Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-12 i-18 foto-12 foto-13 burghiba-al-confino-alla-galite L'ingresso pricipale delle grotte di Pilato presso il porto

L’apparizione

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  retunnePescata.1

 

La Redazione consiglia: venerdì pesce!

 

L’apparizione

Assuntina – E’ visto a chill’o sfaticato ‘i Giggino?
Sr – No, è da ieri che non lo vedo.

As – ’A ieri ssera è scis’ a ghitta’ ’a ’mmunnezza e nun è cchiù turnato.
Sr – E che fine ha fatto? Fosse iute a furni’ ’nd’u bidone?

As – Ogni tanto fa a capa soia. Ma quand’ torn’ ce spezz’ i cosce.
Sr – Ah, ogni tanto!?

(Qualche ora dopo)

Sr – Gigi’ tu cca staie!? Muglierete te sta cercann’ pe’ ’ngopp’ e pe’ sott’.
Gg – Lascieme sta’, sono sotto sciocco.

Sr – Sì, sei sotto stupido. Ma se po’ sape’ che ffine è fatt’ stanotte?
Gg – Ero sceso a ghiettà ’a munnezza ed ho avuto un’apparizione.

Sr – Madonna Gigi’, mò te mitte a fa’ pure ’u mistico …Stamm’apposte!
Gg – E nun ce credere. Peggio pe’ te.

Sr – E dai, dimme che t’è apparso. Sentimme…
Gg – Mentre vuttavo ’u sacchetiéll’ ’nda mmunnezza ’a luntano, da ‘rrete ’u bidone m’è cumparute uno senza capill’, ch’i recchie a sventula, all’uocchi’e pazzo e ’a faccia ’i diavule che m’ha afferrate ’nu braccio.

Sr – Uh madonna mia, e che vuleva?
Gg – Aggie pensato: sarà ’nu nuovo viggile adriatico che s’è ’ngazzato ca i’ vott’ ’a mmunnezza ’a luntane. Poi ha tirato ’a fora ‘nu piezz’ pesante ‘i cupertone e m’ha ditte: “Aahoo! Vie’ con me sennò t’o ’o rompo su ‘a capoccia”.

Sr – Giesù! …’nu prepotente romano, violento e sfaccimm’?
Gg – Sine. Po’ m’ha purtato a’ Pont’u ’Ngienz’ e m’ha ditto: – Se mi andorerai i miei piedi tutto quello che vedi sarà tuo.

Sr  –  Adorerai! …no andorerai?
Gg – Io mò chella frase l’avevo già sentuta, ma non m’arricurdave come andava a finire. E siccome ’i ndurà i piedi ’i chillu pazz’ nun ce pensavo propio, gli ho detto che non sapevo che farmene di un’isola scarrupata e tutta vietata.

Sr  E te pareva, ’a solita polemica.
Gg Allora isso mi ha detto: Se mi andorerai ai miei piedi ti regalerò un trenino pieno di copertoni. 

Sr – Adorerai, adoreraiiii. E tu hai accettato?
Gg – Macchè! Allora lui ha detto: – Ti posso regalare anche una pelliccia di volpe! …E io zitto.

Sr – Azz Gigi’, sei stato forte! Non ti facevo così coraggioso.
Gg – Aspe’, siente mò. Allora mi ha detto: – Se mi andorerai ai piedi ti regalerò un fucile calibro 12 con matricola abrasa.

Sr – E tu naturalmente hai rifiutato.
Gg – Eeeh! E che so’ sceme io? Ma guard’ a chiste! Aggie accettato!

Sr – Bella rrobbe c’a sie. Te si’ vennute pe’ ’nu fucile. E poi che hai fatto?
Gg – Allora mi sono abbassato per andorargli i piedi e mi è arrivata ’na nzafagnata ’i puzza ’i rumm ‘nfaccia che m’ha ’mbriacato sul colpo. Ho ripreso i sensi questa mattina quand’è passato ’u camiòn d’a mmunnezza che con il suo profumo mi ha rimesso in sesto.

Pescata.2. Di Gianni Ambrogio

 

 

Immagini dell’articolo: ‘Pescate’ di Gianni Ambrogio

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.