Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-27 v4-11a lamonica-02 ss07 aragoste Spugne all'interno della grotta

Calcio Ponza. XXI Giornata di Campionato

Condividi questo articolo

cronaca di Giovanni Califano

goal 1

 

XXI Giornata di Campionato 2014-2015 di II Categoria Lazio, Girone L – Campo Sportivo Comunale di Castrocielo (FR).

Castrocielo ASD – Pol. Dil. Ponza: 1 – 2

Tabellino incontro
Castrocielo ASD: Marchitti; Cristini, Zenga, Lancia B, Marsella; Lancia G, Marchetti, Capuano, Adamo; Piras, Castrechini;
A disposizione: Gargiulo, Patriarca, Di Vito, Falasca, Testa
Allenatore: Di Rollo

Pol. Dil. Ponza: Califano R.; Vitiello A., Repele, Tescione F, Vecchione; Rispoli D. (C), Merche, Carofano, Orlando; Napolitano R., Vitiello R.;
A disposizione: Rispoli B., Capone, Serpico, Feola, La Torraca, Cerqua;
Allenatore: Domenico De Santis;

Arbitro: Giorgio B. della sezione di Frosinone
Marcatori: al 3′ Marsella rig.(CAS), al 66′ Castrini aut. (PON), al 76′ Napolitano R (PON)
Note: al 60′ espulso De Santis D. per proteste. All’ 89′ espulso Patriarca per gioco falloso.

***

E’ una bellissima giornata di inizio Marzo quella che accoglie la PoliPonza in quel di Castrocielo.

I ragazzi di mister De Santis vanno a caccia dei primi tre punti in trasferta dove fino ad ora hanno fatto maluccio, raccogliendo un solo punto in quel di Esperia.
I nostri sulle ali dell’entusiasmo per la grande vittoria casalinga della scorsa settimana ai danni del Colfelice, hanno l’opportunità di agganciare in classifica, in caso di successo, proprio gli avversari odierni.

I rossoblu di mister Di Rollo vengono invece da una rocambolesca sconfitta per 3-2 a San Lorenzo e hanno bisogno di punti per distanziarsi dalla parte calda della graduatoria.

Qualche problema di formazione per mister De Santis che deve fare a meno di Tescione G. e Aversano fermati dal giudice sportivo, di Di Meglio per un piccolo problema al labbro e anche di Vitiello S. alle prese con noie muscolari. La formazione vede quindi la conferma di Califano R. tra i pali, linea difensiva da destra verso sinistra con Vecchione, Tescione Federico, Repele ed il gradito ritorno di Alessio Vitiello dal Brasile sulla corsia mancina. Le geometrie e la tecnica Pawel Carofano in cabina di regia insieme alla grinta e ai muscoli di Merche, l’estro di Domenico Rispoli e Orlando sulle ali per ispirare la coppia offensiva, confermata dopo la grande prestazione col Colfelice, formata dai due Raffaele, Napolitano e Vitiello.

Con circa 15′ di ritardo il match inizia tra gli applausi di circa una cinquantina di spettatori che approfittano della bella giornata per godersi la partita.

Dopo 120 secondi il Ponza va subito vicino al vantaggio grazie ad una bella penetrazione centrale di Merche che conclude con un tiro angolato ma non troppo potente che chiama subito all’intervento il numero uno ciociaro.
Neanche un minuto dopo però Tescione sbaglia un controllo all’interno della nostra area di rigore, Adamo ruba palla e Federico lo butta giù da dietro. Rigore ineccepibile.
Marsella freddissimo spiazza Califano, siamo sotto dopo soli 4 minuti di gara.

Lo schiaffo preso non sembra destare il Ponza che continua a commettere alcuni errori di impostazione soffrendo i lanci lunghi degli avversari che in questa prima parte di match sembrano più determinati dei nostri a portare a casa il risultato.
Al 14′ buona azione sulla fascia destra di capitan Rispoli, il  suo cross viene ribattuto ma Burra riesce ugualmente a concludere verso la porta, palla di poco a lato. Qualche minuto dopo, mister De Santis decide di effettuare il primo cambio: dentro Luigi Feola, esterno d’attacco, fuori Federico Tescione, palesemente demoralizzato dopo l’errore da cui è scaturito il rigore per i padroni di casa.

Il Ponza comincia a macinare gioco e al 20′ è Orlando a rendersi protagonista di una buona azione personale, anche la sua conclusione però è imprecisa e termina ai lati della porta rossoblu.
Alla mezz’ora buona punizione per la PoliPonza, la conclusione di Rispoli è angolata ma il portiere Marchitti l’aspetta e blocca in due tempi.

Al 38′ si rivedono in avanti i padroni di casa: la conclusione dal limite dell’area di Capuano finisce fuori con Califano che accompagna la palla sul fondo. Tre minuti più tardi primo cambio anche per il Castrocielo con l’ingresso di Patriarca al posto di Lancia B.
Al 44′ arriva la migliore occasione del primo tempo per il Ponza: Rispoli salta tutta la difesa avversaria e si presenta davanti a Marchitti, la sua conclusione a giro termina di poco a lato lambendo il palo della porta dei ciociari.
La prima frazione di gioco termina qui.

Nessun cambio per i due allenatori ad inizio secondo tempo.

La partenza del Ponza questa volta è più che convincente con Carofano e Rispoli bravissimi a tenere il pallino del gioco tra i loro piedi ispirati. Il Castrocielo si arrocca dietro già dai primi secondi della ripresa. E’ assedio gialloblu: al 56′ una bella azione corale porta al tiro Carofano, la sua conclusione potente è deviata sul fondo da Marchitti, bravissimo ad allungarsi sulla sua sinistra;

Il signor Giorgio non ne indovina una e a causa dei suoi continui errori nella direzione arbitrale la partita inizia ad incattivirsi. All’ora di gioco ammonito Merche. Il signor Giorgio a questo punto perde completamente il controllo sulla gara e si accende una rissa in campo, generata dall’atteggiamento antisportivo della panchina ciociara, che butta in campo un pallone cercando di perder tempo.
Nel marasma generale perde le staffe anche mister De Santis che viene allontanato dal campo.
Dopo circa 10 minuti di interruzione, il match riprende con il nostro allenatore in tribuna ad urlare istruzioni ai suoi ragazzi.

Al 66′ il Ponza agguanta il meritatissimo gol del pari: Feola e Rispoli ricamano sulla sinistra liberando al cross Napolitano, sul suo fendente sfortunata deviazione alle spalle di Marchitti da parte di Cristini, è 1-1. Al 75′ è il turno di La Torraca che subentra ad Orlando.

Al 77′ Raffaele Vitiello guadagna una punizione sul lato destro dell’area di rigore del Castrocielo. Capitan Rispoli si incarica della battuta e la sua pennellata finisce in zona Napolitano che schiaccia di testa il gol del vantaggio per la PoliPonza.
Raffaele realizza il suo ottavo gol in questo campionato, dimostrandosi una volta di più grande rapace d’area di rigore.

Con coraggio e determinazione il Ponza tiene il controllo del gioco anche una volta in vantaggio e sfiora il colpo del definitivo ko.

All’84’ Carofano con un tiro da fuori sfiora il palo, all’88 invece La Torraca se ne va sulla fascia destra e mette al centro, Napolitano si avvita in rovesciata ma la conclusione favolosa si stampa sul palo destro a Marchitti battuto: urlo di gioia strozzato in gola per il Ponza.

All’89 Patriarca ferma Feola, per Giorgio non ci sono dubbi, scatta la seconda ammonizione per il difensore del Castrocielo che lascia così i suoi in 10 per i minuti finali. I padroni di casa provano con ogni mezzo a raggiungere il pareggio ma senza mai dar fastidio a Califano, che con personalità spadroneggia nella sua area piccola sugli ultimi palloni buttati alti in mezzo dai ciociari.
Dopo 5′ di recupero Giorgio fischia la fine del match: il Ponza ha espugnato Castrocielo!

Note di merito oltre che per il solito spietato Napolitano, all’ispirazione tecnica di Rispoli e Carofano, alla corsa degli esterni, alla personalità di un immenso Merche e alla perfezione difensiva di Repele.
I ragazzi di De Santis festeggiano in campo la grande vittoria sotto gli spalti dove i tifosi impazziti di gioia intonano il classico coro, divenuto ormai tormentone.

A questo punto però accade l’incredibile. I giocatori del Castrocielo, evidentemente frustrati per la pesante e meritata sconfitta casalinga, reagiscono alle presunte provocazioni di Califano e lo aggrediscono all’ingresso degli spogliatoi.
Con l’arbitro Giorgio già rintanato sotto la doccia, si scatena un rissone dove vengono aggrediti tutti e volano pugni e schiaffi. A farne le spese è l’immenso Presidente Rispoli, che viene vilmente spintonato a terra da un ragazzo di vent’anni, che potrebbe esserne il nipote. Inutile sottolineare ulteriormente la viltà del gesto.

I giocatori del Ponza vengono fatti rientrare a fatica negli spogliatoi dove si chiudono in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine, necessarie per lasciare senza ulteriori problematiche il campo di questi vili barbari ciociari.
Sotto una pioggia di insulti, circa mezz’ora dopo la PoliPonza e i suoi tifosi lasciano il campo e sul pulman possono partire i meritati festeggiamenti.
Speriamo che la giustizia sportiva sia attenta a quanto avvenuto oggi, e prenda i provvedimenti necessari per impedire a persone del genere di mettere in pericolo nuovamente l’incolumità delle squadre avversarie.

Tornado a parlare di calcio, raggiungiamo in classifica proprio i nostri avversari odierni in un terzetto a quota 15 punti che include anche l’Esperia a 3 punti di distanza dal Marina Maranola.
Da martedì si torna al lavoro, domenica prossima al Calacaparra arriva il fortissimo Real Theodicea, nuovo impegnativo esame per i ragazzi di De Santis.

Uniti si Vince! Fino Alla Fine Forza Ponza!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.