Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Franche Schia’, caro amico mio…

di Tonino Esposito

.

Franche Schia’, amico caro, pure tu m’he fatt’ fesso,
te ne si  ‘gghiute all’impruvvise, eppure ce senteveme tutt’i iuorne,
ce salutaveme a’ matina e pur’ ’a sera,
quannne steveme allere e quanne steveme scuntènt’.

Te ne si ‘gghiute accussì, m’he lasciat’ ‘u core amaro amaro, Franco caro.
Ce simme scritte p’a festa d’a Repubblica, per il Corpus Domini e tu ricordavi le prime comunioni e il canto “O che giorno beato, che Dio ci ha dato… e poi commentavi con nostalgia: Cose passate!
Ci risiamo sentiti il 13 di giugno, mi hai fatto gli auguri per il mio onomastico.
Poi ti ho scritto a San Silverio inviandoti l’inno e la Supplica a San Silverio perché mi dicevi sempre: – Manna, manna… Toni’ …che tutt’i vvote i’ m’i sengh!
He voglia ’i senti’, ohi Fra’.

Mi ricordo la poesia che mi inviasti ai primi di febbraio:
Aria  ’e  Natale
Sento ’int’a ll’aria  ’n’andòre ’e  scorze ’e purtualle abbruciate
’n’coppa ’o fuculare, ’o profumo ’e vino cuotte
e zeppulelle fritte d’a viggilia,
’n’andòre ’e  mandarine appise a’ frasca d’o presepe a’ casa mia,
‘o profumo ’e ’na nuvol’ ’e ’ncienze
ca saglie che saglie
’ncielo  dint’ ’a chiesa.
Natale  sta  arrivanne…
Ma so’ ricorde, nustalgie.
Mo è tutta ’nata cosa.

A queste parole piene di nostalgia e di ricordi passati che non tornano più, con grande commozione scrissi la mia musica e quando la sentì Franco mi disse: Toni’, m’he fatte asci’ i lacrime, ricurdanne ’u tiempe passate.
Ohi Fra’, i lacrime stanne scennenno mò a mme, pe’ tutti i ccose belle avute ansieme, pure ’a luntane, ma tu me puo’ capi’ comme he semp’ fatt’, caro amico mio.

Ho il rammarico di non aver potuto completare la tua Voga Vo’:
Voga, voga marena’
Voga,voga nun te ferma’
primme che iurne fa
A Gaeta hamma arriva’
Voga, voga marena’
Voga, voga no’  te  stanca’
Tutto questo riferito allo sbarco di Pisacane a Ponza e al disastro avvenuto.

Vabbè Fra’, quann’ fenesche ’a melodia t’a mann’ ’u stess’, a mo’ di ballata.

Quanta ricordi Frà… che t’aggia dicere cchiù.
Mo tu canusce tuttecose e i ricordi e i nustalgie so’ sule pe’ nnuie.
Mo tu stai ’mbracci’u Signore e a fianco a’ dolce Vergine Maria.

Ciao Franco caro amico mio


Aria ’e Natale
 (di Franco Schiano e Tonino Esposito) in file mp3 :

 

Una foto d’antan. Franco Schiano in una foto di gruppo, ad una gara nella sala del biliardo del caffè Tripoli.
Si riconoscono (dall’estrema sinistra un basso): Giuseppe Di Monaco (Peppin’ ‘u bello), Mario Iozzi, Tommasino De Luca, Luigi Di Monaco (con la coppa in mano), Luciano (Lucianino) Gazzotto, Giuseppe De Luca (l’avvocato), Cesare De Luca (il papà di Franco); Più in basso (con lo sguardo furbo, impegnato a tirare una palla, Mimì ‘u barbiere. Più indietro (tra Mario Iozzi e Tommasino) Mario Assenso; (tra Tommasino e Luigi) Aniello De Luca, Franco Schiano. Giù in fondo, contro la finestra, Ernesto Prudente con il figlio Umberto in braccio
[per il riconoscimento di tutte le persone della foto, grazie a Franco Zecca e Annamaria Usai]

Devi essere collegato per poter inserire un commento.