Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-04 l-01 l-05_0 u-08 c1-16 94

’U Pataterno

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i Retunne
John Niven. A volte ritorno. Book

.

Giggino – Tu che saie quasi tutt’ cose, ’u Pataterno turnarrà sulla Terra?
Sang’ ’i Retunne – Certamente! “…E verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti”. Così è scritto …e sarann’ cazz’.

Gg – Ueee! …E mica sarranno sule pe’ mme? Quanta chiaveche ce stann’ ’cca?
Sr – Giggì, tornerà per tutti!

Gg – Eppure… secondo me, è già turnato.
Sr – Ogni tanto te ne iesci cu’ cierti cacciate che me fanno a’scì pazz’.

Gg – Sì sì… fa ’u sceme tu, ca poi, si è comme dic’ ie, voglie proprie vede’.
Sr – Ma che vuò vede’ tu? Te pare… scenne ’u Pataterne ’a cielo, e nisciune se n’accorge?

Gg – ’A cielo sicuramente no! Si scenneva ‘a cielo ce ne fosseme accort’ subbete: nuie sparamme a tutt’ chell’ che vola… ’u fosseme accugliute! No, ’a cielo no. È venuto cu’ll’aliscafo.
Sr – Ma chist’ è pazzo! ’U Pataterno mò arriva cu’ll’aliscafo? Ma addò s’è visto mai?

Gg – …E chille perciò è Pataterno!
Sr – E poi arriva un personaggio simile, e nessuno se ne accorge?

Gg – Eeee… ’A staggione ’a gente adda fatica’, mò se mette a vede’ chi arriva? Pataterno o diavule, baste ca paga, chi se ne fotte ’a do’ vene e chi è.
Sr – Ma ’u Pataterne s’accanosce! …sapimme comm’è fatto.

Gg – E quanto si’ fesso. Te pare che dopo tutte chell’ che ci’hanno fatte, vene cu’ i capill’ luonghe, ’a barba ’nfaccia e ’u camicione ’nguolle! …Accussì l’accanoscene subbite? …Ma va’, va’..!
Sr – A no? E comme teness’ ’a veni’ secondo te? Cu’ i papusci’o pede, i cazunciell’ curte, l’occhiali da sole, rapato a zero e ’nu sicario ’mmocca? E poi… perché con tanti posti proprio qua dovrebbe essere venuto?

Gg – Eee, fa’ ’u spiritoso, tu! Qua ha un vecchio conto da regolare…
Sr – ’U Pataterno? Cca tene ’na questione in sospeso? E cu’ chi?

Gg – Hai mai sentito parlare di Pilato? Chille le facett’ ’nu ’uaie.
Sr – Ma non è così! Chella d’Austino Pilato è n’ata famiglia… non c’entra cu’ Ponzio Pilato.

Gg – E poi cca tene pure cierti parenti i’ Forne, ’ncopp’a Chiana …Addimanda a Tonino!
Sr – Ma che dici! Porta ‘Cristo’ di cognome, è vero, ma non è suo parente.

Gg – See see… sai tutt’ cose tu e poi nun sai propriete niente!
Sr – Ma guard’a chisto! Quando te mitt’ ’na cosa ’ngapa! Piuttosto, invece ‘i fa’ ’sti cacciate ’i pazzo, hai delle prove certe?

Gg – E ciertamente! Ie l’aggie propriete visto, c’all’uocchie mieie …e aggie capito subbete ca fosse iss’… ’u Pataterno in persona!
Sr – Lo hai visto? Ma ddai! E quando e come lo avresti visto?

Gg – Ero iuto a ghitta’ ’a munnezza, a mezzanotte, e mentre turnav’a casa m’è spuntato ’arete a ’nu bidone, uno… tutto pelato, c’all’uocchie ’i pazzo, ’nu sicario ’mmocca e m’ha ’itte: “Ué! Cafone ponzese… Tu non avrai altro dio al di fuori di me, hai capito? Altrimenti te prendo a carci ’nder culo”.

.

Immagine in alto: copertina del libro di John Niven: “A volte ritorno”; 2012, Einaudi ‘Stile libero’ Big

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.