Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

foto-0001 isi-04 cl-02 t6-22 57 stradina

Filastrocca “i cunt”

Condividi questo articolo
di Mario Balzano

A volte, d’estate o d’inverno, seduti su un muretto o ai tavolini di uno dei bar dell’isola, un gruppo di amici si lascia pervadere dai ricordi e racconta… Racconta fatti,  fatterelli e storie di una volta;  ma spesso il ricordo si perde sulle labbra e… nella nebbia della memoria…
Questa rubrica vuol essere il punto di incontro dove, grazie all’apporto di tanti di Voi, si raccoglie e si prova a ricomporre ciò che il tempo dirada e sfalda.

Cominciamo oggi con il cercare la filastrocca che chiudeva ” i cunt” cioè le favole della sera.
Tutti noi ricordiamo quella che li introduceva:
“ce steva na vota
nu viecch’ e na vecchia
ca ballavano ‘ncoppa ‘nu specchio
ca ballavano ‘ncoppa ‘nu munno
statt’ zitt’ ca mo’ t’u cunto…”

Ma quella che chiudeva, come fa?
A voi la risposta:
riannodiamo il filo della memoria!

***

La Lavannarella

di Mario Balzano

Nell’attesa di altre informazioni sulla filastrocca che chiudeva le favole… – Ricordate… “C’era na vota nu’ viecchie e na vecchia ca ballavene ‘ncoppa a nu’ specchio…”?

– proviamo oggi a cercare, tra i ricordi di tutti, i versi e l’aria della “Lavannarella”  che cominciava… “Lavannarella mia Lavannarella… Che tutt’u’ juorno lava sciacqua e spanne…

Chi ricorda il seguito?


Condividi questo articolo