Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a1-1 ep-04 i-26 p-18-4-di-4 79 Immagini storiche di Ponza

L’attrazione turistica

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Ruota-panoramica-rimini

 

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, veche a Giggino troppo indaffarato… ma che sta facenn’?
Assuntina – Saccie ’i muort’ suoi ch’ va cumbinànn’! Cocc’atu casino tene ’n mente. ’U primm’ strunze ca ce mette ’na cosa ’ncapa, isso ammocca comme ’nu totano stracquato e cumbìne ’uaie.

SR – Tieni ragione! Purtroppo da un po’ di tempo c’è qualcuno che si sta approfittando della buona fede e dell’entusiasmo dei più semplici, inducendoli a fregarsi con le loro mani.
As – Chill’ Giggino fa bù-bù, ma po’ è ’nu fesso ’i primma forza: se fa strunzia’ d’u primme ch’ ce dice ch’u ciuccio vola. Eeh…  ’u ciuccio vola e i’ pave!

SR – Per paura che io gli chieda qualcosa, quando mi vede addirittura cambia strada. Pensa tu!
As – Essì, chill’ ’u fatto è grave… l’aggie capite ’a quanne l’aggie viste scalia’ ’ndà cascia d’i pann’i viern’.

SR – Addirittura? Cu’ stu calore? Forse se ne vuless’ fuje in Russia?
As – Macché! I’ nun saccie… ’A vernate sta accussì quièt’: beve, s’mbriaca e dorme che è ’nu piacere. ’A staggione è  ’a morta soia!  Ma si fa n’atu ’uaio, i’ ’u sbatt’ a vi’e fore cu tutt’i ’mbruoglie suoie! E mò basta! Quand’è troppo, è troppo!

SR – Assuntì, mò vedo di parlarci io e cerc’ ’i capi’ che sta cumbinanno.
 

[La sera al bar]


SR
– Giggi’, ma che stai preparando con tanta cura?
Gg – Prufesso’, ma saranno pure cazz’d’i miei. O no?

SR – E so’ mod’i risponne? Ti ho fatto qualcosa? Ce l’hai con me?
Gg – No no, è che nun mi sierve. Perciò che te ne fott’ a tte?

SR – Capisco che è una caratteristica tutta nostrana… certo adesso no, ma puoi avere bisogno di me quando mai te lo aspetti.
Gg – A sì? E allora t’u chiede quando teng’ bisogno. Mò so’ affari ca nun t’arriguardano. È chiaro?

SR – Giggì, io sono amico tuo… se le cose me le dici in tempo ti posso dare un consiglio. Ti ho mai consigliato male?
Gg – Sempe! M’he sempe cunsigliato ’na schifezza!

SR – Ah, allora se è così… statt’ bbuone!
Gg – Aspe’… Siénte… E’ ’na questione d’investimendo: i’ voglie fa’ sorde e pe’ fa’ sorde ce vonne l’attraziòn’ turistiche.

SR – Certamente! …hai ragione, nel commercio la novità, l’attrazione chiama la gente. E in che campo vorresti fare soldi?
Gg – C’u trasporto a terra.

SR – Ma qua già ci sono abbastanza tassì e bus, il trenino non ha funzionato. Cosa intendi fare?
Gg – Sì sì, ma chiste so’ mezzi che pigliene i cafone  fatt’ ‘a perzone cafone: ’i pigliene tutti, troppa plebbaglia… Cca ce vo’ co’ccos’i meglie… che fa scena, co’ccos’ ch’attira.

SR – Per mare hanno messo le gondole, mò tu che vorresti mettere per terra?
Gg – ’Nn’u ssaccie ancora… aggia decide ’sti iuorne. Vuleve mètt’ ’na carruzzella cu i cavàll’…

SR – Madonna Giggi’, e che è sta cosa? Non mi pare troppo appropriata. Invece di attirare la gente attirerai le risate della gente.
Gg – Eh, nun si’ ’u primme ca m’u ddice..!

SR – Vedi? Quando vuoi i consigli li sai ascoltare?
Gg – Anfatti… mentre ’a steve costruenn’, è assummato ’aret’i biduni allineati d’a munnezza, uno tutt’ pelàt’, c’a’ll’uocch’i pazz’ e ’nu sicarie ’mmocca…

SR – Come se fosse un’apparizione?
Gg – Sìii! M’ha ditto: “ ’Ueee! cafone ponzese, lassa sta’ ’a carozzella che è ridicola… e prepara ’na bella slitta. A’ ’e renne e a’ neve ce penso io!”.

Venerdì pesce

Renna con slitta e Babbo Natale

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.