Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Una rosa rossa rossa

proposta da Silverio Lamonica

 

Per dare il benvenuto al mese di giugno, ho scelto un breve componimento del poeta – contadino scozzese, Robert Burns (1759 – 1796), perché inizia l’estate e, si sa, flirt e amori si sprecano…

A Red Red Rose
by Robert Burns

O, my Luve’s like a red, red rose,
That’s newly sprung in June.
O, my Luve’s like a melodie
That’s sweetly play’d in tune.

As fair as thou, my bonnie lass,
So deep in luve am I;
And I will love thee still, my dear,
Till a’ the seas gang dry.

Till a’ the seas gang dry, my dear,
And the rocks melt wi’ the sun:
I will love thess till, my dear,
While the sands o’ life shall run:

And fare thee well, my only luve!
And fare thee weel, a while!
And I will come again, my luve,
Tho’ it ware ten thousand mile.

…  ed ecco la mia libera interpretazione

Una rosa rossa rossa

O rosa rossa rossa
sbocciata or ora in giugno,
qual dolce melodia,
tale sei tu, Amore mio.

Bella qual sei, stupenda
perdutamente di te m’innamorai;
e ancora t’amerò, mia cara,
finché i mari non s’asciugheranno.

Finché i mari non s’ asciugheranno,
e le rocce al sole non si scioglieranno:
t’ amerò, mia cara, finché la sabbia esisterà.

Ti dico ciao, mio unico Amore!
Ciao, ma solo per un po’!
Anche da diecimila miglia,
Amore mio, da te io tornerò!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.