Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

g-03 s1-23 l-08 fl-02 97 La tana dei re di triglie

Fermo pesca 2014: un decreto a “metà”

Condividi questo articolo

a cura di Erminio Di Nora
Pesca commerciale

 

Da pochi giorni sono state pubblicate le norme relative al cosiddetto fermo biologico per i natanti che esercitano la pesca a strascico e a volante. La Commissione di crisi istituita presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha approvato, dopo aver sentito Assessori, associazioni di categoria, ecc…, e sempre in ritardo rispetto alle richieste di una gran parte della categoria, i provvedimenti su pesca a strascico e a volante, con l’esclusione delle unità abilitate alla pesca oceanica. Questo significa che i motopesca che “lavorano” in acque internazionali, lontani dalle nostre coste, potranno continuare tranquillamente a “prelevare” il prodotto. E’ come dire: anche se non esiste una linea di confine, immaginiamo che i pesci non la oltrepasseranno per non essere catturati.

Il Ministero ha previsto il fermo dal 2 al 31 agosto da Trieste a Bari, ma già nelle Marche lo vogliono far slittare al 30 settembre. L’Abruzzo ha annunciato di avere ottenuto lo slittamento dei trenta giorni a fine settembre, ed il Molise ha annunciato ricorso al TAR, già fatto, con effetto di sospensiva, ottenuto per il provvedimento di fermo dell’anno scorso.  Da Brindisi ad Imperia, invece, e quindi anche Gaeta e isole ponziane, il fermo riguarderà il mese di settembre, ma Sicilia e Sardegna possono fare quello che vogliono. Sono regioni a Statuto Speciale ed i rispettivi assessorati, entro il 31 luglio, potranno scegliere.

In sintesi il calendario sarà questo (cliccare per ingrandire):

Calendario

Rimborsi per armatori, con qualche “mal di pancia” tra le diverse regioni e cassa integrazione per i marittimi.

www.erminiodinora.com

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.