Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0006-006 0017-017 i-19 i-20 ss17 106a

Il cambiamento

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Venerdì pesce copia

 

Giggino – Vuagliò, he viste..? Ce vuleva ’nu frastiere p’a ssistemà ’i ccose cca!?
Sang’ ’i retunne – E che bbuò fa’, nuie simme state sempe amanti di chi sbarca. Ma secondo te… cca è cagnato veramente coc’cosa?

Gg – Basta guardarse attuorne.
Sr – Giggi’, so’ anni che me ’uard’attuorne e me song’ avvelute.

Gg – Eeeh! …si’ semp’u solito depresso! Chill’u fatto è che simme stat’ abituate tropp’bbuone a fa’ i cazz’ nuost’.
Sr – Tu dici che teneveme troppe spiagge, tropp’ turisti e tropo’ attività funzionanti?

Gg – E ciertamente! Nunn’o sai che ’u tropp’ fa male? Se more affugate ’nd’ abbundanza e se caccian’ i vizzi.
Sr – A sì? Non ci avevo pensato. Quindi una vera e proprio dieta sociale, tipo cura dimagrante.

Gg – Essì..! con aggiunta di purga. I cess’ a chell’ so’ servuti. E ’a gente, come al solito, nun a’ccapisce. Tiene ragione tu: simm’ tropp’ ’gnurant’.
Sr – Effettivamente il tuo punto di vista può avere un fondamento. Ma come la metti con il fatto che qua molti sono rimasti senza lavoro e stanno andando via?

Gg – E che cambiament’ fosse si restasse ’a stessa gente? C’è chi va e c’è chi viene. Basta che chi vene tene ’i sord e s’accatta tutt’ cos’, e tutto va bene.
Sr – Mah, sarà… ma io ’sta cosa nun’a vec’ tropp’ bbona. E poi, oltre alla gente, cosa sta cambiando?

Gg – Niente. Nun è cagnato niente e nun’adda cagna’ niente! Nun po’ cagna’ niente: ’u presepie è bell’, song’i pasture che s’anna cagna’.
Sr – Quindi un cambiamento fondato solo su un grande passaggio di proprietà? E tu come fai a stare così tranquillo? Nun tiene appaura che cacciano pure a te?

Gg – Se se, e che so’ fesso io? Nun tengo fatica, nun faccio politica, non voto, nun m’appiccec’ cu’ nisciuno, parlo sule a’rete ‘i spalle, me faccio ‘i cazz’  miei… Io, praticamente, non esisto. Come fanno a caccia’ chi nun ce sta?
Sr –  Azz! Sei un abitante evanescente, un fantasma sociale!

Gg – Vuagliò, ccà già simme paricchie accussì. Sient’a mme, conviene: magne, bive e futte senza responsabilità: ’na meraviglia!
Sr – Ma nun me pare ’na cosa iusta, da padroni diventare servi non va bene, è un cambiamento insopportabile.

Gg – Ma quali servi e quali padroni? Nunn’è capito che accà simme a’rridotti che proprio chi è nisciune è addeventato qualcuno?

 

Cambia.mente

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.