Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-21-h-21 u-05 v2-24 2397452039_b8d69ab53d corrida19 la-chiesa-di-san-silverio

Il porto, di Charles Baudelaire

Condividi questo articolo

proposto da Silverio Tomeo

Un porto è un soggiorno affascinante per un’anima provata dalle lotta della vita. L’ampiezza del cielo, la mobile architettura delle nuvole, le mutevoli colorazioni del mare, lo scintillio dei fari, sono un prisma meravigliosamente atto a divertire gli occhi senza mai stancarli. Le forme slanciate delle navi, dalla complicata armatura, a cui l’onda imprime armoniose oscillazioni, servono a  intrattenere nell’anima il gusto del ritmo e della bellezza. E poi, soprattutto, c’è una sorta di piacere misterioso e aristocratico per chi non ha più né curiosità né ambizioni nel contemplare, sdraiato in un belvedere o appoggiato coi gomiti sul molo, tutti i movimenti di quelli che partono e di quelli che ritornano, di quelli che ancora hanno la forza di volere, il desiderio di viaggiare o di arricchirsi.

Charles Baudelaire

“Lo spleen di Parigi” (Feltrinelli, 2008 – Traduzione di Franco Rella)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.