“Pietre” di Paolo Berizzi e l’orchestra di Procida

segnalato da Sandro Russo

Paolo Berizzi (Bergamo, 1972) è un giornalista e saggista italiano. È inviato speciale della Repubblica, dove lavora dal 2000 e firma la rubrica quotidiana “Pietre”.

Così l’esordio…

‘Pietre’ che io sappia è una rubrica unica nel panorama delle testate giornalistiche che frequento. Ospita segnalazioni di discriminazioni, di soprusi grandi e piccoli, di violazioni di norme della legalità.
La rubrica è una stazione di monitoraggio del vivere civile e si avvale delle segnalazioni dei lettori che l’autore rigorosamente verifica e se è il caso rende pubbliche.
Berizzi si occupa da anni di movimenti di estrema destra ed è autore di numerose inchieste su gruppi neofascisti e neonazisti: un lavoro costante di monitoraggio e di denuncia che gli ha procurato una lunga serie di minacce e atti intimidatori. Vive sotto scorta da febbraio 2019.
Per una volta – su ‘la Repubblica’ di oggi, 22 novembre 2022 -, ‘Pietre’ ospita una notizia positiva su un’orchestra multietnica che si esibirà a Procida nell’ambito delle manifestazioni di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022

Paolo Berizzi
Orchestra
di Paolo Berizzi

È formata da 14 persone provenienti da sette  nazioni e tre continenti diversi: musicisti, alcuni dei quali selezionati con una call lanciata attraverso la rete nazionale Sai (Sistema Accoglienza e Integrazione) per rifugiati politici e richiedenti asilo. È l’orchestra multietnica composta da migranti nata nell’ambito del progetto “Amih” per Procida Capitale Italiana della Cultura 2022.
Dalla musica della band arriva un messaggio di accoglienza e solidarietà: le storie personali, i viaggi, le speranze, i progetti di chi suona. Un’iniziativa di residenza artistica che — al termine di un percorso di laboratorio iniziato il 12 novembre — si concluderà con un concerto in piazza Marina Grande, a Procida, il 26 novembre (ingresso libero).
pietre@repubblica.it


Nota della Redazione
.
Un antecedente ormai storico di un ensemble musicale multietnico è “L’Orchestra di Piazza Vittorio”, che ha prodotto numerosi spettacoli musicali e su cui si è fatto anche un film. Ne abbiamo scritto sul sito nell’agosto 2017:  leggi qui, di Pino Moroni.

Clicca per commentare

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top