Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-36 v4-8a l-14 o-02 la-galite-2009 Astroides calycularis

Senza te, di Nikifòros Vrettàkos

Condividi questo articolo

proposta da Sandro Russo; foto di Gaia De Luca

Orange. Lake

 

Senza te

.

Senza te le rondini
acqua non avrebbero trovato;

senza te il dio nelle sue fontane
non avrebbe acceso la luce.

Nell’aria il melo sparge
i suoi fiori: nel tuo grembiule

porti acqua dal cielo,
luci di spighe – e sopra di te

luna di passerotti.

(di Nikifòros Vrettàkos)

 Ruscello


Acque tra vecchi muri

Nikifòros Vrettàkos – Poeta greco (Krokeès, Laconia, 1911 – Atene, 1991).
Partecipò alla lotta di resistenza e visse in esilio durante la dittatura dei colonnelli. Dai toni crepuscolari delle prime raccolte, che appaiono pervase dall’ottimismo degli ideali pacifisti e umanitari, la sua poesia ha adottato uno stile semplice e piano, atto a veicolare messaggi forti ed evidenti: “Itinerario”, 3 voll., 1972, comprensivi delle raccolte apparse tra il 1929 e il 1970); “Protesta”, 1974); “Eliotropio pomeridiano”, 1977); “Liturgia sotto l’Acropoli”, 1981).
Ha raccontato l’amarezza dell’esilio nel romanzo autobiografico ᾿Οδύνη (“Dolore”, 1969).

Luci di spighe copia

 

Papaveri. Avena

 

Volo

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.