Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-15 l-07 pa-01 sfb c1-16 80

Orgoglio ponzese

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino

Cerimonia. Sindaco e Gonfalone di Ponza 

Come annunciato dallo stesso Sindaco Vigorelli tempo fa su queste pagine, in occasione del 67° anniversario della Festa della Repubblica, le cui celebrazioni si sono svolte questa mattina presso la sede della Prefettura del capoluogo pontino, il Prefetto di Latina Antonio D’Acunto ha consegnato al Comune di Ponza un Attestato di “Pubblica Benemerenza al merito civile” concesso dal Ministero dell’Interno su proposta dello stesso Prefetto “quale riconoscimento per lo spirito di sacrificio ed abnegazione che contraddistinsero la popolazione dell’isola durante l’ultimo conflitto mondiale”.
L’Attestato è stato consegnato al Sindaco di Ponza Piero Vigorelli: accanto a lui il gonfalone dell’isola.
La manifestazione, sobria e intensa, nello spirito che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto per tutte le cerimonie della giornata, si è svolta in una magnifica mattinata di sole e alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose della provincia: oltre al Prefetto D’Acunto, il presidente della Provincia Cusani, il vescovo Giuseppe Petrocchi, l’onorevole Sesa Amici, i consiglieri regionali Enrico Forte e Rosa Giancola, il questore Alberto Intini e molti sindaci, tra cui quello di Latina, premiato a sua volta.

A chi si rallegrava con Lui per la Benemerenza ricevuta, il Sindaco Vigorelli ha risposto: “L’Attestato al merito civile va a Ponza, non a me”.
Certamente, ma al momento attuale è lui che la rappresenta. Nel consegnare il riconoscimento, che è andato anche al Comune di Ventotene, rappresentato dal Sindaco Giuseppe Assenso, il Prefetto Antonio D’Acunto ha tenuto a sottolineare di aver proposto personalmente al Ministero dell’Interno l’attribuzione dell’Attestato a entrambe le isole dopo aver letto le ricerche storiche condotte dall’Amministrazione provinciale di Latina in merito alle vicende vissute dalle popolazioni isolane negli anni della seconda guerra mondiale.

Tale testimonianza naturalmente ci riempie d’orgoglio, nel ricordo di nonni e padri che quei difficili anni li hanno vissuti in prima persona e con l’impegno che tutti dobbiamo recuperare per dare a Ponza un futuro migliore e vivibile, in un ritrovato senso di unità che ci faccia riscoprire membri di un’autentica comunità.

Cerimonia.2

 

Cerimonia.3

 

Cerimonia.4

 

 

“La Provincia Quotidiano – Area Golfo” gentilmente ci invia un file .pdf con la notizia dell’onorificenza attribuita a Ponza. Ringraziamo i colleghi e rendiamo il file disponibile per i nostri Lettori: Attestato Benemerenza. Ponza

Condividi questo articolo

2 commenti per Orgoglio ponzese

  • vincenzo

    La guerra è guerra si muore, si soffre, pur soffrendo si spera che finisca, che arrivino i liberatori per seppellire i morti, ergere monumenti, ricostruire, decorare gli eroi, onorare la memoria.

    “A chi si rallegrava con Lui per la Benemerenza ricevuta, il Sindaco Vigorelli ha risposto: “L’Attestato al merito civile va a Ponza, non a me”.

    Non ci sono dubbi, caro Sindaco e affinchè si possa sempre vedere per rafforzare quindi il ricordo, consiglio di incorniciare questa Benemerenza nella stanza dedicata al “S. Lucia”, dopotutto quella forse è stata la più grande tragedia patita dai Ponzesi.

  • La Redazione

    “La Provincia Quotidiano – Area Golfo” gentilmente ci invia un file .pdf con la notizia dell’onorificenza attribuita a Ponza. Ringraziamo i colleghi e rendiamo il file disponibile per i nostri Lettori

Devi essere collegato per poter inserire un commento.