Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0046-046 i-22 u-08 ms-01 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato Spugne incrostanti bianche

Le avventure di un mancino, di Ralph De Falco

Condividi questo articolo

ricevuto in Redazione
Le avventure di un mancino

 

Riceviamo in Redazione la segnalazione del libro di un ponzese emigrato in America, dove ha messo radici, si è fatto una famiglia e ha avuto una brillante carriera e molte soddisfazioni. Lo scritto riportato è ripreso in parte dalla presentazione dell’editore americano; anche riportata in IV di copertina dell’edizione cartacea.
L.R. 

 

Ralph De Falco ha imbastito e tessuto la storia della sua vita in virtù della forza della sua mano sinistra.

Gli anni dell’infanzia dell’autore, trascorsi sull’isola di Ponza, sono stati marchiati dal suo essere mancino. Ralph non era un bambino come gli altri, aveva grandi aspirazioni e il sistema scolastico dell’epoca contribuì, sebbene involontariamente, ad uno sviluppo ancora più rapido delle sue facoltà intellettive.
Le avventure di un mancino è la storia a lieto fine di un individuo che si è formato in maniera autonoma e indipendente, quasi da autodidatta, e che ha superato le prove della vita grazie ad una strenua forza di volontà.

Giunto in America, le sue aspirazioni e la ‘mano storta’ finirono per tramutare il ‘sogno Americano’ in realtà. L’essere mancino divenne una carta vincente e la creatività, avvezza sino a quel momento agli spazi azzurri e aperti del Mar Mediterraneo, fu il lasciapassare per un impiego alla General Motors, dove divenne un acclamato progettista design.

Quando Ralph vide per la prima volta la sua nuova casa nel Bronx, si ritrasse mentre il resto della famiglia saliva per le scale. I gradini scricchiolavano sotto il peso di persone e bagagli ed egli pensò che la scala sarebbe crollata se fosse salito anche lui. Nella sua terra d’origine i gradini erano unicamente di pietra o di marmo; una scala di legno non poteva certo tenere! Col tempo egli imparò a vivere a New York scegliendo un corso di studi che arricchì e potenziò le sue capacità creative. Contrariamente a quanto accaduto in Italia egli, mancino, venne valorizzato dal sistema scolastico statunitense.

L’istinto, allenato sull’aspra isola di Ponza, lo aveva reso pronto d’intelletto e duttile ai cambiamenti. Di fronte ad un problema, ove gli altri non vedevano altro che un ostacolo, egli si disponeva alla ricerca di una soluzione con l’abile caparbietà di una capra abituata a scalare la roccia. Il suo percorso, da operaio alla catena di montaggio fino a ingegnere progettista di successo, è l’autentico esempio di come un giovane di talento, con tenacia e sudore, riesca ad aderire al modello esatto che Dio aveva concepito per lui.

L’autore
Ralph De Falco è nato a Ponza, nel 1943. La famiglia poté trasferirsi negli Stati Uniti grazie al fatto che una delle sue sorelle si era sposata con un conterraneo già in possesso della cittadinanza americana. Fu nel Nuovo Mondo che Ralph notò che la sua condizione di mancino non veniva discriminata. Grazie al suo talento artistico e alle notevoli capacità d’apprendimento, fu notato dai suoi insegnanti della scuola pubblica a New York. La cosa gli giovò a tal punto che fu incoraggiato a proseguire gli studi superiori, frequentando l’Istituto d’arte, una delle scuole superiori migliori della città. Gli anni di lavoro prestati alla General Motors gli fornirono le conoscenze pratiche utili a conseguire la laurea in ingegneria meccanica nonché ad andare in pensione, dopo trentacinque anni di servizio, con la qualifica di ingegnere capo dell’area progettazione.

Ralph De Falco abita in Maryland con la moglie Anna Maria.

Testo ripreso dalle note biografiche di Arnold Md. da Xlibris – www.Xlibris.com

 Le avventure di un mancino. Retro

 

Le avventure di un mancino, di Ralph De Falco, di prossima pubblicazione
Sul sito americano il libro di Ralph De Falco è intitolato Lefty’s Journey e si trova facilmente sul Google. 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.