Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0005-005 c2-18 foto-0001 ss13 corrida15 giuseppe-vitiello

Il mostro

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Il mostro di internet

 

Sang’ ’i Retunne – Giggì, negli ultimi tempi ti vedo molto preoccupato: ch’è stato?
Gg – Sul’ i sciém’ nu capiscene ’u perìcul’ che tirompe e ci divide.

SR – Giggi’ si dice “che incombe”.
Gg – E nuie ccà stamm’arruinati proprio pe’ colpa d’i prefessure comm’e te.

SR –  E dalle..! Sappi che è l’ignoranza la causa delle divisioni, non la cultura.
Gg – A sì? Allora è chesta ‘cultura’ toia che dice ca simme tutt’uguali? Ecco..! Nun è accussì.

SR – Ma come nunn’è accussì. Ma ti rendi conto che sei un razzista?
Gg – Io nun so’ razziste, song’ alloro che sono divers’ ’a me: io mò vuless’a sape’ ch’aggia a che spàrtere cu’ chill’i ’ngopp’i Scuott… Dìcem’a mme!?

SR – Madonna Giggi’, a chistu stato sta ’a chiesa? Addirittura ti senti diverso dagli altri paesani?
Gg – E dalle! So’ allòro ca so’ diversi, no io. Ie vuless’ unire sì, ma tutti chille uguali. I diversi se stessero a’ cas’alloro.

SR – Bell’arrobba! Ma non mi hai detto perché sei preoccupato.
Gg – ’Uagliò, aggie sapute ch’a miezz’a nuie c’è sta ’nu diavole, ’nu sfaccimm’i mmerd, ’nu mostro traditore che ce vuless’ sceta’, nient’i’mén’!

SR – E magari fosse!
Gg – ’U vvi’?  Tu si’ d’accordo cu’ st’omm’i niènt’ e io sbaglie a parla’ cu’ te. Tu si’ une i ’lloro.

SR – Sono d’accordo concettualmente, ma non conosco chi potrebbe essere questo mostro.
Gg – E giura ’ngopp’a Juve ca nun si’ tu.

SR – Ma te parene giuramenti ’a fa?
Gg – ’Uagliò, cca ’u fatto è serio, io accummenci’a sospetta’ pure ’i Assuntina: ogni tanto ’a trovo cu’ ’nu giurnale ’mmano.

SR – Essì, se teness’a ’mpara’ qualcosa. E’ pericolosa! Ma famm’u piacere, cammi’!
Gg – Se se… fa’ ’u spiritoso tu… I’ aggio vist’ pure a muglièrete cu’ ‘nu libbro mman’. Stai in perìcul’ pure tu.

SR – È mai possibile che siamo alla caccia alle streghe? Si è arrivati a sospettare addirittura di chi si informa? Di chi sa qualcosa? Siamo proprio alla fine!
Gg – E ccièrt’!  Nuie hamma faticà, pava’ i tasse e vuta’ sempe là: ’u riest’ ce penza Iss’: nun è cosa pe’ nuie penza’ e critica’. Damme sulo fastidio a Iss’:  è chiaro?

SR – A me non sembra una cosa giusta e democratica.
Gg – Cu’ ’sta democrazia avit’ arruinat’u munno. Ccà une sule ha’dda cummannà!  Cient’ uall’ a canta’ nun fa maie iuorne. Isse tène raggione: chi nu’ rispetta a leggia soia, càuce ’ngulo e via! A Formia!

SR – Non è così: la democrazia è partecipazione, condivisione, dibattito, informazione.
Gg – A sì? Ecco pecché stamm’ accussì ’nguaiati ! ’Uagliò ccà uno hadda cummanna’. Ce sta Iss’? E Iss’ cummanna: noi eseguimme e guai a chi parla!

SR – Però non ho ancora capito cosa c’entra il mostro. Che colpa avrebbe?
Gg – Uggiesù!! Chill’u ‘mostro’ è ’nu periculo serio. Si arap’a’lluocchie occhi a’ ggente avimmo fernuto ’i durmi’ tranquilli. Iss’ se ne va e po’ ci’attocca a nuie a pensa’ u’ futuro!  Ma si già ce sta chi penza a nuie, a che ce serve?

SR – Giggi’, ma così hai delegato il tuo futuro e la tua vita. Ti rendi conto?
Gg – Va bbuono accussì! Meglie Iss’ ca un’i nuie.

(Qualche giorno dopo)

SR – Allora Giggi’, l’hai trovato il mostro che vuole svegliare il popolo?
Gg – Nun me fa’ parlà…

SR –  Cosa è successo?
Gg – Ieri notte steve p’i fatte miei a bascie’i banchine, a pazzia’ c’u tablètt’, quanne a ’nu cierto mument’, d’arete i biduni d’a munnezza, è asciuto uno tutte pelato, ca’ll’uocchie ’i pazz’ e cu’ nu sigario mmocca e m’ha ’itto: “Uee ti ho beccato cafone ponzese traditore! Allora sei tu a rompe ’e palle su internet? Sei tu il mostro che informa la gente pe’ svejarla?”
…E m’ha acciso ’i mazzate cu’ ’na  schiant’ d’aulive.

Venerdì-pesce-295x300[1]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.