Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Paolo a canestro, 60 anni di basket: presentato il libro

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa

Successo per la presentazione del libro Paolo a canestro, 60 anni di basket, l’ultima pubblicazione di Paolo Iannuccelli. L’evento si è tenuto nella storica arena del Circolo Cittadino di Latina – la culla del cesto – alla presenza di tanti appassionati, con il patrocinio di Panathlon International club di Latina e Circolo Cittadino.

Hanno preso la parola il sindaco di Latina, Damiano Coletta, il presidente del Circolo Cittadino, Alfredo De Santis, il past president del Panathlon Club International, Umberto Martone, la moglie di Aldo Odone, Irene Treleani, Piergiorgio Marinelli, figlio di Luciano, Stefano Persichelli, presidente del Comitato regionale Lazio della Federcanestro, Alessia Gasbarroni, delegata provinciale Coni di Latina, i dirigenti sportivi Angelo Conti e Max Di Maria, il giocatore Luca Bisconti, il past governatore del Panathlon Massimo ZichiAntonio Fratini, che ha parlato del papà Giorgio – 96 anni – uno di primi cestisti nel capoluogo pontino. La pubblicazione è dedicata a Luciano Marinelli e Aldo Odone.

Paolo Iannuccelli ha seguito continuamente i fatti del basket in ogni angolo del pianeta con predilezione per la Nba americana: è una persona dalla grande memoria, estremamente curioso, conoscitore di tutto ciò che avviene nel firmamento cestistico che lo ha visto protagonista come coach, presidente ed organizzatore di eventi.  Un coach giovanissimo e innovatore, partendo sempre dalla cura del settore giovanile, il suo chiodo fisso.

Girava continuamente scuole, campagne, paesi e  ogni cortile in Italia dove  era posizionato un canestro, per cercare quegli atleti che poi hanno fatto la fortuna di Ab Latina, Virtus Latina e Basket Ponza. Cosa bellissima e forse irripetibile.

 

Iannuccelli guarda al vertice del basket e contemporaneamente alla base, partendo dal minibasket che segue con passione e dedizione. I moderni principi della scienza cestistica li ha appresi seguendo clinic e stage, favorendo il collegamento tra pallacanestro di massa e di vertice, unendo spesso lo sport a eventi culturali con la partecipazione dei giocatori a visitare luoghi storici e ricchi di arte. Tanto lavoro tecnico in palestra, anche bi-giornaliero, lavoro individuale personalizzato per ruoli, e attività estiva senza freni.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.