR – Allora?

Gg – Allora, he sape’ che da ’nu poc’ ’i tiempo s’è inzediato ’nu “governo ’u frisc’”.
SR – Si è costituito un governo ’nda ’nu frigorifero?

Gg – Uvvì?  Accummiénci’a ffa’ ’u prufessore: mò te mann’a’ffa’ngulo e dazzo’!
SR – That’s all! …Giggi’, tu però devi ragionare: che cazzo vordi’ “fare un governo al fresco”?

Gg – ’Nu guvèrn’ fatt’ addò ’nce sta ’u sole.
SR – Madonna Giggi’: un “governo ombra”!?

Gg – Ggiusto! Ma scusa, all’ombra nun ce sta ’u frisc’? Staie sule a fa’ scazzella!
SR – Ma non è la stessa cosa, sei tu che capisci a modo tuo.

Gg – A sì? Invece si’ tu ca nun sai ’i ccose comme stanno. ’Stu governo sta ’u frisc’ pecché s’arriunisce ’nda ’na cisterna romana.
SR – Azz! Comm’i carbonari?

Gg – E bbrav’! Proprio ’nda cisterna d’a craunara.
SR – Aheeee! I’ chiamm’ a copp’ e chille responn’ a premera! E allora? Di chi siete l’ombra?

Gg– Che cazz’ ‘i dumànd’ fai? D’a piscina.
SR – Ma ch’è capito? Di chi siete l’alternativa? Al posto di chi governate?

Gg – A sì, e spieghete megli’a prossima vota. Nuoi guvernamm’ a’i spalle ’i chisti ccà.
SR – Del comune?

Gg –  Sì d’u comune: i’ song’ “assessore ai trasporti”!
SR – Azz! Ma si nun tiene manc’ ’a patente?

Gg – Pecché tu ’a tiene ’a licenza ’i caccia?
SR – Lasciamm’ perde! Allora da chi è formata ’sta giunta ombra? Sentiamo…

Gg – Allora… Ce sta l’assessore ai pariolini, chill’ ai lavori privati, chill’ d’à munnezza a chilo, l’assessore d’a pubblica ‘gnoranza, chill’ d’u tozzabancone, l’assessore a’ cala cecata, l’assessore ai cateteri, l’assessore d’u commercio a niro…
SR – Giggi’, ma che cazz’ d’assessorati so’ chiste? Se questa è l’alternativa politica, stamm’a post’!

Gg – Nun fa’ ’u solito sfascista: nui simme tutti anti-sfascisti. È chiaro?
SR – Come no! È chiarissimo, più sfasciati di così! Poveri noi!

Gg – Te vulév’ dicere ca – semp’ si te fa piacere… – ce stess’ ’nu post’ ’i “assessore d’i cazzate”. Tu ’nn’he fa niénte, c’a bella parlantina che tiene  he sule spara’ strunzàte. Cchiù grosse so’ e chiù è meglio assaie.
SR – “Più è meglio assaie” non si dice.

Gg – E tu dice n’ata cosa: a me che me ne fotte.
SR – Però non mi hai detto chi sono queste persone.

Gg – Ah, nunn’u ssaccie! Là stamm’ tutt ’ncappucciàt’… accussì nesciuno sape chi è ll’ato e nisciuno po’ fa’ ’a spia.
SR – Ahé, sempre peggio! Ma c’è un capo?

Gg – E comme no? È chist’ ’u segrèt’ cchiù gruòss! …Isso! E’ proprio “isso” che m’ha dato l’ingarico ’i truva’ ’nu nuov’ assessore. M’ha ’itt’: “Ahò, cafone ponzese, cercame un fidato cazzaro saputello che io ho finito l’elenco de’e fesserie da racconta’ e ’a prossima invernata che cazzo glie ’nvento a ’sti quattro fessi?”.
Chest’è!

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.