Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-18 l-04_0 l-07 m corrida17 paesino-2

Accort’ i rrecchie!

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Il feroce Saladino. Prima

 

Giggino – Tu ca saie quasi tutt’ cose, ma quando è festa fore è festa pure cca?
Sang’ ’i Retunne – Giggi’!… e che stiamo in un’altra nazione?

Gg – Ah! Allora stamm’ aint’ i confìn’? Cca è ancora Italia?
SR – Mò perché fai ’sti domande? M’aggia preoccupa’?

Gg – Sai comm’è, ogni tanto me vènene i dubbi.
SR – E chi è che t’i fa’ veni’ ’sti dubbi?

Gg – Ccà ogni matine ce sta ’na novità, he viste mai ch’hamm’ cagnate pure nazione?
SR – E quali sarebbero ’sti novità? Dimmene qualcuna.

Gg – Uggiesù, ma a’lluocchie nunn’i ttién’?
SR – Essì, sono un po’ distratto: tengo molti pensieri… le perchie non mangiano. Allora, che novità?

Gg – All’aulive a basci’e banchine nun l’he viste? ’U nonne mio s’è accise a cura’ doie piant’i aulive, a’ fine l’appecciate.
SR – Ma che c’entra: anche se non è zona, comunque adornano, fanno verde, sono belli.

Gg – ’U treno ’i Lillipùzz’ pe’ gghi a Chialiune? Ne vulimme parla’?
SR – Madonna Giggì, ma quello è un gioco per bambini.

Gg – Nun dice scemenze! Ie ci’aggie visto sagli’ pure l’assessore che propriete criatura nunn’è.
SR – E sarà stato un caso!

Gg – E tutte chilli sorde pe fa’ ’a ringhiera d’acciaio p’attracca’ ’i varche ’ngopp’a spiaggia ’i Sant’Antonio? Pare ’i sta’ a’ Merica
SR – Quello è un passamani e non è stato fatto per attraccare le barche. È mai possibile che vedete tutte le cose al contrario? Po’ dice ca Iss’ se’ngazza. E pe’ forza.

Gg – Tu lo sai che arriveranno le gondole dalla Svizzera?
SR – Intanto le gondole stanno a Venezia.

Gg – E saranno emigrate. Sai comm’è, cu’ ’sta crisi ’a gente nun po’ pava’.
SR – Non dire sciocchezze, la patria delle gondole è Venezia, punto e basta. Cca teniumm’ i vuzze a sei rimme e ’sti gondole sono una tua invenzione.

Gg – ’A cosa che però mi fa pensa’ ca nun stamm’ in Italia è ’u governo.
SR – Quale governo? Dove lo hai visto ’sto governo mò? Ogni tanto te ne esci con qualche cazzata.

Gg – Se, se… cazzata. Primme d’i bisnonni nuoste cca chi ci steve?
SR – E chi ci stava? I pirati sicuramente c’erano.

Gg – Ecco, bravo: he visto ca si’ preparato? E ’sti pirati ’i ddo’ erene?
SR – Credo che fossero saraceni… della Turchia.

Gg – Uvvì? E mò aggie capite pur’i che nazzione simme addeventati.
SR – Giggi’, ma che ti stai inventando?

Gg – ’U governo d’i turchi ’a chi era cummannàto?
SR –  E che ne so? Credo dal sultano.

Gg – Ecco qua: mò tutto è chiaro, anzi chiarissimo.

SR – Ma cosa è chiaro? Io non ci sto capendo più niente!

Gg – ’Uagliò ccà siamo addeventati tutti pirati turchi e fuorilegge, cu’ i giannizzeri ca ce cuntrollano e ’u sultano che ce tagl’i recchie. Perciò accort’a tte!

Il feroce Saladino. Dopo

 

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.