Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Una foto racconta (20). Una questione di luoghi

di Patrizia Maccotta

 

Se da quando si nasce, tutto è mutevole, le persone da cui si dipende, le abitazioni, l’istruzione, le amicizie, le lingue e le voci, si impara da subito che tutto è impermanente e che la vita è  fatta di perdite. Allora la memoria dei luoghi diventa essenziale. Si deve affinare il senso di orientamento per paura che la realtà dei luoghi sfugga tra le dita; si deve cercare di fissarla, questa realtà,  per sottrarla ad una fine sempre in agguato.

Un’illusione certo.

Fotografare, per me, fa parte di questa illusione.
Sarà per questi motivi che nelle foto che scatto non appaiono mai  – o quasi mai – delle figure umane, ma solo luoghi che le stagioni scandiscono? O sarà perché  le persone non si possono catturare in uno scatto?
Unica eccezione questo viale di grandi lecci nella Villa Borghese di Roma. Gli alberi sono schierati per proteggere due piccole figure molto lontane. Si tengono per mano? Mi hanno dato una sensazione di complicità,  legame, armonia.
Le ho comunque lasciate molto lontane esaltando invece la natura che le avvolge.
***
Nota della Redazione:
Una foto può essere un contenitore di ricordi, emozioni, momenti di vita.
Ne hai da condividere con noi? Per come fare leggi “Raccontalo con una foto“

Devi essere collegato per poter inserire un commento.