Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0011-011 2009-07-15_19-30-36 2009-07-19_12-33-04 e-06 ss01 Il re delle triglie: Apogon imberbis

I risultati del Lola Trophy

Condividi questo articolo

ricevuto come comunicato stampa in Redazione
Vincitore Lola Trophy 2014 Renato Turiziani

 

Lola Trophy, grande successo per la 12a edizione

Si è svolta lo scorso fine settimana nelle acque dell’Arcipelago Ponziano la dodicesima edizione del Lola Trophy. Due giorni di gara per contendersi il trofeo di pesca a traina dedicato a dentici e ricciole organizzato da Nestore Grassucci, presidente dell’Associazione Diportisti Arcipelago Pontino. L’Isola di Ponza si è presentata al cospetto dei partecipanti nel suo massimo splendore a contrasto con le previsioni che davano tutto tranne il bel tempo.

Dispiace per molti equipaggi che volevano raggiungere l’isola provenienti da diverse Regioni e che sono stati influenzati dalle previsioni meteo. Infatti, era previsto tempo brutto, vento sostenuto di maestrale e due metri d’onda.

Fortunatamente, la situazione si è capovolta con vento praticamente assente e sole splendente tranne un nuvolone passato tra Ponza e Zannone che ha portato un piccolo acquazzone tropicale circoscritto in una zona limitata. Notti insonni a calamari (esca principe per insidiare i predatori) con una luna che si riflette sulla superfice del mare lucida come uno specchio.

Contrasti di luci che rendono il paesaggio incantevole quasi fiabesco. Albe mozzafiato hanno esaltato i primi attimi di gara che sappiamo tra i più determinanti.   Occhi attenti a scrutare ogni minimo movimento degli avversari e poi, intuire sul monitor dell’ecoscandaglio quelle informazioni importanti come la palla di mangianza per la presenza dei predatori.

La tecnica di pesca con l’esca naturale, è forse la più emozionante perché fa vivere il mare intensamente. Si studia ogni minimo angolo del fondale, per scoprire dove si possono concretizzare le condizioni ideali per gli attacchi fulminei dei predatori.

Da ricordare che a Ponza è stata  inventata molti anni or sono, probabilmente dal grande pescatore Don Ferdinando, la tecnica di pesca con il piombo guardiano, attualmente la più impiegata per la pesca a dentici e ricciole.

Sedici gli equipaggi presenti su 21 che avevano dato l’adesione. Pescatori locali e team provenienti da tutta Italia attendono tutto l’anno per riunirsi, passare momenti goliardici e vivere il mare a 360°.

Alla fine dei due giorni di gara il vincitore del Lola Trophy 2014 è l’imbarcazione “Innominata” di Renato Turiziani proveniente da Frosinone ma ormai ponzese adottato. Ha partecipato in solitario su un gozzo di 6 metri pescando due ricciole di 3,5 e 5,5 kg.

La preda più grande è stata una ricciola di 5,6 kg pescata dal team “Martina” di Marco Romano con il figlio Flavio che ha vinto anche il premio della coppa in memoria di Andrea Delvecchio offerta dal fratello Piero e famiglia.

La premiazione si è svolta presso il ristorante EÉA in occasione di un pranzo mozzafiato per il bellissimo panorama. Si domina, infatti, il porto borbonico e l’intera Isola.

L’organizzazione ringrazia il Comune di Ponza per il patrocinio, l’azienda agricola di Ponza Taffuri Pouchain per i vini offerti, i negozi di pesca: Charlie Brown di San Felice Circeo, Ciaramaglia di Gaeta, Nautica Inn di Formia, Super Pesca in Mare di Ponza per la collaborazione ed i premi tecnici dati.

 

Immagine di copertina: il vincitore dell’Edizione 2014 del Lola Trophy, Renato Turiziani

Inviato da: Ufficio Stampa Ponza Estate Com.unica

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.