Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-06 ambrosino-06 43 corrida7 silverio-mazzella Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

Ponza Calcio. Intervista all’allenatore

Condividi questo articolo

di Giovanni Califano

 

Questa domenica la Polisportiva Dil. Ponza si gode un turno di riposo. E’ stata l’occasione per scambiare due parole e fare un bilancio della prima parte di stagione con il nostro tecnico, Domenico De Santis.
G.C.

 De Santis. Allenatore


Domenico De Santis, formiano classe 1986, Lei è allenatore del Ponza dal luglio 2014 e si tratta della prima esperienza in assoluto in questo ruolo. Se l’aspettava così? Quali sono state  le maggiori difficoltà incontrate fino ad ora?

“Inizialmente la difficoltà maggiore l’ho trovata nel costruire un gruppo di ragazzi che volesse lottare per un unico obiettivo. Ottenuto ciò, la difficoltà attuale sta nel gestire un gruppo molto ampio ed eterogeneo, perchè 25-27 atleti sono veramente tanti. 
Sì, è la prima esperienza da allenatore e non nascondo che qualche volta al momento di un gol o di una vittoria la commozione ha preso il sopravvento, ma mi auguro ben volentieri che ciò accada spesso”.

Rinnovati gli assetti societari e trovati nuovi investitori, la Polisportiva Ponza si è gettata con grande voglia sul progetto calcio. E’ soddisfatto dell’operato della società e del rapporto di sinergia venutosi a creare tra le varie componenti del Ponza Calcio?

“Il progetto che la società quest’anno ha voluto mettere in piedi è molto ambizioso e prevede il coinvolgimento di tanti ragazzi dell’isola, alcuni già protagonisti del Ponza Calcio, altri che si sono affacciati sul rettangolo di gioco solo quest’anno, e che stanno dimostrando con grande impegno di volersi giocare il posto da titolare senza alcun timore.
Un posto da titolare per il quale tutti sono disposti a sudare ma che, a volte, per mie scelte tattiche o anche dovute alla condizione atletica, ha causato l’allontanamento di alcuni giocatori, che prima che tali sono amici. Mi auguro ci ripensino presto perchè il Ponza Calcio ha bisogno di tutti per diventare ancora più competitivi e vincenti. A dicembre la società è intervenuta sul mercato, portando sull’isola tre ragazzi di categoria superiore (Carofano, Orlando, Cerqua) proprio per dimostrare la serietà del progetto e che si fa sul serio pur di vincere. Sono decisamente soddisfatto”.

Siamo giunti al termine del girone d’andata, chiuso dalla Sua squadra al penultimo posto con 8 punti. Ha raccolto grandi consensi da avversari ed addetti ai lavori; qual’è dunque l’obiettivo per questo girone di ritorno?

“Arrivati al giro di boa, dopo le ultime belle prestazioni, siamo riusciti a portare a casa anche degli ottimi risultati, frutto di tanto lavoro e sacrificio che i ragazzi stanno facendo con voglia e dedizione. Come dico sempre nello spogliatoio prima di ogni partita a tutti i miei ragazzi, se non ci mettiamo il cuore per questi colori i risultati non arrivano ed i ragazzi non mi stanno deludendo, dando in campo tutto quello che hanno.
Domenica prossima incomincia il girone di ritorno e la squadra, il gruppo, la famiglia ci sono; siamo sul pezzo!
L’obiettivo della società è arrivare a 24 punti e a fine campionato tireremo le somme e vedremo se saranno stati sufficienti per la salvezza”

.

Grazie mister, in bocca al lupo!

“Grazie, crepi il lupo. Un saluto a tutti e Forza Ponza!

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.