Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a1-12a dc ss23 96a 0011-0002-03 IMG_20171105_102647 (2)

Giggino ‘u tarrorista

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i retunne
Venerdì pesce

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’ a ddò vaie accussì ’i corsa?
Gigino – Vango a prendere il posto, primma che m’u fottene.

Sr – Vai a fa’ ’a posta a’ beccaccia?
Gg – ’I chisti tiemp’ ’a beccaccia? ’A caccia è chiusa è vero, se putess’ i’ …ma all’auciell’ nun ce stanno.

Sr – E allora dove sei diretto?
Gg – Devi sapere che ho trovato un impiego adatto a me.

Sr – Oh! Finalmente! Era ora che te mettive a fa’ coc’cosa pure tu.
Gg – Siente… vide d’a furnì, sinnò nun te dico propriete niente e te lascio nella tua ‘gnurantità universariale.

Sr –  Aeee! Allora se po’ sapè che stai cumbinànn’?
Gg – Mi sono messo a fare il “Tarrorista”.

Sr – Giggi’, secondo me ’a grandine estiva t’ha spaccate i cervell’. Mò te mitte a fa’ ’u terrorista? Già ne abbiamo uno… mò ti ci metti pure tu?
Gg – No terrorista, ma tar-rorista, da TAR: T-i  A-rapo ’i R-ecchie.

Sr – Ma non è come dici tu, TAR significa n’ata cosa e il “tarrorista” non esiste.
Gg – Nun me ne fotte che significa, l’importante è che i tarroristi ponzesi hanno arrapute i rrecchie a cocc’dune.

Sr – Comunque, terrorista o ‘tarrorista’ io non ci ho capito niente. Ti vuoi spiegare meglio?
Gg – Allora: io mò vang’ a Fruntone ed arapo la mia attività.

Sr – A sì? E che attività è?
Gg – Vendo vari tipi di carta igienica, anche profumata, multiuso riciclabile. La vendo sfusa, a strappi. E’ conveniente: 5 strappi, un euro, 10 strappi, un euro e mezzo… faccio ’u scont’. Si vieni tu, te ne dò 20 a cinque euro, giust’ pecché si’ tu.

Sr – Tipico sconto ponzese fasullo: addò starebbe la facilitazione? Mah! …E con questa attività ci guadagni?
Gg – Macché! E’ cchiù ’a fatica! L’impresa nun vale ’a spesa, c’è la crisi. La gente non mangia e quindi, di conseguenza…

Sr – E allora continuo a non capire.
Gg – Se vede che si’ sangue ’mbastardute, nun capisce propriete niente. Pàtete facette ‘nu vuaio a se spusa’ a ’na straniera.

Sr – Ma qua’ straniera, mammà è ’i Roma.
Gg – Appunto! Allora, sient’a mme! Per questa mia attività prima o poi mi sequestreranno la merce.

Sr – Fosse… ’a carta igienica?
Gg – E cierto! E allora i’ faccio ricorso al TAR!

Sr – Pe’ venn’ ’a carta igienica?
Gg – E sì!

Sr – E cosa ci guadagni, scusa?
Gg – E t’u dic’ i’… Le spese processuali, i danni di immagine, il mancato guadagno e lo stress psicologico.

Sr – Ma ’uarda tu a chist’!
Gg – In più, il mio avvocato vuole pure fare una denuncia per offesa razziale, accussì spuzzuliàmm’ cocc’ata cosa…

Sr – …Pure?
Gg – Essì! …pecché chill’ continua a dice: “Cafone ponzese… cafone ponzese…”  Aooh! …cafone punzese, a chi? Comme se permette? Io so’ furnese, mica punzese!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.