Cinema - Filmati

Una canzone per la domenica (140). Smile

di Emilio Iodice

 

La canzone Smile, di Charlie Chaplin, ha sempre avuto un significato speciale per me. Nei momenti di dolore, ridicolo, ansia e paura, ho imparato che queste sensazioni erano passaggi e ponti nel viaggio della vita e non destinazioni.

“Sorridere”, anche in quei tempi bui in cui tutto sembrava perduto, dava un senso di speranza che si trasformò in coraggio, azione e soluzioni.

Chaplin ha scritto la musica negli anni ’30 per il suo film, Modern Times. Le sofferenze della Grande Depressione infuriavano ancora così come l’ingiustizia, la paura e la violenza in tutto il mondo. I testi furono aggiunti negli anni ’50 e accettati da Chaplin come espressione della poesia e dell’essenza della sua musica. Nat King Cole e altri lo hanno cantato con sentimenti intensi che indugiano nell’anima, nel cuore e nella mente.

The song Smile, by Charlie Chaplin always had a special significance for me. In moments of pain, ridicule, anxiety, and fear, I learned that these sensations were passages and bridges in the journey of life and not destinations.

“Smiling,” even in those dark times when all seemed lost, gave a sense of hope which grew into courage, action, and solutions.

Chaplin wrote the music in the 1930s for his film, Modern Times. The suffering of the Great Depression was still raging as was injustice, fear, and violence throughout the world. The lyrics were added in the 1950s and accepted by Chaplin as expressing the poetry and essence of his music. Nat King Cole and others sang it with intense feelings that linger in the soul, the heart, and the mind.

Smile è una composizione scritta da Charlie Chaplin nel 1936, divenuta negli anni un classico fra i più noti ed eseguiti della musica internazionale. Il brano, inizialmente solo strumentale, venne composto da Charlie Chaplin come leitmotiv del film Tempi moderni, recitato e diretto dallo stesso Chaplin nel 1936. Nel 1954 John Turner e Geoffrey Parsons scrissero il testo, dando nel contempo il titolo alla canzone [1]. Le parole sono un invito al sorriso, visto come viatico per un futuro radioso.
Smile divenne un successo già dalla sua “apparizione” come tema musicale del film.

Smile fu cantata per prima volta da Nat King Cole nel 1954
La prima versione cantata fu quella di Nat King Cole nel 1954, con moltissime cover realizzate negli anni successivi da artisti in tutto il mondo. La figlia Natalie Cole la riproporrà nel suo fortunato album del 1991 Unforgettable… with Love (Da Wikipedia).

Smile though your heart is aching
Sorridi nonostante il tuo cuore sia dolorante

Smile even though it’s breaking
Sorridi anche se si sta rompendo

When there are clouds in the sky
Quando ci sono nuvole nel cielo

You’ll get by
Andrai oltre

If you smile through your fear and sorrow
Se sorridi contro le tue paure e il tuo dolore

Smile and maybe tomorrow
Sorridi e forse domani

You’ll see the sun come shining through for you
Vedrai il sole splendere per te

Light up your face with gladness
Illumina il tuo volto con gioia

Hide every trace of sadness
Nascondi ogni traccia di tristezza

Althought a tear may be ever so near
Anche se una lacrima sta per arrivare

That’s the time
È quello il momento

You must keep on trying
In cui devi continuare a provare

Smile, what’s the use of crying

Sorridi, a che cosa serve piangere

You’ll find that life is still worth while

Scoprirai che vale ancora la pena vivere

If you just smile

Se solo sorridi

That’s the time

È quello il momento

You must keep on trying
In cui devi continuare a provare

Smile, what’s the use of crying

Sorridi, a che cosa serve piangere

You’ll find that life is still worth while

Scoprirai che vale ancora la pena vivere

If you just smile
Se solo sorridi

.

Clicca per commentare

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top