Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

isi-01 k2-17 7 77 Idraulica antica: cisterna della Dragonara La spugna nocciolina: Chondrilla nucula

Luciona, l’aspirante fidanzata

Condividi questo articolo

di Giuseppe Mazzella
La tabaccaia di Fellini in Amarcord

 

E’ ancora nella memoria di tanti ponzesi la storia di Luciona. Una donna giunonica, ingenua e sognatrice che ormai si avviava ad un’età considerata, ai tempi, troppo avanzata per prendere marito.

Il suo desiderio era, infatti, quello di accasarsi e le uniche occasioni in cui poteva farsi conoscere ed apprezzare erano le feste da ballo, alle quali non mancava mai.
Vi arrivava tutta felice e infiocchettata, aspettando con fiducia il cavaliere di turno che la invitasse a danzare.
Visto il suo desiderio spasmodico molti erano i cavalieri che si offrivano per farla ballare. Non solo non si facevano pregare, ma osavano sempre più nei palpeggiamenti, ai quali lei non si sottraeva.
Nell’intervallo tra un ballo e l’altro, alle amiche che la criticavano per la sua eccessiva disponibilità, rispondeva candidamente: “Vulév’ proprie vede’ addò vulév’ arriva’!”.

Questa figura di donna, che appartiene ad un’epoca ormai lontana, mi è tornata alla mente nell’osservare la situazione di Ponza degli ultimi tempi.
Ponza-Luciona è letteralmente attorniata da cavalieri che la fanno ballare senza sosta, promettendo improbabili matrimoni, ma dedicandosi soprattutto a “palpeggiamenti” sempre più spinti.
E non solo. Alla nostra povera Luciona-Ponza i corteggiatori raccontano mirabilia, di un matrimonio che resterà nella storia, che farà scalpore e che, soprattutto, la renderà felice.
Attratti dalla sua arrendevolezza, i corteggiatori sono ormai una folla che si accalca per abbracciarla.
Nella foga della danza, si sa, si perdono un poco i freni inibitori, e la nostra si abbandona fiduciosa. C’è chi, poi, non contento promette un futuro radioso, e le fa vedere lucciole per lampare, promettendo e promettendo.

Luciona, come Ponza, ride felice, anche se in cuor suo teme che non tutto sia vero. Ma si rincuora quando tra i corteggiatori stranieri, sempre più numerosi e audaci, vi sono anche dei paesani.
Non può immaginare certo che i suoi stessi concittadini possano illuderla ed essere cinici a tal punto.
E intanto l’estate-vita va e il cavaliere promesso sposo non arriva.
Luciona-Ponza a questo punto non sa se potrà ancora essere invitata al prossimo ballo – un anno alla sua età potrebbe essere fatale per il fidanzamento – o sarà costretta a chiudersi in casa e piangere sulle opportunità mancate, per aver dato troppa fiducia a cavalieri immeritevoli e per nulla interessati alla sua felicità.

Fellini. Schizzi di donne

 

Immagine di copertina: “la tabaccaia” in Amarcord di Fellini.
Qui sopra: un altro ‘schizzo’ di donna, di Fellini

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.