Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-04 27-07-2005 miniera 05 hp0056 Immagini storiche di Ponza

Tutto po’ servi’

Condividi questo articolo

di Sang’ ’i  retunne
L'uorte i Gigino

 .

Gigino – E’ inutile che fai chella faccia ’i saputiell’.
Sang’ ’i retunne – ’A faccia ’i saputiell’? Ma ’cca ’u ciardine nun se vede cchiù, me pare ’a casa ’i ’nu sapunare… Addo cazz’ è pigliate tutte ’sta rrobba?

Gg – Anni di accurata selezionatura, mica è ’na cosa casuale!

Sr – Pure chillu frigorifero scassat’ sott’u palettone, è stato selezionato?
Gg – Certamente! Nel frigorifero scassato si astipano per bene ’i cartucce e ’u zurfe p’a ’lluve. Tu si’ ’gnorante, chist’i cose nunn’i puo’ capi’.

Sr – E chelli rezz’ ’i liett’ viecchie a’ pont’ a’ catena, agguantate c’i file ’i ’ndenna?
Gg – Hai ragione, so’ brutte accussì senza matarazze, ma chille ’u viente ha scippate i matarazz’ rosa d’a nonna. ’U vvi’? …c’a barriera senza matarazze ’u viente m’ha abbattute tutt’i fave! 

Sr – Maronna mia, a’ catena ’i copp’ se vede ’na vasca da bagno, ma a che serve?
Gg – Si nun sai chest’ si’ proprio arruinato. Se ienche a metà ’i merd’ ’i puorco ammescata c’a terra nera e se pianta ’a vasinicola. Ma a metà, accussì ’u viente nun ce pote, tene poca luce e a ll’ummedetà resta semp’a sotto ..E’ vede’ comme cresce!

Sr – E dint’a chella tazz’ ’i cess’ che c’è piantate, i fraule?
Gg – Nun dice strunzate! Chesta nn’è terra ’i fraule. ’U cess’ serve proprio comme cess’.

Sr – E che, t’assitte e te vedeno tutte quante?
Gg – Ce steve ’a barracca attuorno, ’u punente s’ha purtata.

Sr – Gigi’, o rifaie ’a barracca o lieve ’u cess’: accussì nun po’ ghi.
Gg – E’ arrivato iss’! …’A barracca nun m’a fanna fa’ cchiù e pe’ nun perde ’u diritto, ’u cess’ nun ’o pozz’ luva’. E che so’ sceme? …Però a’ staggione ce mette ’nu ’mbrellone.

Sr – E ccà non ci steva ’u fuosso ’i scavo ’i quand’è fatt’ ’a curteglia abbusiva? Che so’ tutte ’sti buttiglie? Manc’ i vuoti iette?
Gg – La rruina i ’stu scoglio so’ i signure comme te che jettene tutte cose: ’uagliò a Ponza nu chile ’i munnezza coste chiù ’i ‘nu chile ’i pane. E ie astipo in attesa di tempi migliori. Tutto po’ servi’.

Sr – Certe volte mi fai venire i dubbi anche sulle mie certezze; chissà se veramente sono io a non aver capito niente su cosa è bene e cosa è male fare, a Ponza.
Gg – Ecco bbrave, se arraggiune ’nu poche te n’accuorgie… che tu, c’a capa che tiene, ’cca nu’ puo’ campa’. Vavattenne a Formia a’mmiezze i pari tuoi, là stai bbuone.

Qualche anno dopo…

Sr – Gigi’ comme stai? Dopo tanto tempo! Azz’, e che bella varca che t’è fatte!
Gg – Si’ turnate? Mo m’arraccumanne, miettete a fa’ n’ata vote ’u prufessore! …Cca avimma fatica’! …Te piace ’a varca eh?

SrA varca è bella e costosa, addò cazz’ è pigliate i sorde?
Gg – T’arricuordi i vuoti di bottiglia ’ndù fuosso? M’aggie vennute. 

Sr – I butteglie vacante?
Gg – E ssì …’i butteglie cu’ tutt’u fuòss’! Chille a ’u furastiere ca sta vicine a mme ce serveve ’u passaggie…

 

Simpson's ecology

Condividi questo articolo

1 commento per Tutto po’ servi’

  • Caro Sang’ e Retunne ti chiedo scusa se ti ho detto in tutti questi giorni che eri fuori posto a PonzaRacconta. Ponzaracconta è nata per conservare la storia, la cultura dell’isola, prima che questa scompaia; ebbene in questo breve dialogo ci hai descritto, nel tuo modo semplice, lieve, delicato questa cultura. Sang’ ‘e Retunne ringrazia da parte mia Gigino: la vera razza padrona di quest’isola.

    Non scherzo da questo momento ti seguirò con passione, hai ragione tu: chest’è!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.