Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Arriva il vaccino anti Covid-19 e qualche domanda ancora rimane

Segnalato da Sandro Vitiello

.

Da domani in tutta Europa comincerà la somministrazione del vaccino anti-Coronavirus.
Nel nostro paese saranno distribuite poche migliaia di dosi; è l’inizio di un percorso lungo i cui risultati si vedranno, speriamo, non prima dell’estate.
Abbiamo davanti comunque altri mesi pesanti in cui i problemi del Covid-19 si aggiungeranno ai normali mali di stagione. Le persone anziane e quelle portatrici di patologie debilitanti saranno ancora più a rischio.
Le regioni del Nord che subiscono maggiormente i rigori dell’inverno e che hanno anche un maggiore inquinamento dell’aria avranno sicuramente una sofferenza maggiore. Sono le stesse regioni che hanno già pagato un conto troppo salato in termini di casi positivi e soprattutto di morti. Regioni che rappresentano l’eccellenza della sanità nel nostro paese ma che non hanno avuto la capacità di monitorare adeguatamente il territorio con una rete di servizi adeguata.
Pensiamo alla Lombardia e vorremmo pensare ai suoi ospedali che hanno scritto pagine di storia nella ricerca medica eppure…
Eppure i numeri mostrano una realtà pesantemente massacrata dal virus.
Parliamo di una regione che ha avuto per tantissimi anni come presidente quel Formigoni che ha chiuso la sua esistenza di amministratore e di politico – possibile leader del centro-destra – nelle patrie galere. Condannato per scandali legati alla sanità.

E’ cronaca recente ed è sotto gli occhi di tutti l’indecorosa gestione della pandemia da parte del duo Fontana-Gallera, rispettivamente presidente e assessore alla sanità della Lombardia. Ad oggi è evidente che l’anello debole di questa vicenda è la medicina territoriale, i medici di base per capirci. Se non sono adeguatamente supportati, se non sono parte di un sistema che funzioni, se non hanno gli strumenti per diagnosticare correttamente i problemi dei propri pazienti il loro impegno diventa sicuramente meno efficiente.
Speriamo che questa esperienza diventi una opportunità per ripensare i limiti e gli errori che si sono consumati da diversi anni.

Intanto proponiamo l’intervista di Matteo Pucciarelli sul quotidiano “la Repubblica” ad un ricercatore italiano, Fabrizio Chiodo, impegnato a Cuba presso il locale team che sta sperimentando il vaccino contro il Covid-19.
Ci offre tanti argomenti su cui riflettere, dalla gestione della pandemia alla ricerca scientifica.
E’ una chiave di lettura importante, se si vuole sperare.
Buona lettura.

Virus, l’unico italiano nel team del vaccino cubano: “Pronto entro metà 2021, sarà pubblico e gratuito”
di Matteo Pucciarelli da larepubblicaonline del 26 dicembre 2020

L’immunologo Fabrizio Chiodo, 35 anni: “A Cuba su 11 milioni di persone, ci sono stati 145 morti. E la percentuale di guariti è del 92,5 per cento, tutti curati con farmaci homemade, visto l’embargo che dura da 58 anni. Nel tempo il Paese, a causa dell’isolamento, si è creato un arsenale biotecnologico di livello”

Fabrizio Chiodo

Fabrizio Chiodo, siciliano di Palermo, ha 35 anni ed è l’unico straniero che sta lavorando nel team statale cubano alla ricerca dei vaccini contro il Covid-19. Professore di Chimica e immunologia dei carboidrati all’Avana, una lunga esperienza in Spagna e poi in Olanda, è da poco rientrato in Italia al Cnr di Pozzuoli. Causa restrizioni ai viaggi, i lavori li segue da lontano, quindi. “Entro metà 2021 anche Cuba avrà il suo vaccino, pubblico e gratuito”, racconta.

Adesso a che punto siete?
“Ci sono quattro vaccini cubani disegnati, sviluppati e testati in sperimentazione sui 57 nella lista dell’Oms. Cuba produce il 90 per cento dei vaccini che vengono somministrati alla propria popolazione, l’esperienza di decenni di ricerca pubblica è fondamentale. Personalmente sto lavorando al Soberana 1 e al Soberana 2, che significano “sovrana”, dei quattro sono quelli più avanzati nello sviluppo”.

In quale fase si trovano i due Soberana?
“Contiamo di terminare la fase 3 entro i primi tre mesi nel 2021. Ovvero il clinical trial in umano, dove si misura l’efficacia del vaccino, per poi cominciare con la campagna vaccinale da giugno 2021, utilizzando formulazioni e targeting diversi in base all’età della popolazione”.

Che filosofia scientifica state seguendo?
“In pratica è stato cambiato un solo “pezzettino” della formulazione di vaccini pre-esistenti, utilizzando quindi molecole già presenti in altre formulazioni. Cuba ha l’unico vaccino bivalente contro meningococco B e C, esiste da 14 anni, la base come adiuvante è quella. Doveva essere una tecnologia altamente scalabile, che se ne potessero produrre molte dosi quindi, stabile a temperatura diverse, utile sia in ambito pediatrico che nelle persone anziane. Quindi invece di sviluppare un vaccino tutto daccapo, abbiamo sfruttato quel che già c’era”.

A Cuba la pandemia quanti morti ha fatto?
“Su 11 milioni e mezzo ci sono stati 145 morti, relativamente pochi. Lo si deve al fatto che Cuba ha sempre coniugato il sistema sanitario pubblico con il mondo accademico e della ricerca, e c’è grande fiducia attorno ad essi. Il Paese ha il più alto rapporto tra medici e cittadini, il medico di base è quasi un parente aggiunto per ogni famiglia. Nel corso degli anni i dottori cubani in giro per il mondo con le brigate di solidarietà hanno fatto esperienza con l’Ebola in Africa, in più c’è ed è ben conosciuta la febbre dengue. Insomma, per le pandemie esisteva per forza di cosa una forma di attenzione molto alta”.

Anche a Cuba le forme di tutela contro il contagio sono quelle classiche? Cioè mascherina, distanziamento e così via?
“Sì, è così. La percentuale di guariti al Covid-19 è del 92,5 per cento, tutti curati con farmaci homemade, visto l’embargo che dura da 58 anni. Nel tempo il Paese, a causa dell’isolamento, si è creato un arsenale biotecnologico di livello”.

L’esperienza dei medici cubani che arrivarono in Lombardia e Piemonte durante la prima ondata per aiutare a fronteggiare l’emergenza è servita?
“Un primo background lo abbiamo ricevuto dalla Cina, ma anche l’esperienza italiana è sicuramente stata utile. Ad oggi Cuba ha ancora 40 brigate in giro per il mondo, fanno parte della storia solidale dell’isola, e in più permettono di affinare osservazione e capacità in campo medico”.

Il vaccino cubano che destino avrà? Rimarrà solo nell’isola?
“L’intento principale è produrlo per Cuba, ma essendo un paese socialista verrà distribuito in tutti i paesi in via sviluppo che lo richiedono in maniera gratuita. Ad oggi Bio Cuba Pharma ha 40 mila lavoratori ed esporta già in 48 paesi nel mondo. Con l’Oms inoltre Cuba mantiene un buon rapporto istituzionale. Devo dire che in campo di ricerca nessuno al mondo sta utilizzando i nostri approcci, che però hanno un enorme vantaggio: i costi sono più bassi”.

Dal suo punto di vista, i vaccini “capitalisti” sono un buon prodotto?
“Non metto in dubbio l’efficacia di nessun vaccino in commercio, assolutamente, posso essere critico solo delle modalità di produzione e distribuzione. Il “cattivo” non è Pfizer, per dire, ma penso il modello economico in sé. Contestare un vaccino che ha superato i passaggi ufficiali significherebbe far crollare la scienza. Ci chiediamo tutti invece, a livello globale, quanto durerà la copertura, come funzionerà con i richiami, ma appunto: sono quesiti che riguardano il mondo intero”.

A Cuba i vaccini sono obbligatori?
“No, ma ricordo che nel 2013 quando arrivai le persone ci chiedevano novità sul vaccino contro il tumore al polmone, che al momento è anch’esso in clinical trial. I quali sono tutti composti da volontari, mentre le altre compagnie danno un indennizzo. Per dire che i cubani hanno grande fiducia nella scienza e nel sistema vaccinale. Non c’è bisogno di obbligare nessuno”.

Quando pubblicherete i risultati delle vostre ricerche?
“I nostri prodotti vanno protetti intellettualmente, ci stiamo lavorando e i brevetti sono pubblici ma stiamo aspettando il via libera dell’ufficio brevetti per pubblicare nelle riviste scientifiche internazionali. A breve comunque”.

Uscendo dal campo medico, ma lei è comunista?
“Sì, la risposta è sì, senza giri di parole. Solo a Cuba è possibile lavorare ad un prodotto che vada dal laboratorio alla clinica in maniera totalmente pubblica. Faccio questo lavoro principalmente per gli altri, è la mia etica, che si sposa in pieno con il lavoro portato avanti nell’isola”.

1 commento per Arriva il vaccino anti Covid-19 e qualche domanda ancora rimane

  • Rosanna Conte

    In Italia, una volta i comunisti mangiavano i bambini, poi diventarono pericolosi sovvertitori dell’ordine costituito, poi sostenitori della dittatura staliniana, poi utopisti, poi… Ma perché, esistono ancora? Nella propaganda della destra per confondere le idee sì esistono (anche se dire che esistono i comunisti conferma che esistono anche i fascisti), nei partiti politici quasi per niente, nella mente e nel cuore degli italiani probabilmente un po’ di più.
    Forse bisognerebbe chiarire le idee per le nuove generazioni che non sanno nulla di destra e sinistra (e credono che sia giusto che non esistano più), né dello spirito gramsciano del comunismo italiano.
    Poiché le lezioni teoriche non fanno presa e sono barbose, c’è da chiedersi se il comportamento di Fabrizio Chiodo, con le sue dichiarazioni e la descrizione della medicina cubana, riuscirà a far veicolare un concetto diverso del comunismo.
    E’ un po’ difficile togliere le sterpaglie stratificate dall’accumulazione di un secolo di attacchi diretti e indiretti, ma il prossimo anno ricorre il centenario della nascita del partito comunista in Italia – la scissione di Livorno – con il gruppo che pensava e agiva intorno a Gramsci.
    Potrebbe essere l’occasione per riparlarne.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.