Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Per San Valentino

di Silverio Lamonica

.

I ragazzi che si amano

Per la ricorrenza di San Valentino 2021 ho scelto una poesia di Jacques Prévert, Les enfants qui s’aiment, I ragazzi che si amano, proprio a testimoniare che “l’amore non ha età”. La lirica è presentata insieme alla sua versione musicale, in cui si esibisce un’insuperabile Juliette Gréco, riportata al termine dell’articolo.

Les enfants qui s’aiment
(par Jacques Prévert 1900 – 1977)

Les enfants qui s’aiment s’embrassent debout
Contre les portes de la nuit
Et les passants qui passent les désignent du doigt
Mais les enfants qui s’aiment
Ne sont là pour personne
Et c’est seulement leur ombre
Qui tremble dans la nuit
Excitant la rage des passants
Leur rage, leur mépris, leurs rires et leur envie
Les enfants qui s’aiment ne sont là pour personne
Ils sont ailleurs bien plus loin que la nuit
Bien plus haut que le jour
Dans l’éblouissante clarté de leur premier amour
       

I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i viandanti che passano li additano
Ma i ragazzi che si amano
Non sono là per nessuno
Ed è soltanto la loro ombra
Tremula nella notte
A suscitare la rabbia dei passanti
La loro rabbia, il loro disprezzo, le loro risa e la loro invidia
I ragazzi che si amano non sono là per qualcuno
Sono altrove molto più in là della notte
Molto più in alto del giorno
Nel fulgore abbagliante del loro primo amore

Da Juliette Gréco. Les enfants qui s’aiment
Version de 1967. Paroles: J. Prévert – Musique : J. Kosma
De l’album Si tu t’imagines

.

2 commenti per Per San Valentino

  • Emilio Iodice

    Grazie Silverio. Bello e molto profondo.

  • Tea Ranno

    Ciao, vi mando questo, che è stato il mio San Valentino.

    L’amuri nun si misura a pammu, né si pisa ca vilanza, nun c’è ‘n metru ca ti rici: Tantu abbasta.
    L’amuri è ‘na taliata, ‘na palora, starisi muti pi nun fari dannu; è a manu ca ti teni quannu sta’ carennu, a spadda pi chianciri, a canzuna ca ti cunzola, ‘na strinciuta ‘i manu quannu ti cunfunni.
    Amuri è chiddu ca ti rici: “Vai avanti, ca iu ci sugnu”.
    È chiddu ca ti scrivi quannu ti sapi sula e ti inchi u fogghiu ‘i palori aruci.
    E’ chiddu ca ti posa na chianta da so manu e ti rici: “Abbòla!”.

    L’amore non si misura a palmi né si pesa con la bilancia, non c’è metro che ti dica: Tanto basta.
    L’amore è una guardata, è una parola, stare zitti per non fare danno; è la mano che ti tiene quando stai cadendo, la spalla per piangere, la canzone che ti consola, una stretta di mano quando ti confondi.
    Amore è quello che ti dice: “Vai avanti, ché io ci sono”.
    È quello che ti scrive quando ti sa sola e ti riempie il foglio di parole dolci.
    E’ quello che ti posa sul palmo della sua mano e ti dice: “Vola!”.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.