Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

paolo-01 v4-14a t6-23 61 99a aricolo

Detti e Proverbi di Assunta Scarpati

Condividi questo articolo

Detti e proverbi

di Assunta Scarpati

Questi sono detti e proverbi molto usati in famiglia… Volentieri li metto in comune!

 

– Nisciuno te dice: lavate a faccia che par’ cchiu bello ’i me – Nessuno ti dice: lavati la faccia che sei più bello di me – Non devi contare troppo sull’aiuto degli altri

 

– Femmene, zimpere e crapette… una ‘mbullette – Donne, caproni e capre hanno la stessa testa

 

– Si’ ghiut’ a Puortece pe’ ‘na rapest’ – Sei andato a Portici per una rapa – Hai fatto un viaggio a vuoto

– Aggie perze l’àmber’ cu’ tutt’all’esche – Ho perso l’amo con tutta l’esca. – Questa espressione, ancora oggi in uso, viene usata per sottolineare un fallimento su tutti i fronti

‘Aggie raccumannate a pècure u’ lupe – Ho raccomandato la pecora al lupo

 

Quante u’ ciuccie nu vo’ vevere è inutile cà fischie. – Quando il mulo non vuole bere è inutile che fischi – Quando una persona è testarda è inutile insistere

Me pare u piecure da Cianelle: sempe ‘ndaffarate e ‘i ppecure maie prene – Mi sembra il pastore di Cianelle: sempre indaffarato e le pecore mai gravide – Si dice di una persona  che fa solo scompiglio e pochi fatti

A coppa a ‘sta scorza adda asci’ u’ furmagge – Da questa scorza deve uscire il formaggio – Si usava per dire che la quadratura del bilancio familiare era dovuta all’oculatezza della gestione

“Zompa chi po” decette ’u gnaravuottele – Salti chi può, disse il ranocchio – Equivalente di ”si salvi chi può”

Damme tiempe ca’ te spurtose, dicett’ u’ pappece vicin’ a noce – Dammi tempo che ti buco, disse il tonchio alla noce

Pare nu’ pollice ‘ndà farina – si dice dei pezzenti arricchiti

Decette aluzze ‘nfacce u spaduzze: “gruosse si’ …ma paure nun tenghe” – La statura non significa necessariamente forza

Nisciune t’ha ditte: “Arape ‘stu delorge e dice ch’ora è” – Si dice a chi interviene a sproposito e non si fa i fatti suoi

Staie ienne a feste d’u Scassone – State andando alla festa di Scassone – Si usa dire a chi è esageratamente in tiro

Me par’ nu cottere’ ’i spasse – Mi sembri un cutter da diporto – Significato come sopra

Staie vestute i messa cantata – A chi si mette gli abiti della festa… un po’ come ”u’ cottere ’i spasse”

E’ fatte furia furia e ritirata spagnola – Una persona che parte in tromba e poi recede

 

E’ fatte ‘a fine di guardie regie – Hai fatto la fine delle guardie reali

Si pecurare fusse e d’ore vaie vestute, sempe i latte fiete – Se anche il pastore fosse vestito d’oro, sempre puzzerebbe di latte – Equivalente de ‘L’abito non fa il monaco’

Si a uallere fosse mmedia se purtasse strascenanne – Se l’invidia fosse visibile come la ‘uallera’ …brutta storia!

Si’ brutte comme e marcoffe – ”marcoffe” in dialetto è il tre bastoni

Mene vase comme Carmela ‘a matta – Manda baci come Carmela la matta – Una persona troppo civettuola

Mazze e panelle fanne i figlie bell’, panelle senza mazze fanne i figlie pazz’ – Per educare bene i figli bisogna premiarli ma anche punirli quando c’è bisogno

Mamme pazze, padre pazze, sette figlie quattuordece pazze!

Mene capate comme nu capennuglie – Dà testate come un capodoglioUna persona troppo irruenta

Tre cicere mmocche nun si fit ‘e tenè – Non è capace di tenere neanche tre ceci in bocca – Una persona che non sa tenere un segreto

Cu ‘na botta ’e fatte doie fucetule – Equivalente di due piccioni con una fava

Tieni i ccorne comme ’na sporte ’i maruzze – Hai tante corna come quelle che ci sono in una cesta piena di lumache

E’ sbatte comme ’u mare ’nfacce i scoglie – Devi sbattere come il mare contro gli scogli – Espressione brutta e malaugurante

E’ sbatte comme marche sinistre – Come sopra

Tene ’na mane a ffà zeppule… – Una persona che racconta balle

Staie tutta mpusumate – Stai tutta improfumata – Si usava dire alle donne eccessivamente intolettate

Staie tutta ammurzate – A una persona imbronciata

Viennere e nepute, chelle ca faie è tutte perdute – Qualsiasi cosa si faccia per generi e nipoti, è fatica sprecata

Merde e cantere unu muntone – Poca differenza tra il pitale ed il resto

Staie comme nu capone cecate – Stai come un cappone cieco – Si usa dire a una persona reduce da una sbornia o molto assonnata

Mangiate or’ e cacate chiumme (I palumm’ mangene or’ e cacane chiumme) Mangie angiule e cache diavule – Mangiare oro e defecare piombo (o angeli e diavoli, con lo stesso significato)

Me par’ a iatta i zi’ Marie, ’nu poche chiagne e ’nu poche rire – Mi sembra la gatta di zia Maria, un po’ piange e un po’ ride – Per indicare una persona di umore alterno

’U mare fete – Il mare puzza – Il mare è così calmo che sembra una palude

Mala nuttata e figlia femmena – Un travaglio lungo e alla fine nasce una femmina (!) – Un proverbio di altri tempi… O ancora attuale?

Cazze so’ gghiute e cazze so’ venute – Così come sono andato sono tornato – Aggie fatt’ ’a ‘sciuta d’à loffa – Una trattativa o un’uscita senza nulla di fatto

Chi chiaita vence – Chi è insistente l’ha vinta

U levante… cache u cazze a tutte quante – Il levante dà noia a tutti

U lebecce… ’u fà tuoste comme ’na vrecce – Il libeccio ha proprietà afrodisiache?

C’u’ lebecce, a Napule senza ‘mpicce – Avviso ai naviganti

“Ue’ ma’… Cicche me tocche… Toccheme Cicche ca’ mamme nun vede” – “Mamma Ciccio mi tocca… Toccami Ciccio che mamma non ci vede” – Riferito a due bambini che si fanno i dispetti.

E’ fatte ’na parte comm’ a Macchione – Una persona avida che tende a tenere e prendere tutto per sé

T’i’ guadagne a’ mmare e viente e i gghiette a carmarie – Guadagni a mare e nel vento e sperperi in bonaccia – Per uno spendaccione

Si’ nnate a scemerze – Sei nata al contrario – Di una persona che fa tutto al contrario o che dice sempre no

Canta caruli’ ca l’aria è ddoce! – Canta uccellino che l’aria è dolce – Quando si è stufi di una discussione o di un colloquio noioso…

’A peggia palla ’a fatte ’a meglia botta – La palla peggiore ha fatto l’esplosione più grossa – Da chi non ti aspetti, possono uscire cose buone

Chi tene mala capa, adda tene’ bboni ccoscie – Chi è distratto deve avere gambe buone; o anche: Chi fa cattive azioni deve avere buone gambe per scappare

Me pare nu’ ricche pulone – Mi sembra un ricco epulone. Citazione evangelica che disapprova lo sperpero del pezzente risalito.

Sparte ricchezze… addevente puvertà – Dividi ricchezza e diventa povertà

Ha fatte i nozze ch’i funge – Ha fatto il matrimonio con i funghi – Si usava dire a chi, specialmente in un pranzo, faceva brutta figura

Raccolti da Assunta Scarpati

Condividi questo articolo