Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Spira malinconia nel vento

di Francesco De Luca

.

Meno male che c’è il vento a scorrere fra i nostri vicoli sporchi d’incuria e di spossatezza. Nessuno li pulisce e nessuno li abbellisce di sorrisi. Giacciono, ai venti.

E sentono vanterie di politici in disuso, malignità di vecchi arroganti, sproloqui di giovani rampanti in vena di ruberie.

Questo vento, umidiccio e sapido, in compagnia di centraualle (upupa), ruscigniuole (usignoli), cucciarde  (allodole), si intrufola nelle strettoie, rosica la muffa, smuove i riposti miasmi. Risveglia l’istinto nella gatta sureciara (cacciatrice di topi) che ghermisce i corpicini stanchi di quei batuffoli di penne, sull’isola in cerca del primo ristoro dopo la traversata del mediterraneo. Trascina via il vecchio dell’inverno, questo vento, i malumori della sofferta pandemia, le sciocche pretese e gli insulsi chiacchiericci.

Ci sarebbe bisogno di una iniezione di allegria. Ma il sociale è avvilito dal battibecco stantìo delle parti contrapposte, incapaci di sentire in questo momento di tristezza sociale il bisogno di aprirsi alla solidarietà. Con l’incipiente primavera che mitiga il freddo, riscalda i tetti, invita ad aprire porte e finestre; con l’ilarità dei fanciulli, più arditi nei giochi; con la delicatezza degli adolescenti.

Ne ho visti due, mano nella mano, giù la banchina. Lei, minuta e graziosa, lui, grosso e protettivo. Una garzetta bianca, spaesata  nello scalo a mare, attirava l’attenzione ma la bellezza, pudica e composta, la davano loro. Una bellezza, allegra, malinconica e fugace.

Ascolta: Alleria di Pino Daniele

Devi essere collegato per poter inserire un commento.