Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0021-021 v6-2 f-ab hp0055 veduta-1 sl372208

Tra gli Auguri più belli ascoltati finora: “Diritto al delirio”, di Eduardo Galeano

Condividi questo articolo

segnalato da Simonetta Lambertini
Eduardo Galeano. Copy. Statement

 

Diritto al delirio, di Eduardo Galeano
– YouTube – Video realizzato da Nerea Ganzarain, con musica di “Bosques de mi mente” e con traccia parlata dallo stesso Eduardo Galeano, autore del testo

.

 

.

Leggi qui in traduzione:

.

Il diritto al delirio (El derecho al delirio), di Eduardo Galeano

.

Anche se non possiamo indovinare il tempo che sarà,
abbiamo almeno il diritto di immaginare
ciò che vorremmo che fosse.
Le Nazioni Unite hanno proclamato
estese liste di diritti umani,
ma la maggior parte dell’umanità
non ha altro che il diritto
di vedere, ascoltare e stare zitta.
Che sarà se cominciassimo ad esercitare il mai proclamato
diritto di sognare?
Che sarà se iniziassimo a delirare per un po’?,
alla fine dell’anno,
andiamo a posare gli occhi al di là dell’infamia
per immaginare un altro mondo possibile.
“L’aria sarà ripulita da ogni veleno che non venga
dalle paure umane e dalle umane passioni.
La gente non sarà guidata dall’automobile,
non sarà programmata dal computer,
non sarà comprata dal supermercato,
né sarà guardata dalla televisione.
Il televisore non sarà più
il membro più importante della famiglia.
La gente lavorerà per vivere,
invece di vivere per lavorare.
Entrerà a far parte del codice penale
il delitto di stupidità,
che commette chi
vive per avere o per guadagnare,
invece che vivere
per vivere e niente più.
Come canta il passero,
senza sapere cosa canta,
e come gioca il neonato,
senza sapere a cosa gioca.
In nessun paese saranno arrestati i ragazzi
che rifiutano di fare il servizio militare,
ma quelli che vorranno farlo.
Gli economisti non chiameranno livello di vita
il livello di consumo;
non chiameranno qualità della vita
la quantità delle cose.
I cuochi non crederanno
che le aragoste adorano essere bollite vive.
Gli storici non crederanno
che ai paesi piace essere invasi.
Il mondo non farà più la guerra ai poveri,
ma alla povertà.
E l’industria militare non avrà altro rimedio
che dichiarare fallimento.
Il cibo non sarà una merce,
né la comunicazione un commercio.
Perché il cibo e la comunicazione
sono diritti umani.
Nessuno morirà di fame,
perché nessuno morirà di indigestione.
I bambini di strada non saranno trattati
come se fossero immondizia,
perché non ci saranno bambini di strada.
I bambini ricchi non saranno trattati
come se fossero danaro,
perché non ci saranno bambini ricchi.
L’educazione non sarà un privilegio
di chi può pagarla,
e la polizia non sarà la maledizione
di chi non può comprarla.
La giustizia e la libertà,
gemelle siamesi,
condannate a vivere separate,
torneranno ad unirsi,
torneranno ad unirsi vicine vicine,
spalla a spalla.
In Argentina, le pazze di piazza di maggio
saranno un esempio di salute mentale,
perché si sono rifiutate di dimenticare
in tempi di amnesia obbligatoria.
La perfezione,
la perfezione continuerà ad essere
un noioso privilegio degli dei.
Ma in questo mondo,
in questo mondo inetto e molesto,
ogni notte sarà vissuta
come se fosse l’ultima,
e ogni giorno come se fosse il primo”.

 

Eduardo Galeano (Montevideo, 1940) è un giornalista, scrittore e saggista uruguaiano.
È una delle personalità più autorevoli e stimate della letteratura latinoamericana. I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue e combinano documentazione, narrazione, giornalismo, analisi politica e storia.
Per Memoria del fuoco (Memoria del fuego – 1982-1986), Galeano fu paragonato dai critici letterari a John Dos Passos e a Gabriel García Márquez.
Ronald Wright scrisse sul Times Literary Supplement: “I grandi scrittori… dissolvono i vecchi generi per fondarne di nuovi. Questa trilogia di uno degli scrittori più coraggiosi e raffinati dell’America latina è di difficile classificazione” [estratto da Wikipedia, a cura della Redazione].

Condividi questo articolo

1 commento per Tra gli Auguri più belli ascoltati finora: “Diritto al delirio”, di Eduardo Galeano

  • Sandro Russo

    Ringrazio, personalmente e a nome della Redazione, Simonetta Lambertini, ‘artista plastica’, da sempre impegnata a sostenere i diritti umani e la libertà dei più deboli.
    Inserendo le parole di Eduardo Galeano che ci ha partecipato come Augurio per il Nuovo Anno, ho ritrovato una collaborazione dello scrittore uruguaiano con Sebastião Salgado, il grande fotografo brasiliano [in un suo libro del 2002 – An Uncertain Grace, “Un incerto stato di grazia” (con Salgado e Fred Ritchin)].

    Il collegamento è stato immediato con un film visto recentemente (ancora nelle sale romane) di Wim Wenders su Salgado: “Il sale della terra”, di cui pensavo di scrivere almeno una segnalazione per i ns. Lettori.
    Grazie Simonetta!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.